Articolo
20 gen 2018

L’aeroporto di Catania chiude il 2017 con 9.120.913 passeggeri

di Mobilita Catania

L'Aeroporto di Catania ha chiuso il 2017 con oltre 9,1 milioni di passeggeri (nel dettaglio 9.120.913) registrati al 31 dicembre scorso. Un anno straordinario per numero di presenze e costante crescita percentuale a due cifre: +15,25% (nel 2016 si era sfiorato il tetto degli 8 milioni fermandosi a 7.914.117 viaggiatori). Solo il mese di dicembre ha registrato 614.537 transiti (+5,18), ancora in aumento rispetto allo stesso mese del 2016 quando i passeggeri furono 584.268.  I dati forniti dall'Ufficio Traffico SAC vedono una sensibile crescita dei voli internazionali con 2.925.385 milioni di passeggeri (+18,41%), ripartiti in oltre 2,7 milioni da/per paesi dell'Unione Europea, mentre sono sensibilmente cresciuti quelli provenienti da area non UE: 216.396 utenti (+36,78 rispetto al 2016, quando furono poco più di 158mila). Analogo incremento a due cifre anche nel contesto dei voli nazionali con 6.184.360 transiti (+13,87%). 《L'Aeroporto di Catania archivia il 2017 come un anno dalle grandi performance – dichiarano Daniela Baglieri e Nico Torrisi, Presidente e Ad di SAC – non solo in termini di flussi di traffico, ma anche per gli straordinari risultati ottenuti in alcuni servizi primari ai passeggeri, come i controlli ai varchi di sicurezza dove una più razionale organizzazione delle strumentazioni e ripartizione del personale, unita alla presenza dei facilitatori tra le file, ci ha consentito di fluidificare i flussi dei passeggeri ed eliminare code e rallentamenti. E ancora una serie di migliorie per semplificare l'accesso ai passeggeri a ridotta mobilità (PRM), come la realizzazione di una rampa dedicata in airside, dopo varchi sicurezza, utile anche a famiglie con passeggini e, all'esterno, piano Partenze, i nuovi totem per chiamare gli assistenti ai PRM; all'interno del terminal numerosi interventi per rendere più confortevole la permanenza di viaggiatori e accompagnatori: 4 nuovi desk per il check-in; sostituzione e aumento delle poltroncine agli Arrivi, il nuovo impianto di amplificazione per gli annunci vocali, wi-fi gratis, 144 postazioni di ricarica dei dispositivi elettronici sia in landside che in air side; info-point agli Arrivi. Infine l'implementazione dei collegamenti nazionali e internazionali con un'ampia scelta fra compagnie, servizi e prezzi. Questi risultati, frutto di un impegno non comune che riconosciamo a tutti coloro i quali, a vario titolo, partecipano della vita aeroportuale – enti aeronautici, forze dell'ordine, operatori e addetti di scalo – sono da stimolo per SAC a migliorare e implementare i servizi ai passeggeri. Al contempo sono la conferma di come, insieme con lo scalo di Comiso, il Sistema aeroportuale del sud-est Sicilia rivesta un enorme valore sociale in termini di supporto al territorio: sia nel turismo (settore che, come documentano portali di viaggi e notizie di cronaca, vede la Sicilia e i suoi siti d'arte sempre in cima alle destinazioni preferite) sia a sostegno di piccole e grandi imprese per le quali l'arrivo di nuove rotte, in Europa e in altri continenti, rappresenta lo stimolo ad ampliare l'attività in campo internazionale. Dal canto suo, SAC, sta supportando questo eccezionale sviluppo con investimenti in autofinanziamento, approvati da Enac, per oltre 95 milioni di euro fino al 2020 i cui primi effetti si vedranno nelle prossime settimane》. ROTTE, quali le più trafficate in Italia e all'estero da Catania: La rotta italiana più trafficata, sebbene in impercettibile flessione (-1%), resta quella con Roma Fiumicino (2.014.006 passeggeri); seguita da Milano Malpensa che ha registrato un'impennata di presenze: 956.239 (+92% sul 2016 quando furono 495mila); meno popolata la rotta su Milano Linate, dove si è registrato il -15% di presenze (588mila). Sul fronte internazionale le destinazioni più trafficate sono, nell'ordine: Malta con 292.564 passeggeri (+52%); London Gatwich con 205.595 (+6%); Amsterdam con 155.881 viaggiatori (+61%). Ragionando in termini di macroaree, resta la Germania, invece, la nazione con il maggior numero di passeggeri diretti o provenienti dall'Aeroporto di Catania: oltre 627mila nel 2017 (+7%), seguita dal Regno Unito con 338mila utenti (+12%) e Malta. DESTINAZIONI, le novità del 2018 da Catania Sono oltre 90 le destinazioni operate dall'Aeroporto di Catania con voli annuali, stagionali e nuove rotte (alcune su destinazioni già presenti ma servite da altre compagnie aeree, offrendo così ai passeggeri maggiori possibilità di scelta e prezzi competitivi). Ecco le novità per il 2018, alcune cominciano già a gennaio, altre prendono il via con la Summer, ovvero da fine marzo: Europa AUSTRIA: Vienna (Air Malta, da gennaio) FRANCIA: Tolosa (Volotea, summer), Bordeaux, Nizza (easyJet, summer); Nantes e Lione (Transavia France che aumenta anche i voli su Parigi); in arrivo Air France con voli su Parigi. GERMANIA: Norimberga (Eurowings, summer); Francoforte aumenta frequenze, sia con Lufthansa che Ryanair ROMANIA: Cluj Napoca (Blue Air) POLONIA: Wroclaw (Wizz Air) IRLANDA: Dublino (Aer Lingus aumenta voli) ITALIA: Venezia e Verona (Alitalia, nuovo collegamento annuale a partire dalla summer) Asia EAU (Emirati Arabi Uniti): Dubai (e in connessione con Asia e Australia), da giugno ISRAELE: Tel Aviv (Arkia aumenta frequenze nella summer); in arrivo El Al (da giugno) Africa MAROCCO: Casablanca (Air Arabia Maroc, aumenta frequenze); probabile arrivo di Royal Air Maroc sempre su Casablanca COMPAGNIE AEREE, la classifica dell'Aeroporto di Catania Ryanair, cresciuta del 42% come numero di passeggeri a Catania, si conferma la prima compagnia per volume di traffico con oltre 2,8 milioni utenti (2.837.815); seguono Alitalia, in lieve aumento con oltre 1,8 milioni (+1,33); terza Easyjet che ha superato il tetto dell'1,1 milioni di utenti ed è cresciuta nel 2017 del 20,72%; seguono Volotea con 619.520 passeggeri (+10,75%), Vueling con 419.955 (-8,73%); Blue Air con 277.214  (+17,65%); Wizz Air con 233.739 (+63%) e infine Air Malta con 170.411 viaggiatori in transito su Catania (+5,13).   Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
09 dic 2017

Ponte dell’Immacolata positivo per l’Aeroporto di Catania, quota 9 milioni di passeggeri vicina

di Mobilita Catania

Il 2017 sarà, per l'aeroporto di Catania, un anno ricco di soddisfazioni per i risultati raggiunti e proprio sotto Natale raggiungerà la quota record di 9 milioni di passeggeri. Per il Ponte dell'Immacolata, che va dal 7 al 10 Dicembre 2017, SAC prevede una crescita passeggeri di circa +10,54%. Se infatti nello stesso periodo del 2016 sono stati registrati 70.604 utenti in transito, per quest'anno le stime sono di 78.044 viaggiatori. Aumentano i movimenti degli aeromobili: 543 oggi, contro i 509 del 2016; cresce il load factor, il fattore di riempimento degli aeromobili, con una media dell'86% dei posti venduti rispetto all'83% dello scorso anno. I dati, non ancora definitivi, vedono ancora una crescita di passeggeri di quasi 8% rispetto al novembre 2016. Nel mese appena trascorso sono stati registrati 591.562 transiti (circa 50 mila in più dello scorso anno, quando furono 547.887); il dato progressivo, da gennaio a novembre 2017, sale fino a quota 8.506.057 (dati non ancora definitivi). Siamo quindi ormai prossimi al tetto record dei 9 milioni di passeggeri, un nuovo traguardo dopo quello degli 8 milioni sforato anzitempo, nel mese di novembre. L'approssimarsi delle festività natalizie è stato festeggiato ieri con l'esordio del progetto "Natale Digitale". Per trenta giorni, dall'8 dicembre, e fino al 6 gennaio, l'Aeroporto di Catania si accenderà di luci ed emozioni "live": dalle prime luci della sera e fino all'alba, infatti, ogni notte la torre degli uffici del Terminal A si trasformerà in una sorta di totem a tema natalizio grazie alla tecnologia digitale del videomapping che, sulla superficie circolare dell'edificio, proietterà divertenti animazioni dedicate alla magia del Natale e visibili anche a distanza. foto di copertina: Catania Airport [instagram] Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2017

Flydubai collegherà Catania a Dubai: voli già in vendita

di Roberto Lentini

Dal 13 giugno un nuovo volo giornaliero operato da Flydubai, compagnia aerea emiratina a basso costo di proprietà del governo locale, collegherà Catania con Dubai ed è già prenotabile dal sito della compagnia. Verrà utilizzato un B737/800 con prezzi a partire da 206,88 euro per la Economy e 946,98 euro per la Business class. Ecco gli operativi del volo: CTA → DXB FZ768  13:15 21:05  -1-2-3-4-5-6-7- DXB → CTA FZ767  08:10 12:15  -1-2-3-4-5-6-7- Il volo CTA-DXB partirà da Fontanarossa e atterrerà all'Aeroporto Internazionale di Dubai, il principale aeroporto della città, negli Emirati Arabi Uniti.  È il più grande e importante aeroporto del Medio Oriente ed è situato nel quartiere di Garhoud, 4 km a nord-est della città. L'aeroporto è servito dalla metropolitana di Dubai, che serve l'aerostazione con due linee: la linea rossa ha una stazione al Terminal 3 e al Terminal 1. La metropolitana offre servizi dalle 06:00 alle 22:15, tutti i giorni tranne il venerdì, quando opera tra le 13:00 e le 23:15. Questi tempi variano durante il mese santo islamico del Ramadan. Entrambe le stazioni si trovano di fronte ai terminal e si può accedere direttamente dalle aree degli arrivi. La linea verde passa per l'altra stazione dell'aeroporto, nella cosiddetta zona franca, da cui i passeggeri possono connettersi con il Terminal 2. Gli autobus di Dubai sono gestiti da RTA, eseguono una serie di itinerari per la città ma soprattutto a Deira e sono disponibili presso il Ground Transportation Centre (Centro dei trasporti di superficie) dell'aeroporto e presso gli arrivi. Le stazioni degli autobus sono situate di fronte ai Terminal 1, 2 e 3. I bus locali 4, 11, 15, 33 e 44 vengono utilizzati per collegare il T1 con il T3, mentre il bus 2 collega il T1 con il T2. I bus sono ad aria condizionata e trasportano i passeggeri nel centro della città e in oltre 80 hotel di Dubai. I servizi di autobus sono disponibili per le principali città e cittadine, tra cui Abu Dhabi, al-'Ayn e Sharjah. La Emirates offre un servizio gratuito di pullman, che gestisce 3 servizi giornalieri da e verso al-'Ayn e quattro servizi giornalieri da e per Abu Dhabi.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 nov 2017

L’aeroporto di Catania riceve la certificazione europea

di Mobilita Catania

ENAC ha consegnato oggi all'Aeroporto di Catania la Certificazione europea di Aeroporto ai sensi del Regolamento UE 139/2014. Si tratta di un importante documento che, facendo riferimento a un complesso sistema di regole internazionali condivise dai paesi UE, attesta la conversione della certificazione aeroportuale dalle norme nazionali a quelle comunitarie: di fatto assimila e uniforma i requisiti tecnici e le procedure amministrative dell'Aeroporto di Catania agli standard europei condivisi dai Paesi dell'Unione. Alla consegna della certificazione, per mano di Roberto Vergari (Direzione Centrale ENAC, Vigilanza Tecnica) e dell'ing. Alessandro Scialla (ENAC, Direttore Operazioni Sud), erano presenti Daniela Baglieri (Presidente SAC spa), Nico Torrisi (Amministratore Delegato SAC Spa), Vincenzo Fusco (Direttore ENAC Aeroporto di Catania) e l'Accountable manager di SAC, ing. Antonio Palumbo, che in questi mesi ha coordinato il team di tecnici SAC impegnato nell'adeguamento infrastrutturale e amministrativo dello scalo propedeutico al rilascio del documento. Nel corso della consegna, Vergari ha espresso soddisfazione per "lo sforzo fatto dalla società di gestione, SAC, per individuare le figure professionali richieste dalla Certificazione Europea a garanzia dello sviluppo e che sono elemento propedeutico alla crescita in sicurezza dell'aeroporto. Una responsabilizzazione della società di gestione che diventa centrale nella funzionalità e nello sviluppo dell'aeroporto in sicurezza". "Esprimo apprezzamento – ha detto la presidente Daniela Baglieri - per l'ottimo lavoro di squadra portato a termine dalla nostra azienda in collaborazione con Enac. Un investimento, in termini di cultura organizzativa e qualità delle figure professionali, non meno importante e propedeutico di quelli che ci apprestiamo a realizzare per potenziare le infrastrutture. L'AD Nico Torrisi ha aggiunto: "Abbiamo adeguato le nostre procedure e infrastrutture di sicurezza ai parametri europei investendo sull'organizzazione del lavoro e sulla qualificazione del personale, con risvolti positivi per la safety, aspetto che spesso non viene adeguatamente sottolineato - perché si parla di investimenti in quantità e qualità dei servizi aeroportuali - ma che riveste per noi tutti grandissima importanza. Oggi il nostro aeroporto è ancora più internazionale e al pari degli altri scali europei. Per questo importante risultato ringrazio l'Enac e tutto il team di SAC che vi ha lavorato con grande dedizione". Numerosi i settori di SAC che hanno preso parte alla certificazione, dal management alla squadra di tecnici dell'area Engineering, dell'area di Movimento, della Manutenzione, della Safety, insieme al Compliance Manager e al Training Manager. Spiega Antonio Palumbo, Accountable Manager di SAC: "Un grande lavoro di squadra che ha incluso anche l'ENAC, con un team di esperti che ci ha supportato attivamente nella verifica degli adeguamenti alle norme comunitarie. La certificazione 139, infatti, disciplina e uniforma in tutti gli scali europei le norme relative alla safety: quell'insieme di procedure che garantiscono la sicurezza di passeggeri e addetti aeroportuali, sia nelle fasi di movimentazione a terra degli aeromobili, sia in fase di volo. Nel caso di Fontanarossa oltre ad alcune previste modifiche ai processi di gestione, nel corso del prossimo anno, saranno realizzate alcune varianti infrastrutturali, già programmate, sempre per il miglioramento della safety aeroportuale. Esprimiamo gratitudine all'ENAC per averci supportato durante tutto il lavoro di ricognizione e dei successivi adeguamenti che da oggi allineano l'Aeroporto di Catania ai più elevati standard adottati nei Paesi dell'UE, a tutela della safety di passeggeri e operatori. Infine un ringraziamento va all'Enav e ai Vigili del Fuoco, due stakeholders fondamentali per il processo di conversione, che in questi mesi hanno collaborato attivamente per il raggiungimento di questo importante traguardo"

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ott 2017

L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal

di Amedeo Paladino

Il 2017 verrà archiviato come l’anno-record di Fontanarossa con oltre 9 milioni di passeggeri giunti in Sicilia atterrando o decollando ai piedi dell’Etna: nei mesi di luglio e agosto è stato superato il milione di passeggeri in transito dallo scalo etneo, con un trend di crescita a doppia cifra. Nel mese di maggio di quest'anno SAC ed ENAC hanno formalizzato un Contratto di Programma con cui si è dato il via al piano di investimenti infrastrutturali per il quadriennio 2017-2020 del valore di 95 milioni di euro; tra questi i lavori di conversione del centro polifunzionale agroalimentare e turistico "Norma" in Terminal dedicato alle partenze, per i quali gli scorsi giorni è stato pubblicato l'esito definitivo della gara d'appalto. Gli interventi sono stati aggiudicati dall'ATI (associazione temporanea di imprese) composta dalla SAE – Società Appalti Edili s.r.l. e dalla BCS – Costruzioni s.r.l. per un importo di 734.543,86 euro. La struttura del centro polifunzionale era stata edificata agli inizi degli anni 2000 come Terminal arrivi per sopperire all'esigenza di reperire spazi in sostituzione di quelli impegnati dal cantiere dei lavori di ristrutturazione e di ampliamento dell’aerostazione. Con la messa in esercizio del terminal A, la struttura e il terminal denominato Morandi, vennero chiusi al pubblico. Nel 2014, con un intervento significativo di ristrutturazione, il terminal è stato adibito a “centro polifunzionale agroalimentare e turistico” e denominato "Norma". Dopo i lavori di conversione che dovrebbero terminare nei primi mesi del 2018, la struttura sarà adibita a terminal Partenze dedicato ai voli low-cost in area Schengen: su una superficie di circa 3800 mq troveranno posto quattro postazioni check-in, quattro varchi di sicurezza, la zona sterile, composta da quattro gate e da sale d’aspetto per i passeggeri, sono inoltre previsti due bar, uno nei pressi dell’ingresso e uno all'interno della zona sterile, e due aree commerciali. Il nuovo terminal potrà ospitare un flusso di circa 350 passeggeri l’ora e una stima di 40 mila passeggeri al mese. Oltre ai lavori del terminal C, il piano d'investimenti per il quadriennio 2017-2020 prevede tra gli interventi nella zona land-side, anche l'adeguamento del vecchio terminal Morandi- chiuso nel 2007 contestualmente all'apertura della nuova aerostazione Bellini- alla nuova normativa antisismica, conferendogli una nuova conformazione architettonica integrata con l’esistente terminal A. L'aeroporto di Catania dà seguito all'aumento di passeggeri, migliorando i servizi d'accoglienza: dalla scorsa settimana sono operativi quattro nuovi banchi check-in. In Air-Side si attende invece il collaudo della nuova rampa dedicata ai passeggeri a ridotta mobilità (Prm) e alle famiglie con bambini e passeggini. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 set 2017

Aeroporto Catania-Fontanarossa, cancellati alcuni voli causa maltempo centro Italia

di Mobilita Catania

Anche l'aeroporto di Catania risente del maltempo che sta interessando il centro Italia e in particolare l'aeroporto romano di Fiumicino. Si sono infatti verificati degli allagamenti che hanno interessando le piazzole dell'aeroporto romano dove viene effettuato il rifornimento del carburante, sospeso come da normativa per la presenza di scariche di fulmini. Pertanto numerosi voli da e per Roma registrano ritardi o cancellazioni. I voli in partenza da Catania per Roma registrano ritardi di circa 2 ore mentre due voli Ryanair sono stati cancellati. Ecco i voli cancellati in partenza da Catania: Volo FR 04857 Ryanair in partenza per Roma Fiumicino delle 11:15 Volo FR 01020 Ryanair in partenza per Torino delle 12:45 I voli provenienti dal centro e nord Italia registrano ritardi di circa due ore Ecco al momento i voli cancellati diretti a Catania: Volo FR 01030 Ryanair proveniente da Torino delle 17:00 Volo FR 04872 Ryanair proveniente da Roma Fiumicino delle 19:05 Qui la nota Ryanair: "Ci rincresce informare i nostri passeggeri che a causa di avverse condizioni atmosferiche in Italia in data 10 Settembre 2017 siamo stati costretti a cancellare i voli elencati sotto. I nostri clienti saranno aggiornati sullo stato dei propri voli via e-mail e/o tramite il numero di cellulare fornito al momento della prenotazione. È possibile monitorare lo status del proprio volo online cliccando qui. Putroppo ci aspettiamo ulteriori ritardi e cancellazioni e, pertanto, chiediamo gentilmente ai nostri clienti di monitorare questa notifica, che sarà tempestivamente aggiornata durante il giorno. Ci scusiamo sinceramente per qualsiasi ritardo o inconveniente causato da questie interruzioni al di fuori del nostro controllo". Dalla pagina facebook di "Sicilia in Volo" apprendiamo che il primo posto libero, da Catania per Fiumicino, con Ryanair, è disponibile solo per il prossimo giovedi, mentre è quasi nulla la disponibilità con Alitalia da Fontanarossa con parecchie partenze già esaurite.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2017

Aeroporto di Catania, Mistral Air conferma la rotta per Pescara anche per l’inverno

di Roberto Lentini

La compagnia aerea pubblica Mistral Air conferma anche per l'inverno la rotta Catania-Pescara già attiva dal 12 giugno 2017. Il volo sarà bisettimanale e sarà operato il lunedi e venerdi con prezzi a partire da 58,01 euro Ecco gli operativi del volo: CTA PSR M40276 13:20 15:15 - 1 - PSR CTA M40275 10:45 12:45 - 1 - CTA PSR M40276 13:15 15:10 —5– PSR CTA M40275 10:15 12:15 -5– Atterra nell’Aeroporto d’Abruzzo, ubicato a circa 3 km dal centro di Pescara al confine tra i Comuni di Pescara e S. Giovanni Teatino direttamente sulla Strada Statale Tiburtina; si arriva a Pescata tramite le linee 8 e 38, effettuato dalla compagnia GTM, con frequenza ogni 20 minuti.

Leggi tutto    Commenti 0