Articolo
20 mar 2019

L’aeroporto di Catania Fontanarossa ritorna pienamente operativo a conclusione dei lavori

di Mobilita Catania

La società di gestione dell’aeroporto di Catania comunica che nella notte tra ieri (lunedì 19 marzo) e oggi si sono conclusi -con un giorno di anticipo- i lavori per la sistemazione di una parte della via di rullaggio dello scalo. Nel dettaglio, si è proceduto al rifacimento del “tappetino” di asfalto e della segnaletica dell’area di movimento in vista della stagione “Summer”, che inizierà il 31 marzo e che porterà un grande aumento dei voli sullo scalo catanese. Da stamattina, l’aeroporto di Catania è quindi tornato pienamente operativo. I lavori, resisi necessari per ragioni di sicurezza, sono andati avanti per 9 giorni. La somma stanziata è stata di 170.000 euro. Piena soddisfazione dell’AD Nico Torrisi, sia per la velocità con cui le opere sono state realizzate, che per la proficua collaborazione con l’aeroporto di Comiso e con le due autolinee che hanno provveduto al servizio straordinario di navette per i collegamenti con l’aeroporto ibleo: «Abbiamo dimostrato come sia possibile, con l’impegno di tutti e la collaborazione tra diversi enti, portare avanti lavori molto impegnativi in tempi record, minimizzando i disagi per i passeggeri. All’aeroporto di Catania si è lavorato notte e giorno riuscendo addirittura a concludere i lavori anzitempo: l’aeroporto di Comiso, da parte sua, ha operato egregiamente a pieno regime, sostenendo un traffico enorme, senza alcun problema e senza ritardi significativi. Inoltre, nonostante andasse oltre le nostre prerogative, siamo riusciti ad avviare un servizio di navette nel giro di un solo giorno, tra l’altro prefestivo, per agevolare i passeggeri nei loro spostamenti su Comiso dovuti al dirottamento dei voli della compagnia Ryanair. La totale sinergia con lo scalo ibleo testimonia peraltro la bontà del “sistema integrato” tra i due aeroporti, che ci auguriamo possa al più presto diventare la normalità. Ringrazio quindi il presidente di SOACO Silvio Meli, l’amministratore delegato Renato Serrano e il consigliere SAC Rosario Dibennardo, assieme a tutti i lavoratori di entrambi gli scali, agli enti di Stato che ci sono stati al fianco e alle società di handling per il grande impegno profuso in questi giorni». Nell’arco dei 9 giorni di lavori, i voli atterrati al “Pio La Torre” di Comiso sono stati 308 (42 dei quali originariamente già programmati sullo scalo ibleo) per un totale di 45546 passeggeri (7230 dei quali già programmati su Comiso). Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mar 2019

Ryanair lancia la nuova rotta Catania-Rodi per l’estate 2019

di Roberto Lentini

Ryanair ha annunciato una nuova rotta da Catania a Rodi, dal 6 luglio 2019 al 28 settembre 2019 con una frequenza settimanale e prezzi a partire da 108,00 euro. Chiara Ravara di Ryanair ha dichiarato: “Per festeggiare, rilasceremo offerte sui voli da Catania a partire da soli € 16,99, per viaggi entro la fine di maggio che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di domenica (3 marzo). Dal momento che queste incredibili tariffe andranno ad esaurirsi rapidamente, invitiamo clienti a collegarsi a www.ryanair.com ed evitare di perdersi l’occasione.” Ecco gli operativi del volo. CTA 11:15 → RHO 14:20 FR 5010 - 6 - RHO 15:05 → CTA 16:10 FR 5011 - 6 - Atterra all'aeroporto di Rodi a circa 15 km dal centro della città di Rodi a nord-ovest dell'omonima isola.  Se prendete un’auto a noleggio all’aeroporto di Rodi potete raggiungere il centro della città in circa 20-25 minuti attraversando gli abitati di Kremasti e Ialyssos. Tuttavia, se intendete raggiungere il centro della città con i mezzi pubblici, potete prendere i bus all’uscita del terminal arrivi. Seguite i bus con destinazione Rodos. Per una maggiore comodità, all’uscita del terminal arrivi sono presenti i Taxi 24 ore al giorno, tutti i giorni.  Cosa vedere a Rodi   Rodi è un museo a cielo aperto, qui i segni della sua storia gloriosa convivono in armonia con spiagge bellissime, siti archeologici e un mare cristallino.  Impossibile rimanere a corto di idee su cosa vedere a Rodi: l’isola è così ricca di attrazioni turistiche che si potrebe spendere una settimana senza nemmeno mettere piede in una spiaggia. Siamo però certi che vi dispiacerebbe non spendere almeno metà della vostra vacanza esplorando le incantevoli spiagge di Rodi, e ne vale certamente la pena tanto sono suggestive. Il resto del tempo dividetelo tra la vivace capitale dell’isola, l’incantevole villaggio di Lindos, rovine antiche dal fascino mitico, opulente terme del primo Novecento, musei per tutti i gusti e bellezze paesaggistiche come un bosco di farfalle o un fiume immerso nel verde. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 gen 2019

Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità

di Roberto Lentini

L’aeroporto di Catania si conferma, nel 2018, il primo scalo del Sud Italia, appena avanti all’aeroporto di Napoli, e quinto in assoluto a livello nazionale, precedendo anche Milano Linate. Il 2018  ha registrato importanti novità, prima fra tutte l’apertura del Terminal C, che ha registrato 284.482 passeggeri e 1813 movimenti, contribuendo a rendere meno caotico e affollato il Terminal A. Il Terminal C, entrato in funzione lo scorso 14 luglio 2018, è destinato all’imbarco dei passeggeri diretti in Italia e in area Schengen e al momento è utilizzato dalla compagnia Easyjet per i voli su Malpensa (4/5 rotazioni giornaliere), Venezia (2 al giorno), Napoli e, in Europa, per Amsterdam, Berlino, Bordeaux, Lione, Nizza e Parigi. A giorni dovrebbero iniziare i lavori per la fermata ferroviaria di Fontanarossa, a servizio dello scalo etneo, i cui lavori dovrebbero concludersi entro il 2020. La fermata di Fontanarossa sarà realizzata nei pressi dell'accesso al Nucleo Aeromobili della Guardia Costiera e sarebbe a totale carico della RFI per un costo di circa cinque milioni di euro. La Sac, società di gestione dell’aeroporto etneo, dovrebbe realizzare una nuova bretella di collegamento che insiste, per circa 800 metri, su sedime di proprietà della stessa Sac. Nel lungo periodo dovrebbe invece essere realizzata la nuova stazione ferroviaria di Fontanarossa, lungo il passante, in connessione con la metropolitana di Catania, tramite la prevista stazione di Santa Maria Goretti, e con il parcheggio scambiatore omonimo (vedi anche Metropolitana di Catania da “Stesicoro” all’Aeroporto: dove sorgeranno le stazioni). Per l’interramento dei binari, propedeutici per una nuova pista dell’aeroporto, è stato istituito un apposito tavolo tecnico ed avviata la progettazione coordinata con ENAC/SAC. Nell’ambito dell’intervento d’interramento dei binari è inclusa la realizzazione della nuova stazione del passante di Bicocca. Il 2018 è stato anche l'anno dei grandi numeri per l'aeroporto di Fontanarossa che per la prima volta ha sfiorato la doppia cifra di 10 milioni di passeggeri, arrivando a registrarne ben 9.933.318, con una crescita rispetto all’anno precedente del 8,91%. Nel 2018, la rotta nazionale più trafficata si conferma quella per Roma Fiumicino, con 13.611 movimenti e 1.982.475 pax trasportati tra arrivi e partenze (dato del tutto simile a quello dell'anno precedente), seguita da Milano Malpensa con 6.570 movimenti (+10%) e 1.053.290 pax (+10,15%).  La rotta internazionale più trafficata è stata Malta con 2.620 movimenti (+16%) e 330.164 pax (+12,77%), seguita da Londra LGW con 1.286 movimenti (invariato) e 206.346 pax (+0.37%) e Francoforte con 1.080 movimenti (+320%) e 165.415 pax (+311,44%) Tra le compagnie aeree, per ordine di rotte eseguite, troviamo al primo posto Ryanair seguita da Alitalia. Ecco nel dettaglio le prime dieci compagnie per numero di movimenti nel 2018: Ryanair 16.984 movimenti (+2,82%); Alitalia 15.660 movimenti (+2,33%); Easyjet 9.516 movimenti (+28,1%); Volotea 5.798 movimenti (-3,21%); Vueling 2.489 movimenti (-18,93%); Eurowings 2.373 movimenti (+185.90%); Air Malta 2.218 movimenti (+45,35%); Blue Air 1.614 movimenti (-23%); Wizz Air 1.484 movimenti (+5,10%); Lufthansa 1.088 movimenti (+98,54%). L'aeroporto di Catania è stato collegato con ben trentatré stati diversi, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Egitto, Francia, Emirati Arabi Uniti, Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Israele, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Marocco, Olanda, Polonia, Portogallo, Rep. Ceca. Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tunisia, Turchia, Ungheria. Di questi Paesi, ecco la TOP 8 per numero di pax da/per Catania: GERMANIA con 784.808 pax (+26,23%); INGHILTERRA con 375.894 pax (+11,19%); FRANCIA con 372.828 pax (+40,15%); MALTA con 330.164 pax (+12,77%); SVIZZERA con 244.446 pax (+15,77%) OLANDA con 228.828 pax (+9,24%); SPAGNA con 175.332 pax (+16,27%); ROMANIA con 144.199 pax (-11,41%). Le giornate più trafficate si sono avute nei mesi di luglio, agosto e settembre: 29/07/2018 con 41.094 pax (arrivi + partenze); 02/09/2018 con 40.776 pax; 18/08/2018 con 40.466 pax; 12/08/2018 con 40.262 pax; 22/07/2018 con 39.464 pax. Le fasce orarie più trafficate: 09-10 del 10/08/2018 con 3.520 pax (arrivi + partenze); 21-22 del 02/10/2018 con 3.449 pax (arrivi + partenze); 09-10 del 27/07/2018 con 3.434 pax (arrivi + partenze); 09-10 del 15/07/2018 con 3.335 pax (arrivi + partenze); 10-11 del 10/06/2018 con 3.323 pax (arrivi + partenze). Il giorno in partenza più caotico: 02/09/2018 con 21.922 pax. La fascia oraria in partenza registratasi più caotica: 09-10 del 20/09/2018 con 2.136 pax. Il giorno in arrivo più caotico: 29/07/2018 con 20.618 pax. La fascia oraria in arrivo registratasi più caotica: 09-10 del 15/07/2018 con 2.085 pax. Durante le Feste pasquali il traffico passeggeri ha registrato l'incremento maggiore con le rotte internazionali Pasqua 29/03/2018 – 04/04/2018 (last year 13-19/04/2017): Movimenti totali: 1.379 vs 1.350 (+2,15%); Pax Totali: 190.511 vs 186.330 (+2,24%); Pax Nazionali: 123.182 vs 121.406 (+1,46%); Pax Internazionali: 67.329 vs 64.924 (+3,70%). Anche il periodo natalizio ha fatto registrare un incremento del traffico internazionale con un +16,86 rispetto al 2017. Periodo Natalizio: 21/12/2018-08/01/2019 vs anno precedente: Movimenti totali: 3.199 vs 2.834 (+12,88%) Pax Totali: 435.132 vs 397.642 (+9,43%); Pax Nazionali: 318.944 vs 298.217 (+6,95%): Pax Internazionali: 116.186 vs 99.425 (+16,86%). Percentuale a doppia cifra anche per i passeggeri internazionali durante il periodo estivo con un +16,48. Periodo Estivo: 01.06.2018 – 30.09.2018 (vs 2017): Movimenti totali: 29.249 vs 27.667 (+5,7%); Movimenti Nazionali: 17.259 vs 17.473 (-1,22%); Movimenti Internazionali: 11.990 vs 10.188 (+17,69%); Pax totali: 4.165.647 vs 3.879.964 (+7,3%); Pax Nazionali: 2.417.274 vs 2.379.027 (+1,61%); Pax Internazionali: 1.748.373 vs 1.500.937 (+16,48%).   Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa Nuova pista aeroporto di Fontanarossa: il progetto ufficiale Fermata ferroviaria Fontanarossa: finalmente si comincia. A gennaio al via i lavori Passante Ferroviario di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 gen 2019

Eruzione Etna, la situazione in diretta dall’aeroporto di Catania

di Mobilita Catania

AGGIORNAMENTO ORE 8, DOMENICA 27 GENNAIO  La società di gestione dell'aeroporto di Catania comunica che, in seguito alla diminuzione dell'attività eruttiva dell'Etna, l'Unità di crisi ha disposto la completa riapertura dello spazio aereo. Si potranno comunque verificare ritardi e disagi sui voli in arrivo e in partenza, ma la situazione evolverà verso una graduale normalizzazione. AGGIORNAMENTO ORE 16:30, SABATO 26 GENNAIO  A causa della prosecuzione dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale emissione di cenere vulcanica in atmosfera, l’Unità di crisi ha disposto la totale CHIUSURA DELLO SPAZIO AEREO fino alle ore 11 di DOMENICA 27 GENNAIO. Fino ad allora nessun volo potrà quindi partire o atterrare all’aeroporto di Catania, non ci saranno ulteriori aggiornamenti fino a domattina. Intanto si registrano i primi disagi, l'Airbus 321 della Turkish Airlines da Istanbul giunto all'altezza della Grecia ha invertito la rotta per tornare in Turchia. AGGIORNAMENTO ORE 13:00 A causa della ripresa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale emissione di cenere vulcanica in atmosfera, l’Unità di crisi ha disposto la totale CHIUSURA DELLO SPAZIO AEREO dalle ore 13 alle ore 17 di oggi. Nella fascia oraria interessata NESSUN VOLO potrà quindi partire o atterrare all’aeroporto di Catania. I passeggeri sono pregati di informarsi sullo stato del proprio volo ESCLUSIVAMENTE con le compagnie aeree. Saranno comunicati ulteriori aggiornamenti solo dopo la prossima riunione dell’Unità di crisi. Il terminal rimane comunque aperto ai passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 set 2018

Aeroporto Fontanarossa, chiude la rampa partenze dal 24 settembre al 26 ottobre: le indicazioni per i passeggeri

di Mobilita Catania

SAC , società che gestisce l'aeroporto di Catania, comunica che, per consentire i lavori straordinari di riqualifica e impermeabilizzazione del tetto del Terminal A, dal 24 settembre al 26 ottobre non sarà consentito ai mezzi privati l’accesso alla rampa Partenze. I passeggeri e i loro accompagnatori che giungeranno in aeroporto a bordo dei propri mezzi potranno usufruire dei parcheggi P1 e P2, vicinissimi al Terminal A, per le operazioni di scarico dei bagagli e per i saluti. In entrambi i parcheggi i primi 15 minuti di sosta sono gratuiti. Durante queste settimane di lavori straordinari potranno transitare dalla rampa Partenze solo gli autobus pubblici e turistici, i mezzi delle Forze dell’Ordine e quelli di soccorso. L’area in questione sarà presidiata da personale del servizio Viabilità di Sac Service, al fine di informare gli utenti e rendere più fluido il traffico all’interno dell’area aeroportuale. Inoltre, in alcuni giorni di ottobre, che saranno comunicati a seguire e che potrebbero subire variazioni a causa di condizioni meteo non favorevoli, il transito dei mezzi inizialmente autorizzati sarà impedito del tutto per consentire nell’area del cantiere l’installazione di una gru per la movimentazione dei materiali destinati al tetto. Si invitano pertanto passeggeri, accompagnatori, personale dei servizi di trasporto pubblici urbani ed extraurbani a verificare eventuali variazioni della viabilità sul sito dell’Aeroporto di Catania, sui canali social istituzionali, sull’App e su Telegram. SAC, inoltre, nell’ottica di un continuo miglioramento della viabilità e dei servizi aeroportuali annuncia anche la volontà di istituire al più presto una ZTC (Zona a Traffico Controllato) che contribuirà notevolmente a mantenere scorrevole e ordinato il traffico nell’area aeroportuale. L’intervento di riqualifica e impermeabilizzazione del tetto del Terminal A rientra nella programmazione del Piano triennale degli investimenti (2017-2020) che SAC ha concordato con Enac nel maggio 2017. I lavori sono eseguiti da SAC in autofinanziamento e il costo complessivo dell’opera, che include i costi di sicurezza per le maestranze, ammonta a € 838.639,42. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Fontanarossa record, estate strepitosa: quinto posto nazionale per traffico passeggeri FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 lug 2018

L’aeroporto di Catania si avvia verso i 10 milioni, inaugurando il Terminal C

di Mobilita Catania

Con 3800 mq di superficie e un transito giornaliero di circa 2000 passeggeri (che diventano oltre 600.000 nel corso dell’anno), il nuovo Terminal C dell’Aeroporto di Catania - grazie all’importante intervento di ammodernamento di una struttura preesistente e rimasta inutilizzata - è diventato una nuova ed efficiente area di imbarco che supporta, alleggerendone il carico quotidiano di viaggiatori, il terminal principale (Terminal A).   L’opera, prevista dal Piano triennale degli investimenti siglato fra SAC ed ENAC nel maggio 2017, è costata poco più di 734mila euro (€ 734.543,86) che la società di gestione dell’Aeroporto di Catania – il più grande del Sud Italia, al servizio di sette delle nove provincie siciliane e prossimo a tagliare il traguardo dei 10 milioni di passeggeri - ha procurato in autofinanziamento. Entrato in funzione lo scorso 14 luglio, dopo i collaudi e le certificazioni degli enti preposti, il Terminal C viene inaugurato ufficialmente oggi alla presenza delle massime autorità territoriali, civili, militari e aeronautiche. È destinato all’imbarco dei passeggeri diretti in Italia e in area Schengen e al momento è utilizzato dalla compagnia Easyjet per i voli su Malpensa (4/5 rotazioni giornaliere), Venezia (2 al giorno), Napoli e, in Europa, per Amsterdam, Berlino, Bordeaux, Lione, Nizza e Parigi. Continuano a imbarcarsi dal Terminal A i voli Easyjet per la Svizzera (Basilea e Ginevra) e per il Regno Unito: Londa (scali di Gatwick e Luton) e Manchester. Gli arrivi da tutte le destinazioni restano al Terminal A. Situato al piano terra, il Terminal C consente la velocizzazione delle operazioni di imbarco favorendo il turn over del vettore e quindi incidendo in maniera determinante sulla puntualità: gli aeromobili possono infatti essere raggiunti a piedi dai passeggeri tramite un percorso protetto e provvisto di apposita segnaletica colorata. In land side si trovano 4 postazioni check-in e 4 varchi di sicurezza; in air side 4 gate per l’imbarco. Il Presidente dell’ENAC Vito Riggio, presente al taglio del nastro inaugurale insieme – fra gli altri ospiti – all’Assessore Regionale al Turismo, Sandro Pappalardo, in rappresentanza del Presidente della Regione, Nello Musumeci, trattenuto da impegni istituzionali, e al Sindaco di Catania Salvo Pogliese, ha dichiarato: “Dopo 10 anni e dopo il rifacimento della pista dell’aeroporto, il nuovo Terminal C rappresenta la prima opera significativa che permetterà allo scalo la gestione del crescente traffico passeggeri, garantendo una migliore qualità dei servizi agli utenti. Ci auguriamo che al nuovo Terminal, seguano a breve la ristrutturazione e il riutilizzo dell’area ex Morandi, e la realizzazione degli altri impegni assunti dalla SAC con la sottoscrizione del Contratto di Programma con l’ENAC per conto dello Stato”. “Esprimo plauso e soddisfazione per il recupero del Terminal C – commenta la Presidente SAC, Daniela Baglieri – che rappresenta non soltanto il primo risultato infrastrutturale conseguito da SAC, ma assume un alto valore simbolico in una terra che, purtroppo, è solita registrare chiusure e fallimenti di imprese. Chiaramente, il miglioramento della qualità dei servizi offerti e l’ampliamento del range di destinazioni rappresentano sempre i nostri obiettivi primari, unitamente a quelli legati agli investimenti infrastrutturali, ma oggi con l’inaugurazione del Terminal C mi piace sottolineare che la progettualità, unitamente al gioco di squadra, è vincente anche in contesti difficili come quello siciliano. Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’impegno e agli sforzi profusi da SAC, con il supporto fattivo degli Enti di Stato e, in particolar modo, di Enac. A tutti loro vanno i miei ringraziamenti e miei auspici per i prossimi obiettivi”. Nico Torrisi, Amministratore Delegato SAC: “Con l’apertura del Terminal C, l’aeroporto di Catania realizza il primo passo di un progetto importante e ambizioso, che è quello di offrire ai passeggeri - che in numero sempre maggiore scelgono il nostro aeroporto- un’infrastruttura globalmente moderna, accogliente e funzionale: e lo fa recuperando spazi e strutture che da troppo tempo non svolgevano più il loro compito originario. Ecco quindi che con un lavoro durato mesi, seguito con abnegazione ed entusiasmo da tutti gli addetti ai lavori, siamo pronti a inaugurare ufficialmente, e a riconsegnare alla comunità, un terminal che contribuirà non poco allo sviluppo dell’aeroporto e -per riflesso- del nostro territorio. Un aeroporto da 10 milioni di passeggeri, in una regione come la Sicilia, rappresenta un volano per l’intera comunità: facilita scambi economici e culturali, consente nuove esperienze di svago, di studio e di lavoro, offre la possibilità di uscire dall’isolamento e aprirsi a nuovi Paesi e nuove realtà. In una parola, influisce fortemente sulle vite di tante persone e di tante aziende. Come AD della SAC sento quindi la responsabilità non solo di ampliare continuamente il numero di rotte raggiungibili da Catania, ma anche di sfruttare tutti gli spazi a nostra disposizione per offrire ai passeggeri sempre più comfort, facilità di movimento e velocità durante tutte le procedure. Solo così potremo sostenere la crescita e continuare a offrire alla Sicilia preziose opportunità”. CHI USERÀ IL TERMINAL C Dal 14 luglio 2018 tutti i passeggeri dei voli easyJet in PARTENZA dall’Aeroporto di Catania e diretti ad Amsterdam, Berlino, Bordeaux, Lione, Milano, Napoli, Nizza, Parigi e Venezia (ovvero destinazioni in area Schengen) transitano nel Terminal C (TC), padiglione appena ristrutturato e restituito alla sua originaria funzione di aerostazione. CHI NON USERÀ IL TC Continuano a transitare dal Terminal A (TA) i passeggeri dei voli easyJet diretti in Svizzera e nel Regno Unito (area non Schengen): ovvero nelle città di Basilea, Ginevra, Bristol, Londra (scali di Gatwick e Luton) e Manchester. Tutti i passeggeri easyJet in ARRIVO a Catania, e provenienti da tutte le destinazioni citate (Schengen e non Schengen), continueranno a sbarcare nel Terminal A. COME CI SI INFORMA Le informazioni sul terminal di partenza (TA oppure TC) dall’Aeroporto di Catania sono indicate nel biglietto emesso dalla compagnia aerea easyJet e riportate sui monitor in aerostazione, sul sito e sulle app. DOVE SI TROVA IL TC, come raggiungerlo a piedi dopo aver parcheggiato Il TC si trova al piano terra, dopo il Terminal bus (area con biglietterie e stalli per gli autobus interprovinciali). Un’apposita segnaletica aiuta passeggeri e accompagnatori a raggiungere la struttura. In particolare, il tratto di marciapiede tra il Terminal A e il Terminal C (che coincide con il Terminal Bus e le biglietterie collegate) è stato riammodernato con l’inserimento di un percorso tattile per non vedenti e li orienta fra le due strutture. Gli accompagnatori dei passeggeri in partenza dal TC potranno utilizzare i parcheggi P1 e P2 per lo scarico dei bagagli e i saluti. A disposizione degli utenti 15 minuti gratuiti. P1 e P2 sono parcheggi ideali per la sosta breve (A/R da Catania entro 24 ore). Mentre il P4, più vicino al TC ma senza i 15 minuti gratis, è il parcheggio destinato alla sosta lunga (superiore alle 24 ore). Tutti i parcheggi sono dotati di tecnologia Telepass. COSA OFFRE IL TC I passeggeri in partenza da Terminal C dell’Aeroporto di Catania avranno a disposizione: 4 postazioni per il check-in (o per il drop off, ossia la consegna bagagli con check-in online già fatto, e per i bagagli fuori misura); 4 varchi per i controlli di sicurezza 4 gate per il transito in pista fino agli aeromobili a bordo delle navette 2 stalli auto per PRM (Passeggeri a Ridotta Mobilità) davanti l’aerostazione (da prenotare) 1 colonnina per chiamata PRM con assistenza di personale specializzato fino a bordo (servizio da segnalare al momento dell’acquisto del biglietto o da prenotare 48h prima del volo) 2 punti per la ristorazione: uno in landside e l’altro in airside, dopo i controlli, con una sala dedicata e allestita con tavoli e sedie per il consumo dei pasti. Sono gestiti da Chef Express (gruppo Cremonini Spa) che ha vinto una gara d’appalto. Fra le novità dell’area ristorazione del TC dell’Aeroporto di Catania figura una piccola area per celiaci, con alimenti senza glutine per i viaggiatori affetti da questa patologia sempre più diffusa. A disposizione, ultimato l’allestimento tutt’ora in corso, anche pasti caldi gluten-free. Monitor di ultima generazione, tecnologia digitale con display formato “stretch” (più info) Percorso tattile per i non vedenti all’interno del terminal per segnalare le toilette Toilette prima dei varchi di sicurezza (nr. 9) e dopo i varchi di sicurezza (nr. 7) Area dedicata alla ricarica dei dispositivi elettrici ed elettronici attrezzata con mensola Nr. 115 di poltroncine in area sterile Uffici e presidî delle Forze dell’Ordine: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Dogana e della sanità aerea USMAF (Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera) In fase di realizzazione: 1 duty paid (dove acquistare senza pagare le imposte locali) in area sterile Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

flydubai inaugura il primo volo diretto tra Dubai e la Sicilia, collegando Catania a 200 destinazioni nel mondo

di Mobilita Catania

flydubai, grazie alla partnership con Emirates, offre maggiori frequenze e collegamenti più facili: da Catania a Dubai e oltre 200 destinazioni nel mondo. Una delegazione proveniente da Dubai, incluso H.E. Liborio Stellino, Ambasciatore d’Italia negli Emirati Arabi Uniti, Jeyhun Efendi, Senior Vice President, Commercial Operations di flydubai, Thierry Aucoc, Senior Vice President Commercial di Emirates, è arrivata all’Aeroporto Internazionale di Catania (CTA) per inaugurare l’inizio dei voli diretti tra Dubai e la Sicilia. La delegazione ha incontrato, una volta atterrata, Muhannad Alnaqbi, Vice Capo Missione degli Emirati Arabi Uniti in Italia, e Nico Torrisi, AD di SAC. flydubai offre voli diretti per Catania e, grazie alla partnership con Emirates, saranno parte del codeshare esistente tra le due compagnie, che offre opzioni di viaggio senza eguali. flydubai conta in Europa un network di collegamenti composto da 27 destinazioni, tra cui Bosnia ed Erzegovina, Bulgheria, Croazia, Repubblica Ceca, Finlandia (da ottobre), Grecia, Italia, Macedonia, Montenegro, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Turchia ed Ucraina. Jeyhun Efendi, Senior Vice President, Commercial Operations di flydubai, ha dichiarato: “In Medio Oriente siamo stati la prima compagnia aerea a prendere in consegna il Boeing 737 Max 8. Nell’inaugurazione di oggi, abbiamo annunciato che Catania è una delle destinazioni, nel nostro crescente network, ad essere regolarmente servita dal velivolo più nuovo della nostra flotta. La convenienza dei voli diretti per Dubai, così come i collegamenti in arrivo, apriranno le porte del mondo ai nostri passeggeri. Il professionale e amichevole servizio di bordo di flydubai, unito al comfort dei nostri nuovi aeromobili, con i sedili completamente reclinabili presenti in Business Class, garantiranno ai nostri passeggeri un’eccezionale esperienza di viaggio”. Il nuovo Boeing 737 MAX 8 di flydubai offre ai passeggeri un comfort maggiore e una migliore esperienza di viaggio. Le nuove caratteristiche di bordo, come il sedile completamente reclinabile in Business Class e l’aggiunta di un maggiore spazio e di privacy, permettono ai passeggeri di riposare in maniera confortevole durante il volo. L’Economy Class offre sedili RECARO, disegnati per ottimizzare lo spazio e il comfort, così che i passeggeri possano accomodarsi, rilassarsi e godersi il volo. flydubai dispone, inoltre, di un eccezionale intrattenimento in volo, con uno schermo full HD di 11.6 pollici e una vasta scelta di film, serie tv, musica e giochi in inglese, arabo e russo. In aggiunta, gli interni del Boeing Sky, con linee fluide e pareti delicatamente scolpite forniscono ai passeggeri un ambiente di viaggio ancora più rilassante. Emirates opererà su questa rotta in codeshare grazie alla partnership con flydubai annunciata a luglio 2017. I passeggeri Emirates che prenotano utilizzando il codeshare, ricevono pasti gratuiti e la registrazione del bagaglio con Emirates, anche sui voli operati da flydubai, sia in Business Class che in Economy Class. Con questa collaborazione, i passeggeri provenienti dalle centinaia di destinazioni, che includono sei continenti in oltre 80 paesi, avranno l’opportunità di viaggiare per Catania via Dubai. Thierry Aucoc, Senior Vice President, Commercial Operations (Europa & Russia) di Emirates ha dichiarato: "La nostra partnership con flydubai consente ai viaggiatori di Catania e dintorni di raggiungere facilmente le destinazioni del network di Emirates, in particolare Dubai, Tailandia, Australia, Egitto e Cina: tutte destinazioni popolari per i viaggiatori locali. Ci aspettiamo inoltre che il volo aumenti il numero di visitatori nell’isola, in particolare dai principali mercati in entrata come Melbourne e Sydney ". H.E. Liborio Stellino, Ambasciatore italiano negli Emirati Arabi, ha dichiarato: “Il nuovo collegamento di flydubai con Catania consentirà, in modo efficace, che il Sud Italia sia direttamente collegato all'ampio network di Dubai. Si tratterà di un ulteriore tassello della già ricca partnership esistente tra Italia ed Emirati Arabi Uniti. Un simile sviluppo positivo nei collegamenti diventerà immediatamente uno strumento molto utile per entrambi i paesi; un approccio win-win, che creerà un impatto positivo sui settori del turismo e del commercio ". Dubai è nota per le sue spiagge incontaminate, dune di sabbia, resort di lusso e per le numerose esperienze culinarie e di shopping. Il Burj Khalifa, con i suoi 830 metri di altezza, domina lo skyline pieno di grattacieli. Ai suoi piedi si trova la Dubai Fountain, con getti d’acqua e luci che si muovono a tempo di musica. Dubai ha attirato, solo nel 2017, più di 1.5 milioni di turisti, numero desinato a crescere ulteriormente. Nico Torrisi, Amministratore Delegato della Società Aeroporto Catania (SAC), ha dichiarato: “Il lancio del nuovo volo diretto tra Catania e Dubai facilita il collegamento per la Sicilia da un importante hub di importanza mondiale per l’aviazione. Questo supporta la promozione della Sicilia come destinazione unica, ricca di arte e di storia, rendendola una meta gettonata tra i turisti provenienti da Dubai, Asia Orientale, Australia e Nuova Zelanda. Inoltre, incentiverà ulteriormente il commercio, e aiuterà ad attrarre investimenti in Sicilia”. Il programma inaugurale in Sicilia ha avuto inizio con una conferenza stampa per i media locali e per giornalisti provenienti da Roma e Milano, e si è concluso con una cena di gala per i principali partner commerciali. Inoltre, flydubai ha portato un gruppo di giornalisti e di influencer dagli Emirati Arabi Uniti, dal Golfo Persico e dall’india per mostrare Catania e la Sicilia come mete preferite dai turisti. I voli flydubai da e per Catania sono iniziati il 13 giugno 2018. Il volo FZ768/FZ767 di flydubai opera tra l’Aeroporto di Catania (CTA) e l’Aeroporto Internazionale di Dubai (DXB), al Terminal 2. Le tariffe di Business Class per Dubai partono da 2.009 euro e includono tutte le tasse e 40kg di franchigia bagaglio. I voli possono essere prenotati attraverso il sito flydubai (flydubai.com), l'app ufficiale di flydubai, il Contact Center a Dubai raggiungibile al numero (+971) 600 54 44 45, i negozi di viaggio flydubai o tramite i nostri partner di viaggio. Per pacchetti di viaggio competitivi, visita Holidays by flydubai che offre ai passeggeri migliaia di opzioni alberghiere adatte a tutti i budget e servizi accessori inclusi trasferimenti aeroportuali, pacchetti turistici, facilitazione del visto degli Emirati Arabi Uniti, noleggio auto ed escursioni, tutte disponibili tramite un'unica prenotazione. Per l'orario completo e le tariffe, visitare: https://www.flydubai.com/en/plan/timetable

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti