Articolo
21 set 2018

Aeroporto Fontanarossa, chiude la rampa partenze dal 24 settembre al 26 ottobre: le indicazioni per i passeggeri

di Mobilita Catania

SAC , società che gestisce l'aeroporto di Catania, comunica che, per consentire i lavori straordinari di riqualifica e impermeabilizzazione del tetto del Terminal A, dal 24 settembre al 26 ottobre non sarà consentito ai mezzi privati l’accesso alla rampa Partenze. I passeggeri e i loro accompagnatori che giungeranno in aeroporto a bordo dei propri mezzi potranno usufruire dei parcheggi P1 e P2, vicinissimi al Terminal A, per le operazioni di scarico dei bagagli e per i saluti. In entrambi i parcheggi i primi 15 minuti di sosta sono gratuiti. Durante queste settimane di lavori straordinari potranno transitare dalla rampa Partenze solo gli autobus pubblici e turistici, i mezzi delle Forze dell’Ordine e quelli di soccorso. L’area in questione sarà presidiata da personale del servizio Viabilità di Sac Service, al fine di informare gli utenti e rendere più fluido il traffico all’interno dell’area aeroportuale. Inoltre, in alcuni giorni di ottobre, che saranno comunicati a seguire e che potrebbero subire variazioni a causa di condizioni meteo non favorevoli, il transito dei mezzi inizialmente autorizzati sarà impedito del tutto per consentire nell’area del cantiere l’installazione di una gru per la movimentazione dei materiali destinati al tetto. Si invitano pertanto passeggeri, accompagnatori, personale dei servizi di trasporto pubblici urbani ed extraurbani a verificare eventuali variazioni della viabilità sul sito dell’Aeroporto di Catania, sui canali social istituzionali, sull’App e su Telegram. SAC, inoltre, nell’ottica di un continuo miglioramento della viabilità e dei servizi aeroportuali annuncia anche la volontà di istituire al più presto una ZTC (Zona a Traffico Controllato) che contribuirà notevolmente a mantenere scorrevole e ordinato il traffico nell’area aeroportuale. L’intervento di riqualifica e impermeabilizzazione del tetto del Terminal A rientra nella programmazione del Piano triennale degli investimenti (2017-2020) che SAC ha concordato con Enac nel maggio 2017. I lavori sono eseguiti da SAC in autofinanziamento e il costo complessivo dell’opera, che include i costi di sicurezza per le maestranze, ammonta a € 838.639,42. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Fontanarossa record, estate strepitosa: quinto posto nazionale per traffico passeggeri FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 lug 2018

L’aeroporto di Catania si avvia verso i 10 milioni, inaugurando il Terminal C

di Mobilita Catania

Con 3800 mq di superficie e un transito giornaliero di circa 2000 passeggeri (che diventano oltre 600.000 nel corso dell’anno), il nuovo Terminal C dell’Aeroporto di Catania - grazie all’importante intervento di ammodernamento di una struttura preesistente e rimasta inutilizzata - è diventato una nuova ed efficiente area di imbarco che supporta, alleggerendone il carico quotidiano di viaggiatori, il terminal principale (Terminal A).   L’opera, prevista dal Piano triennale degli investimenti siglato fra SAC ed ENAC nel maggio 2017, è costata poco più di 734mila euro (€ 734.543,86) che la società di gestione dell’Aeroporto di Catania – il più grande del Sud Italia, al servizio di sette delle nove provincie siciliane e prossimo a tagliare il traguardo dei 10 milioni di passeggeri - ha procurato in autofinanziamento. Entrato in funzione lo scorso 14 luglio, dopo i collaudi e le certificazioni degli enti preposti, il Terminal C viene inaugurato ufficialmente oggi alla presenza delle massime autorità territoriali, civili, militari e aeronautiche. È destinato all’imbarco dei passeggeri diretti in Italia e in area Schengen e al momento è utilizzato dalla compagnia Easyjet per i voli su Malpensa (4/5 rotazioni giornaliere), Venezia (2 al giorno), Napoli e, in Europa, per Amsterdam, Berlino, Bordeaux, Lione, Nizza e Parigi. Continuano a imbarcarsi dal Terminal A i voli Easyjet per la Svizzera (Basilea e Ginevra) e per il Regno Unito: Londa (scali di Gatwick e Luton) e Manchester. Gli arrivi da tutte le destinazioni restano al Terminal A. Situato al piano terra, il Terminal C consente la velocizzazione delle operazioni di imbarco favorendo il turn over del vettore e quindi incidendo in maniera determinante sulla puntualità: gli aeromobili possono infatti essere raggiunti a piedi dai passeggeri tramite un percorso protetto e provvisto di apposita segnaletica colorata. In land side si trovano 4 postazioni check-in e 4 varchi di sicurezza; in air side 4 gate per l’imbarco. Il Presidente dell’ENAC Vito Riggio, presente al taglio del nastro inaugurale insieme – fra gli altri ospiti – all’Assessore Regionale al Turismo, Sandro Pappalardo, in rappresentanza del Presidente della Regione, Nello Musumeci, trattenuto da impegni istituzionali, e al Sindaco di Catania Salvo Pogliese, ha dichiarato: “Dopo 10 anni e dopo il rifacimento della pista dell’aeroporto, il nuovo Terminal C rappresenta la prima opera significativa che permetterà allo scalo la gestione del crescente traffico passeggeri, garantendo una migliore qualità dei servizi agli utenti. Ci auguriamo che al nuovo Terminal, seguano a breve la ristrutturazione e il riutilizzo dell’area ex Morandi, e la realizzazione degli altri impegni assunti dalla SAC con la sottoscrizione del Contratto di Programma con l’ENAC per conto dello Stato”. “Esprimo plauso e soddisfazione per il recupero del Terminal C – commenta la Presidente SAC, Daniela Baglieri – che rappresenta non soltanto il primo risultato infrastrutturale conseguito da SAC, ma assume un alto valore simbolico in una terra che, purtroppo, è solita registrare chiusure e fallimenti di imprese. Chiaramente, il miglioramento della qualità dei servizi offerti e l’ampliamento del range di destinazioni rappresentano sempre i nostri obiettivi primari, unitamente a quelli legati agli investimenti infrastrutturali, ma oggi con l’inaugurazione del Terminal C mi piace sottolineare che la progettualità, unitamente al gioco di squadra, è vincente anche in contesti difficili come quello siciliano. Tutto ciò è stato reso possibile grazie all’impegno e agli sforzi profusi da SAC, con il supporto fattivo degli Enti di Stato e, in particolar modo, di Enac. A tutti loro vanno i miei ringraziamenti e miei auspici per i prossimi obiettivi”. Nico Torrisi, Amministratore Delegato SAC: “Con l’apertura del Terminal C, l’aeroporto di Catania realizza il primo passo di un progetto importante e ambizioso, che è quello di offrire ai passeggeri - che in numero sempre maggiore scelgono il nostro aeroporto- un’infrastruttura globalmente moderna, accogliente e funzionale: e lo fa recuperando spazi e strutture che da troppo tempo non svolgevano più il loro compito originario. Ecco quindi che con un lavoro durato mesi, seguito con abnegazione ed entusiasmo da tutti gli addetti ai lavori, siamo pronti a inaugurare ufficialmente, e a riconsegnare alla comunità, un terminal che contribuirà non poco allo sviluppo dell’aeroporto e -per riflesso- del nostro territorio. Un aeroporto da 10 milioni di passeggeri, in una regione come la Sicilia, rappresenta un volano per l’intera comunità: facilita scambi economici e culturali, consente nuove esperienze di svago, di studio e di lavoro, offre la possibilità di uscire dall’isolamento e aprirsi a nuovi Paesi e nuove realtà. In una parola, influisce fortemente sulle vite di tante persone e di tante aziende. Come AD della SAC sento quindi la responsabilità non solo di ampliare continuamente il numero di rotte raggiungibili da Catania, ma anche di sfruttare tutti gli spazi a nostra disposizione per offrire ai passeggeri sempre più comfort, facilità di movimento e velocità durante tutte le procedure. Solo così potremo sostenere la crescita e continuare a offrire alla Sicilia preziose opportunità”. CHI USERÀ IL TERMINAL C Dal 14 luglio 2018 tutti i passeggeri dei voli easyJet in PARTENZA dall’Aeroporto di Catania e diretti ad Amsterdam, Berlino, Bordeaux, Lione, Milano, Napoli, Nizza, Parigi e Venezia (ovvero destinazioni in area Schengen) transitano nel Terminal C (TC), padiglione appena ristrutturato e restituito alla sua originaria funzione di aerostazione. CHI NON USERÀ IL TC Continuano a transitare dal Terminal A (TA) i passeggeri dei voli easyJet diretti in Svizzera e nel Regno Unito (area non Schengen): ovvero nelle città di Basilea, Ginevra, Bristol, Londra (scali di Gatwick e Luton) e Manchester. Tutti i passeggeri easyJet in ARRIVO a Catania, e provenienti da tutte le destinazioni citate (Schengen e non Schengen), continueranno a sbarcare nel Terminal A. COME CI SI INFORMA Le informazioni sul terminal di partenza (TA oppure TC) dall’Aeroporto di Catania sono indicate nel biglietto emesso dalla compagnia aerea easyJet e riportate sui monitor in aerostazione, sul sito e sulle app. DOVE SI TROVA IL TC, come raggiungerlo a piedi dopo aver parcheggiato Il TC si trova al piano terra, dopo il Terminal bus (area con biglietterie e stalli per gli autobus interprovinciali). Un’apposita segnaletica aiuta passeggeri e accompagnatori a raggiungere la struttura. In particolare, il tratto di marciapiede tra il Terminal A e il Terminal C (che coincide con il Terminal Bus e le biglietterie collegate) è stato riammodernato con l’inserimento di un percorso tattile per non vedenti e li orienta fra le due strutture. Gli accompagnatori dei passeggeri in partenza dal TC potranno utilizzare i parcheggi P1 e P2 per lo scarico dei bagagli e i saluti. A disposizione degli utenti 15 minuti gratuiti. P1 e P2 sono parcheggi ideali per la sosta breve (A/R da Catania entro 24 ore). Mentre il P4, più vicino al TC ma senza i 15 minuti gratis, è il parcheggio destinato alla sosta lunga (superiore alle 24 ore). Tutti i parcheggi sono dotati di tecnologia Telepass. COSA OFFRE IL TC I passeggeri in partenza da Terminal C dell’Aeroporto di Catania avranno a disposizione: 4 postazioni per il check-in (o per il drop off, ossia la consegna bagagli con check-in online già fatto, e per i bagagli fuori misura); 4 varchi per i controlli di sicurezza 4 gate per il transito in pista fino agli aeromobili a bordo delle navette 2 stalli auto per PRM (Passeggeri a Ridotta Mobilità) davanti l’aerostazione (da prenotare) 1 colonnina per chiamata PRM con assistenza di personale specializzato fino a bordo (servizio da segnalare al momento dell’acquisto del biglietto o da prenotare 48h prima del volo) 2 punti per la ristorazione: uno in landside e l’altro in airside, dopo i controlli, con una sala dedicata e allestita con tavoli e sedie per il consumo dei pasti. Sono gestiti da Chef Express (gruppo Cremonini Spa) che ha vinto una gara d’appalto. Fra le novità dell’area ristorazione del TC dell’Aeroporto di Catania figura una piccola area per celiaci, con alimenti senza glutine per i viaggiatori affetti da questa patologia sempre più diffusa. A disposizione, ultimato l’allestimento tutt’ora in corso, anche pasti caldi gluten-free. Monitor di ultima generazione, tecnologia digitale con display formato “stretch” (più info) Percorso tattile per i non vedenti all’interno del terminal per segnalare le toilette Toilette prima dei varchi di sicurezza (nr. 9) e dopo i varchi di sicurezza (nr. 7) Area dedicata alla ricarica dei dispositivi elettrici ed elettronici attrezzata con mensola Nr. 115 di poltroncine in area sterile Uffici e presidî delle Forze dell’Ordine: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Dogana e della sanità aerea USMAF (Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera) In fase di realizzazione: 1 duty paid (dove acquistare senza pagare le imposte locali) in area sterile Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

flydubai inaugura il primo volo diretto tra Dubai e la Sicilia, collegando Catania a 200 destinazioni nel mondo

di Mobilita Catania

flydubai, grazie alla partnership con Emirates, offre maggiori frequenze e collegamenti più facili: da Catania a Dubai e oltre 200 destinazioni nel mondo. Una delegazione proveniente da Dubai, incluso H.E. Liborio Stellino, Ambasciatore d’Italia negli Emirati Arabi Uniti, Jeyhun Efendi, Senior Vice President, Commercial Operations di flydubai, Thierry Aucoc, Senior Vice President Commercial di Emirates, è arrivata all’Aeroporto Internazionale di Catania (CTA) per inaugurare l’inizio dei voli diretti tra Dubai e la Sicilia. La delegazione ha incontrato, una volta atterrata, Muhannad Alnaqbi, Vice Capo Missione degli Emirati Arabi Uniti in Italia, e Nico Torrisi, AD di SAC. flydubai offre voli diretti per Catania e, grazie alla partnership con Emirates, saranno parte del codeshare esistente tra le due compagnie, che offre opzioni di viaggio senza eguali. flydubai conta in Europa un network di collegamenti composto da 27 destinazioni, tra cui Bosnia ed Erzegovina, Bulgheria, Croazia, Repubblica Ceca, Finlandia (da ottobre), Grecia, Italia, Macedonia, Montenegro, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Turchia ed Ucraina. Jeyhun Efendi, Senior Vice President, Commercial Operations di flydubai, ha dichiarato: “In Medio Oriente siamo stati la prima compagnia aerea a prendere in consegna il Boeing 737 Max 8. Nell’inaugurazione di oggi, abbiamo annunciato che Catania è una delle destinazioni, nel nostro crescente network, ad essere regolarmente servita dal velivolo più nuovo della nostra flotta. La convenienza dei voli diretti per Dubai, così come i collegamenti in arrivo, apriranno le porte del mondo ai nostri passeggeri. Il professionale e amichevole servizio di bordo di flydubai, unito al comfort dei nostri nuovi aeromobili, con i sedili completamente reclinabili presenti in Business Class, garantiranno ai nostri passeggeri un’eccezionale esperienza di viaggio”. Il nuovo Boeing 737 MAX 8 di flydubai offre ai passeggeri un comfort maggiore e una migliore esperienza di viaggio. Le nuove caratteristiche di bordo, come il sedile completamente reclinabile in Business Class e l’aggiunta di un maggiore spazio e di privacy, permettono ai passeggeri di riposare in maniera confortevole durante il volo. L’Economy Class offre sedili RECARO, disegnati per ottimizzare lo spazio e il comfort, così che i passeggeri possano accomodarsi, rilassarsi e godersi il volo. flydubai dispone, inoltre, di un eccezionale intrattenimento in volo, con uno schermo full HD di 11.6 pollici e una vasta scelta di film, serie tv, musica e giochi in inglese, arabo e russo. In aggiunta, gli interni del Boeing Sky, con linee fluide e pareti delicatamente scolpite forniscono ai passeggeri un ambiente di viaggio ancora più rilassante. Emirates opererà su questa rotta in codeshare grazie alla partnership con flydubai annunciata a luglio 2017. I passeggeri Emirates che prenotano utilizzando il codeshare, ricevono pasti gratuiti e la registrazione del bagaglio con Emirates, anche sui voli operati da flydubai, sia in Business Class che in Economy Class. Con questa collaborazione, i passeggeri provenienti dalle centinaia di destinazioni, che includono sei continenti in oltre 80 paesi, avranno l’opportunità di viaggiare per Catania via Dubai. Thierry Aucoc, Senior Vice President, Commercial Operations (Europa & Russia) di Emirates ha dichiarato: "La nostra partnership con flydubai consente ai viaggiatori di Catania e dintorni di raggiungere facilmente le destinazioni del network di Emirates, in particolare Dubai, Tailandia, Australia, Egitto e Cina: tutte destinazioni popolari per i viaggiatori locali. Ci aspettiamo inoltre che il volo aumenti il numero di visitatori nell’isola, in particolare dai principali mercati in entrata come Melbourne e Sydney ". H.E. Liborio Stellino, Ambasciatore italiano negli Emirati Arabi, ha dichiarato: “Il nuovo collegamento di flydubai con Catania consentirà, in modo efficace, che il Sud Italia sia direttamente collegato all'ampio network di Dubai. Si tratterà di un ulteriore tassello della già ricca partnership esistente tra Italia ed Emirati Arabi Uniti. Un simile sviluppo positivo nei collegamenti diventerà immediatamente uno strumento molto utile per entrambi i paesi; un approccio win-win, che creerà un impatto positivo sui settori del turismo e del commercio ". Dubai è nota per le sue spiagge incontaminate, dune di sabbia, resort di lusso e per le numerose esperienze culinarie e di shopping. Il Burj Khalifa, con i suoi 830 metri di altezza, domina lo skyline pieno di grattacieli. Ai suoi piedi si trova la Dubai Fountain, con getti d’acqua e luci che si muovono a tempo di musica. Dubai ha attirato, solo nel 2017, più di 1.5 milioni di turisti, numero desinato a crescere ulteriormente. Nico Torrisi, Amministratore Delegato della Società Aeroporto Catania (SAC), ha dichiarato: “Il lancio del nuovo volo diretto tra Catania e Dubai facilita il collegamento per la Sicilia da un importante hub di importanza mondiale per l’aviazione. Questo supporta la promozione della Sicilia come destinazione unica, ricca di arte e di storia, rendendola una meta gettonata tra i turisti provenienti da Dubai, Asia Orientale, Australia e Nuova Zelanda. Inoltre, incentiverà ulteriormente il commercio, e aiuterà ad attrarre investimenti in Sicilia”. Il programma inaugurale in Sicilia ha avuto inizio con una conferenza stampa per i media locali e per giornalisti provenienti da Roma e Milano, e si è concluso con una cena di gala per i principali partner commerciali. Inoltre, flydubai ha portato un gruppo di giornalisti e di influencer dagli Emirati Arabi Uniti, dal Golfo Persico e dall’india per mostrare Catania e la Sicilia come mete preferite dai turisti. I voli flydubai da e per Catania sono iniziati il 13 giugno 2018. Il volo FZ768/FZ767 di flydubai opera tra l’Aeroporto di Catania (CTA) e l’Aeroporto Internazionale di Dubai (DXB), al Terminal 2. Le tariffe di Business Class per Dubai partono da 2.009 euro e includono tutte le tasse e 40kg di franchigia bagaglio. I voli possono essere prenotati attraverso il sito flydubai (flydubai.com), l'app ufficiale di flydubai, il Contact Center a Dubai raggiungibile al numero (+971) 600 54 44 45, i negozi di viaggio flydubai o tramite i nostri partner di viaggio. Per pacchetti di viaggio competitivi, visita Holidays by flydubai che offre ai passeggeri migliaia di opzioni alberghiere adatte a tutti i budget e servizi accessori inclusi trasferimenti aeroportuali, pacchetti turistici, facilitazione del visto degli Emirati Arabi Uniti, noleggio auto ed escursioni, tutte disponibili tramite un'unica prenotazione. Per l'orario completo e le tariffe, visitare: https://www.flydubai.com/en/plan/timetable

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 giu 2018

La Sicilia e l’Abruzzo più vicine: incontro presso l’aeroporto di Catania nel segno dello sviluppo economico e turistico

di Mobilita Catania

Potenziare i circuiti turistici fra Abruzzo e Sicilia, le sinergie fra le imprese, le occasioni di scambio culturale. Sono i temi su cui si è focalizzato oggi, negli uffici della SAC, l'incontro promosso da SAGA, società di gestione dell'Aeroporto d'Abruzzo (Pescara), al quale ha preso parte una delegazione di rappresentanti istituzionali, delle Camere di Commercio, esponenti delle associazioni datoriali insieme ai vertici aeroportuali delle due regioni. Dopo i saluti di Daniela Baglieri (Presidente SAC) e di Nico Torrisi (AD SAC) che hanno commentato come "scelta vincente" quella di Volotea che dal 31 maggio collega due volte a settimana gli aeroporti di Catania a Pescara, è intervenuto Pietro Agen (Presidente della Camera di Commercio di Catania, Siracusa e Ragusa), che ha sottolineato come questo volo abbia "accorciato" l'Italia avvicinando due territori con molti tratti in comune: mare e soprattutto montagna con il Parco Nazionale d'Abruzzo e le sue stazioni sciistiche, le più vicine per i siciliani amanti della neve. Un volo che rappresenta un ponte ideale per incentivare sinergie in campo industriale e artigianale, dell'agroalimentare, del turismo, della cultura e, immagino, persino della ricerca scientifica, visto che Catania e l'Aquila sono sede dei Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare. Enrico Paolini (Presidente SAGA) ha manifestato la volontà di "potenziare i rapporti fra Abruzzo e Sicilia sulla scorta di questa bella intuizione del vettore. Non solo intensificando i circuiti turistici, per i quali in settembre ospiteremo un educational tour con gli operatori siciliani del settore. Ma anche attivando tavoli tecnici con il "fratello maggiore", che è l'Aeroporto di Catania, per mettere a fuoco aspetti gestionali e fare squadra nelle relazioni con le compagnie low cost".Giorgio D'Ignazio (Assessore al Turismo della Regione Abruzzo) ha posto l'attenzione sull'impegno dei vari attori istituzionali e delle imprese per rilanciare l'offerta turistica in una regione con mille attrazioni per il tempo libero: dal mare alla montagna, dal trekking naturalistico nel Parco allo sport estremo sul Gran Sasso o in canoa dei fiumi, l'ippovia e la ciclopedonale, fra le più lunghe d'Europa (oltre 130 chilometri), senza dimenticare l'enogastronomia". Mentre Gianni Taucci, componente Confesercenti della giunta camerale di Chieti e Pescara, ha posto come obiettivo il dialogo fra le due Camere di Commercio per creare reti di impresa anche in ambiti diversi dal turismo "ponendo le condizioni ideali per piccoli imprenditori di creare, produrre e vendere nei due territori che adesso distano poco più di un'ora di volo". All'incontro di oggi hanno preso parte anche Angelo Pulvirenti, sindaco di Nicolosi, comune gemellato con Città Sant'Angelo che nel mese di luglio ospiterà un evento molto atteso dalla comunità abruzzese dove è vivo e partecipato il culto e la devozione a Sant'Agata, patrona di Catania. "Da Catania – ha spiegato il sindaco Gabriele Florindi, presente all'incontro in SAC - partirà alla volta di Pescara la sacra reliquia del Velo di Sant'Agata e per l'occasione riuniremo a Città Sant'Angelo migliaia di devoti che verranno a pregare davanti al velo miracoloso. Catania e l'Abruzzo condividono anche questo grande sentimento di devozione che suggella l'amicizia fra le due comunità". Il sindaco di Nicolosi, Pulvirenti, ha ricordato come "il gemellaggio fra i due comuni abbia anticipato da anni gli accordi odierni realizzando scambi culturali, prodotti artigianali e tipici fra l'Etna e il Gran Sasso". All'incontro odierno hanno preso parte fra gli altri anche Emilio Schirato, vicepresidente Saga e Presidente di Federalberghi Pescara; Marco Belisario, per Confindustria Chieti-Pescara e Alfio Pagliaro, Segretario Generale della Camera di Commercio di Catania, Siracusa e Ragusa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 giu 2018

Aeroporto di Catania, con Telepass ancora più innovativi, semplici e veloci i parcheggi SAC

di Amedeo Paladino

Stamane nei parcheggi dell'Aeroporto di Catania P1, P2 e P4, è entrato in funzione il sistema di pagamento Telepass: si tratta di un servizio che velocizza ulteriormente l'accesso e l'uscita dalle aree di sosta e consente ai clienti Telepass di transitarvi ancora più facilmente: non dovranno infatti né ritirare il ticket all'ingresso, né pagare la sosta alle casse automatiche perché il sistema "legge" la targa, come succede nei caselli autostradali, e autorizza l'accesso e di conseguenza il pagamento sul conto corrente indicato. A illustrare l'ultima novità del nuovo Sistema Gestione Parcheggi di SAC, introdotto lo scorso mese di marzo e nel giro di pochi giorni entrato subito a regime proprio perché semplifica tutte le procedure, sono Nico Torrisi, AD di SAC, Dante Antognoni, AD di Telepass Pay, e Franco Oliva, AD di HUB Italia, l'azienda che ha rinnovato, automatizzandolo, il sistema parcheggi di SAC. "Quello del Telepass – spiega Nico Torrisi, AD SAC – è un servizio molto atteso dai nostri utenti, in particolare dai residenti nella Sicilia Orientale, dove da circa vent'anni è presente nei caselli dell'autostrada Catania-Messina e in parte della Messina-Palermo. Da tempo registravamo richieste proprio per la comodità di gestione: l'apparecchio Telepass già montato sulle auto è in grado di "dialogare" con il lettore installato nei nostri parcheggi. Restano confermati i 15 minuti di sosta gratuita per chi utilizza P1 e P2 (sosta breve) consentendo agli accompagnatori di caricare e scaricare passeggeri e bagagli all'interno degli stessi parcheggi, in assoluto i più vicini al terminal, da cui distano appena 40 e 20 metri. SAC prosegue negli interventi che aumentano e migliorano i servizi e l'esperienza in aeroporto dei passeggeri: entro la fine del 2018 saranno infatti aperti al pubblico i parcheggi P3 e P5, con le funzionalità (pagamento e Telepass) di tutti gli altri. Analoghe le funzioni anche del P6, nell'ex area del campo sportivo". Come funziona il sistema Telepass in aeroporto? Si entra e si esce senza ritirare biglietto e senza passare dalle casse: basta avvicinarsi alla barra, attendere l'apertura ed entrare nel parcheggio secondo la modalità "stop & go". Non ci sono costi aggiuntivi, la tariffa viene addebitata in via posticipata sul conto Telepass; il dettaglio delle soste è sempre disponibile sul sito telepass.com o nell'app; infine si può creare facilmente la nota spese, e quindi distinguere i casi in cui viene usato per occasioni di lavoro da quelle di natura privata e familiare. Nel caso in cui il sistema non riconosce il Telepass (apparato non regolare), il cliente ritira il ticket alla colonnina e al termine della sosta paga alla cassa automatica. Nei parcheggi dell'Aeroporto di Catania non è attivo il servizio col Telepass ricaricabile. Dante Antognoni, Amministratore Delegato di Telepass Pay, dichiara: "Telepass sta proiettando sempre più il proprio know-how anche al di fuori dell'autostradale per soddisfare le esigenze della propria clientela attraverso servizi utili, semplici, innovativi al passo con l'evoluzione della tecnologia, che proprio come Telepass, non si ferma mai. L'avvio del servizio nel parcheggio presso l'aeroporto di Catania, rappresenta un ulteriore traguardo raggiunto da Telepass grazie alla proficua collaborazione con SAC. L'impegno del Gruppo Telepass nell'offrire sempre più servizi di pagamento legati alla mobilità sia in contesto urbano che extra-urbano è ancora più evidente con l'offerta di Telepass Pay, che offre un'unica app per il pagamento dei servizi di mobilità. L'obiettivo è permettere di fare tutto attraverso una sola piattaforma di prenotazione, un solo addebito a fine mese e magari con qualche sconto in più! Oggi benzina, strisce blu e taxi; tra poco pagamento del bollo, sharing mobility e molto altro. Per la città di Catania stiamo pianificando il lancio dell'offerta di servizi Telepass Pay, in primis il servizio di pagamento della sosta sulle strisce blu con l'app Telepass Pay." A curare il radicale ammodernamento del sistema dei parcheggi dell'Aeroporto di Catania è stata la HUB Parking Technology, divisione del Gruppo FAAC dedicata ai sistemi di gestione professionale di parcheggi a pagamento. Introducendo migliori livelli di servizio, standard tecnologici e di sicurezza, HUB ha rinnovato le sei aree di parcheggio di Fontanarossa dotando i 15 varchi di periferiche con sistema di riconoscimento targhe e Telepass che, insieme alle barriere a led, alle casse di pagamento con lettore QR e al nuovo sistema di segnaletica verticale, sono gestiti da remoto e consentono una più fluida circolazione dentro le aree di sosta. "HUB Italia – ha detto Franco Oliva, AD HUB Italia - raggiunge oggi un traguardo importante, consolidando la sua presenza in Sicilia e rafforzando la sua posizione nel segmento di parcheggio aeroportuale. Siamo orgogliosi di essere partner tecnologici per Fontanarossa, e di avere supportato con le nostre forze innovative il radicale cambio di passo dell'offerta di sosta dell'aeroporto." Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mag 2018

Fontanarossa da record per il Ponte del 2 giugno. Un totem digitale per scoprire la Sicilia dell’Est

di Mobilita Catania

SAC, società che gestisce l'Aeroporto di Catania-Fontanarossa informa che stamani, nell'area Arrivi dell'Aeroporto di Catania, l'AD di SAC, Nico Torrisi, ha acceso il Digikiosk, un totem multimediale che, tramite una consultazione "touch", semplice e intuitiva, offre informazioni utilissime in italiano e in inglese a chi, atterrato a Catania, è in cerca di itinerari di viaggio per scoprire la Sicilia ionica. Non solo Catania, Etna e dintorni, dunque, ma anche Siracusa e Taormina (a seguire Ragusa e la sua provincia), ovvero le mete più richieste dai milioni di turisti che sbarcano ogni anno a Fontanarossa. Il Digikiosk, gemello di quello installato un anno fa in Piazza Duomo a Catania, è un progetto di Industria01, editore di Citymap (prima mappa cartacea della città) e di TechLab Works, azienda High Tech catanese, e propone non solo itinerari tematici nei siti monumentali o d'interesse culturale, ma anche informazioni pratiche su come raggiungere queste mete con i mezzi di trasporto, dove e come alloggiare, quali sono i locali tipici per degustare la migliore gastronomia e la celebre pasticceria siciliana. Completa l'offerta di informazioni nella rete dei Digikiosk un calendario – costantemente aggiornato – sia sui principali eventi in Sicilia (feste popolari, sagre e tradizioni) che sugli appuntamenti estemporanei: concerti, spettacoli teatrali, mostre d'arte ed escursioni naturalistiche alla scoperta del paesaggio, della flora e fauna siciliana. "Dopo l'Aeroporto di Catania – spiegano Industria01 e TechLab Works – e Piazza Duomo, che in un anno ha registrato 30mila visualizzazioni di pagine con itinerari ed eventi culturali, stiamo lavorando alla creazione di una rete di Digikiosk che collocheremo nelle altre province siciliane servite dallo scalo di Fontanarossa con l'obiettivo di consentire ai turisti una maggiore fruizione del territorio garantita dal costante aggiornamento del totem, consultabile h 24, 365 giorni l'anno". Stamattina è stata l'occasione per presentare alcuni dei nuovi collegamenti: si arricchisce infatti la rete di destinazioni servite dall'Aeroporto di Catania, ben 97 voli diretti per tutta la Summer 2018. A illustrare le novità è l'AD di SAC, Nico Torrisi: "In attesa del volo per Dubai, giornaliero dal 13 giugno (flydubai, compagnia del prestigioso gruppo Emirates) – e hub strategico per raggiungere Estremo Oriente ed Australia - al via da oggi, 31 maggio, il collegamento bisettimanale con Pescara (Volotea), mentre da domani, 1° giugno, cominciano i voli bisettimanali con Nantes (Transavia). Dal 1° luglio, poi, nell'ambito delle rotte sociali, Catania sarà collegata per la prima volta in assoluto con Pantelleria: 4 le frequenze settimanali durante l'estate con la Perla nera del Mediterraneo grazie alla compagnia danese DAT (Danish Air Transport), che opererà anche su Lampedusa (ogni giorno). La DAT, infatti, si è aggiudicata la gara d'appalto per garantire la continuità territoriale con le isole minori per i prossimi tre anni. SAC prosegue con l'obiettivo di potenziare la rete di connessioni nazionali, europee ed extraeuropee dall'Aeroporto di Catania: stiamo investendo molto sul segmento estero (a Pasqua era +15% del 2017) e al contempo ad aumentare i servizi ai passeggeri per garantire loro maggiore qualità e comfort". La summer 18 è ormai entrata nel vivo: per il prossimo weekend, che coincide con il ponte di sabato 2 giugno, Festa della Repubblica, l'Ufficio Dati Traffico di SAC stima un transito di oltre 102.000 passeggeri (+20% rispetto allo scorso anno). Le date prese in esame sono dall'1 al 3 giugno. Un vero e proprio picco di traffico, raddoppiato rispetto alla media mensile che è del +10%. Chiusura record per il mese di maggio, con oltre 918.000 passeggeri in transito (76 mila in più rispetto al 2017 quando furono 841.988, +9%), dati record anche per aprile con 833.470 transiti (+8,25). Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 apr 2018

L’aeroporto di Catania punta al mercato russo: al via parnership fra SAC e la compagnia S7

di Mobilita Catania

“SAC guarda con attenzione al mercato russo e alla potenzialità economiche e culturali di un paese che conta ben 144 milioni di abitanti”. Lo ha detto Daniela Baglieri, Presidente SAC, società di gestione dell’Aeroporto di Catania, nell’ambito del X Forum Italia-Russia, che si è svolto oggi a Catania, organizzato da Antonio Fallico, Presidente Banca Intesa Russia e Presidente Associazione Conoscere Eurasia. “Forti del successo registrato nel 2017 dal nostro scalo - prosegue la Baglieri - SAC insieme alla compagnia S7 (nostro maggiore player) ha definito di recente una intesa che rafforza la sinergia fra Sicilia e Russia e, soprattutto, guarda avanti. “Davai together project”, ovvero “andiamo avanti insieme”, è il nome dell’iniziativa che prevede convenzioni con gli stakeholders del turismo e del mondo scientifico e accademico per favorire gli scambi e le esperienze commerciali e culturali fra i due Paesi”. “Il 2017 - ha poi aggiunto Nico Torrisi, AD di SAC, entrando nel dettaglio - ha visto un transito generale a Catania di 94mila passeggeri da/per la Russia, 65mila dei quali hanno viaggiato bordo dei voli diretti dei tre vettori che operano da Fontanarossa per Mosca, San Pietroburgo ed Ekaterinburg. Fra questi S7 esprime i maggiori numeri: 32mila i passeggeri trasportati dalla prestigiosa compagnia russa che ha debuttato a Catania lo scorso anno con un vero e proprio exploit. A fronte, infatti, degli iniziali 3 voli a settimana, la rotta è stata immediatamente potenziata con 5 collegamenti settimanali. Quello con la Russia è un mercato in prevalenza leisure, ossia turistico, che per la Sicilia Sud-Orientale rappresenta un giacimento straordinario per i numeri che potrà esprimere in termini di presenze. Senza contare il valore aggiunto di una compagnia di linea, con servizi di qualità e collegamenti periodici e non episodici (come i charter) che garantiscono continuità, progettazione e pianificazione a tutto l’universo di imprese e all’indotto generato dal turismo. Al via una parnership fra SAC ed S7 (Davai Together Project) che prevede per agenzie e tour operator una riserva di posti, a bordo degli aeromobili, a tariffa fissa così come per camere doppie con gli alberghi convenzionati”. foto di copertina: da sx, Nico Torrisi (AD SAC), Pietro Agen (Presidente Camera Commercio di Catania, Siracusa e Ragusa), Daniela Baglieri (Presidente SAC), Sergey Razov (Ambasciatore della Federazione Russa in Italia) e Evgeny Panteleev (Console della Federazione Russa in Sicilia).

Leggi tutto    Commenti 0