Proposta
12 feb 2016

Un traghetto per collegare Catania con Aci Trezza e Aci Castello

di mrgibber

Un nostro lettore ci manda una proposta per incrementare i mezzi di trasporto pubblico nella nostra città: I mezzi di trasporto pubblico non sono sempre e solo su gomma o su strada ferrata. Se vi è capitato di essere un turista ad Istanbul sapete che ci sono decine di traghetti sul Bosforo. Sarebbe così difficile creare un sistema di trasporto pubblico, almeno in primavera ed estate, fra i porti di Catania, Acicastello e Acitrezza? Credo che sarebbe un sistema economico, veloce e turisticamente interessante. L'idea non è male. Esistono in molte città sistemi di trasporto urbano con battelli che collegano più punti della costa e spesso rappresentano un'attrazione turistica della città. Un esempio è lo “Star” Ferry di Hong Kong: è  una delle key attractions della città, trasporta oltre 70.000 persone ogni giorno ed è impensabile andare ad Hong Kong senza salirci almeno una volta. La brevissima crociera riserva stupendi panorami da una parte all’altra della baia. Ma senza andare troppo lontano anche Venezia dispone di un servizio di trasporto urbano su battelli, gestito dalla società ACTV mediante linee di navigazione (vaporetti) in un sistema integrato con il gommato. L'ipotetica linea di battello da utilizzare nella nostra città potrebbe avere le seguenti stazioni marittime: Acitrezza (parcheggio scambiatore) Acicastello Ognina San Giovanni li Cuti (scambia con il passante in piazza Europa) Porto (scambia con la metropolitana) Il tempo di percorrenza per l'intero percorso potrebbe essere di circa 15 minuti. Pure Catania potrebbe quindi avere la key attractions. I turisti provenienti dalle navi crociera potrebbero infatti ammirare, grazie a questo servizio, tutta la riviera dei ciclopi in battello.

Leggi tutto    Commenti 2
Proposta
26 gen 2016

Aeroporto di Catania: allungare la pista verso il mare

di mfvbaljet

Nel 2015 si è finalmente sbloccato l’iter per la costruzione di una nuova pista di 3.100 metri che consentirà l’atterraggio e il decollo dei voli transcontinentali a pieno carico: la nuova pista passerà sopra i binari interrati e avrà una coda lievemente rialzata; costo dell’operazione sarà di circa 180 milioni di euro di cui 30 milioni a carico della Sac e 150 milioni a carico delle Ferrovie dello Stato. Ma potrebbe non essere l'unica soluzione: riceviamo e pubblichiamo la proposta dell'ingegnere M.F.V. Baljet. Come è stato fatto in altri posti nel mondo, ad esempio nell'isola di Bali in Indonesia (la foto di copertina mostra la penisola artificiale), per mancanza di spazio le piste degli aeroporti possono essere allungate verso il mare. Nel caso dello scalo etneo, applicando questa soluzione, in rapporto agli attuali progetti si potrebbero risparmiare soldi e tempo. Come si vede nelle immagini allegate ci sono due opzioni: Creare due sottopassaggi (la SS 114 e Viale Presidente Kennedy): un intervento modesto rispetto a quello sulla ferrovia e la tangenziale, poiché le due strade si trovano già  sei metri sotto il livello della pista esistente. Un unico sottopassaggio per la SP 53 var (Viale Presidente Kennedy) con apposito collegamento con la SS 114 al lato sud della pista allungata. Per un'azienda come l'olandese Royal Boskalis Westminster N.V. sarebbe un progetto di facile realizzazione, come avvenuto per l'isola artificiale antistante Panama City. Tale intervento eviterebbe l’interramento del tratto ferroviario antistante la pista, rendendo superflua anche la costruzione della stazione ferroviaria a Fontanarossa: basterebbe modernizzare la stazione di Bicocca e progettare un people mover per l’aeroporto. In questa proposta sono esclusi interventi costosi sull’Asse dei servizi e sulla rotonda nella vicinanze del centro commerciale Porte di Catania; prioritario invece il collegamento dello scalo etneo con la città attraverso la metropolitana.   Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania | Scheda dell'opera; Nuova stazione ferroviaria di Fontanarossa pronta entro tre anni    

Leggi tutto    Commenti 2
Proposta
15 gen 2016

Una ciclabile per il Corso Italia

di Francesco Fazio

Dopo l'istituzione della corsia promiscua lungo il Corso Italia [corsia preferenziale bus-taxi in cui dal 2012 con provvedimento dell'Amministrazione comunale è consentito il transito dei ciclisti n.d.r], alcuni cittadini compresi i conducenti dei bus hanno sollevato alcune perplessità, sottolineandone la pericolosità e il rallentamento che spesso i mezzi a due ruote provocano al trasporto pubblico. Vista la grande disponibilità di spazi presente nel Corso perché non sfruttare lo spazio dei 2 marciapiedi intermedi per stabilire due sensi di marcia per le bici? Basterebbe rimuovere o spostare tutto ciò che potrebbe intralciare il percorso, ovvero pali e spazi pubblicitari, al fine di agevolare il passaggio dei ciclisti. [La realizzazione di questa infrastruttura  costituirebbe la naturale continazione della costruenda ciclabile del lungomare n.d.r]    

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
10 dic 2015

Circolazione al Tondo Gioeni, una possibile miglioria alla viabilità

di Gianluca Pometti

Una delle cause dell'ingorgo cronico del Tondo Gioeni è dato dalle auto che, salendo da via Etnea, si immettono sulla circonvallazione, all'altezza del Tondo Gioeni, cercando di arrivare alla corsia di sinistra, per poter poi svoltare al primo torna-indietro, ostacolandosi così con le auto che dalla circonvallazione devono svoltare verso via Caronda. La mia proposta è di invertire il senso di marcia di via Etnea, nel tratto compreso tra il Tondo Gioeni e via Ibla, cosicché le auto che salgono per via Etnea debbano girare obbligatoriamente in via Ibla e poi, salendo da via Palazzotto (anche qui ovviamente invertendo il senso di marcia), possano giungere sino alla circonvallazione, stavolta senza ostacolarsi con chi deve imboccare via Caronda e potendo, così, cambiare corsia più agevolmente, se devono prendere il torna-indietro per andare in direzione Misterbianco.

Leggi tutto    Commenti 2
Proposta
23 ott 2015

Senso unico e percorso protetto in via Antico Corso

di Alessio Marchetti

Ogni giorno, migliaia di catanesi, tra cui moltissimi studenti liceali, universitari, ed altri che si recano all'ospedale Santo Bambino, attraversano a piedi la via Antico Corso. Questa strada si stringe eccessivamente in un punto a doppio senso, creando serissimi pericoli ai pedoni per la mancanza di marciapiedi. Quando transita un camion, addirittura non resta spazio per loro i quali devono attenderne il passaggio. Considerando la difficile convivenza tra pedoni e veicoli, penso possa essere utile l'istituzione di un senso unico da Via Albergo a Via Torre del Vescovo, consentendo la marcia solo in direzione Nord. L'accessibilità veicolare alla zona verrebbe tranquillamente garantita da Via Osservatorio e Via Plebiscito. Inoltre, vista la mancanza di marciapiedi, sarebbe indispensabile istallare anche paletti o cordoli lato ovest (dove sono presenti le abitazioni ed i pericolosi balconi sporgenti) creando un sicuro percorso ciclo-pedonale largo almeno 2 metri che eviterebbe anche la possibilità di prendere la strada in controsenso grazie al suo restringimento. Mi auguro che l'amministrazione sia disposta a trovare una soluzione per la sicurezza dei pedoni, qualunque essa sia.

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
21 ott 2015

Tondo Gioeni, una bretella migliorerebbe la viabilità

di mauribo

L'abbattimento del ponte del Tondo Gioeni ha messo in ginocchio la viabilità in quella zona, penalizzando chi per spostarsi sia per lavoro sia per altro deve attraversarla. Una delle criticità maggiori, per quanto mi riguarda è l'impossibilità, provenendo da Via Etnea, di attraversare la rotonda e immettersi subito su Viale Andrea Doria in direzione Cibali o Via del Bosco, se non raggiungendo il primo e unico torna-indietro all'altezza de La Sicilia: questo costringe gli automobilisti ad incrociare le auto che provengono da Cibali, da Via Caronda nonché il semaforo della Chiesa Madonna di Lourdes e la strettoia dello stesso torna indietro. Tra le altre cose svoltando per il torna-indietro si è costretti a fare una curva stretta a gomito con evidente rallentamento della circolazione anche per il rischio di impatto con le auto che provengono  alta velocità dalla direzione opposta e che spesso tagliano nella corsia riservata a chi svolta. La mia proposta (non conosco i costi), invece, è quella rappresentata nella foto allegata. L'elemento essenziale e quello di evitare che le auto provenienti in direzione Tondo Gioeni/Cibali, vadano ad alta velocità per la strada diritta, che invoglia gli automobilisti a premere troppo sull'acceleratore. Creando una bretella subito dopo la Chiesa Madonna di Lourdes si devia il traffico verso la via Luis Braille che diventa a doppio senso in direzione Nord/Canalicchio, mentre diventa senso unico in direzione Tondo Gioeni con possibilità di svolta anche verso via Pietro dell'Ova. Inoltre chi proviene da via Braille non deve dare più la precedenza immettendosi sul viale Andrea Doria alle auto che provengono dal viale Odorico da Pordenone, come accade oggi, rendendo tutto più snello e veloce. Chi proviene dal Viale Andrea Doria e da via Odorico da Pordenone direzione Ognina, invece, si ritrova la svolta a sinistra verso questa area allungata che distribuisce e snellisce il traffico verso tutta la rotonda senza rallentamenti per la curva a gomito e non trova neanche il passaggio pedonale della Chiesa; chi procede verso Ognina non ha rallentamenti per il tratto stretto dell'attuale torna-indietro de La Sicilia che potrebbe anche essere eliminato. La soluzione mi sembra ottimale anche per chi provenendo da Nesima imbocca la rotonda del Tondo Gioeni e non si trova le auto arrivare ad alta velocità del controviale. Inutile aggiungere che attualmente la rotonda non rotonda della rotatoria del Tondo Gioeni rappresenta una grande difficoltà e pericolosità per le auto che volendo immettersi in direzione Via Del Bosco e via Petraro sono costrette a  tagliare la strada alle auto che sopraggiungono a velocità sostenuta dal viale Odorico da Pordenone. Si accettano suggerimenti.

Leggi tutto    Commenti 3
Proposta
30 set 2015

Viale Fleming – Circonvallazione, molteplici criticità facilmente risolvibili

di salval

Segnalo alcune mancanze a cui è possibile ovviare legate al sottopassaggio di Viale Fleming, a distanza di diversi anni dalla sua entrata in funzione ed in relazione alla presenza del polo scientifico della Cittadella Universitaria. Occorre sottolineare che durante la sua costruzione è stato eliminato il ponte pedonale che consentiva l’attraversamento della strada a scorrimento veloce, senza bisogno di attendere il semaforo. Quest’ultimo, inevitabilmente, dà la precedenza al notevole flusso di macchine che scorre lungo la circonvallazione, pertanto per l’attraversamento è necessario attendere 2 minuti di orologio (!) dopo aver utilizzato l’apposito pulsante di chiamata.  Alternativamente si possono utilizzare le strisce pedonali senza il supporto del semaforo. È attualmente ancora presente la segnaletica, ormai malridotta, dei lavori in corso per la costruzione del sottopassaggio! Essa consentiva, in particolare, l’attraversamento pedonale in relazione alle caratteristiche del cantiere che vi sorgeva nel lontano 2009. Adesso questa segnaletica suggerisce l’attraversamento in un punto pericolosissimo: all'uscita del sottopassaggio, alla fine di un dosso stradale sulla carreggiata in direzione Misterbianco, durante un tratto in discesa ed all'inizio dell’immissione in Viale Fleming, sulla carreggiata in direzione Ognina. Capita non di rado che nella fretta alcuni studenti si avventurino in tale attraversamento e spesso si verificano tamponamenti tra auto, a causa di brusche frenate, e talvolta anche qualche pedone arriva pure ad essere investito. Basti pensare che questi eventi accadono già, proprio a causa dello scorrimento veloce proprio di questa arteria stradale, in corrispondenza delle strisce pedonali, visibili e segnalate, poste di fronte la fermata dell’autobus poco più sopra, in direzione Santa Sofia. Le aree che consentono di costeggiare la circonvallazione in questo tratto in entrambe le direzioni sono fatiscenti e vengono continuamente attraversate da studenti. La piccola area sopra il sottopassaggio, in particolare, è divenuta una piccola discarica abusiva di rifiuti, ironia della sorte, proprio di fronte a un cartellone pubblicitario del Ministero che invita a mantenere pulito l’ambiente. L’area adiacente, posta tra il sottopassaggio e Viale Fleming non è stata mai asfaltata o destinata a qualche utilizzo. Semplicemente qualcuno si è occupato di eliminare un parte del marciapiede perimetrale per poterla utilizzare come parcheggio: per un certo periodo di tempo si è riscontrata la presenza del parcheggiatore abusivo, il quale si era impossessato di questa area.  La sosta risulta tutt’altro che agevole per la mancanza di una corretta rampa di accesso o di un livellamento del manto stradale, ma sarebbe comunque pericolosa dato l'accesso in curva. Visto anche l’inizio dell’anno accademico si chiede pertanto di: - Rimuovere la segnaletica provvisoria; - Ripulire l’area circostante; - Ripensare alla possibilità di installare nuovamente un ponte pedonale; - Riqualificazione dell'area sopramenzionata.          

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti