Articolo
25 dic 2015

I nostri auguri di un felice Natale con le nuovi luci di piazza Europa

di Mobilita Catania

Lo staff di Mobilita Catania festeggia il suo primo Natale e augura a tutti i lettori e amici di trascorrere felicemente questo giorno speciale. Gli approfondimenti di catania.mobilita.org insieme alle vostre segnalazioni e proposte, che contraddistinguono il taglio partecipativo e propositivo del network mobilita.org, ritorneranno nei prossimi giorni. Nell'augurarvi nuovamente un felice Natale vi proponiamo le foto della riqualificazione del verde e degli arredi urbani di piazza Europa: l'intervento è stato frutto del contributo della società cooperativa Sims e della società Gemmo in collaborazione con il Comune di Catania e la società Multiservizi. L'acqua finalmente tornata a zampillare e la luce della fontana possano essere di buon augurio per la nostra città.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 dic 2015

Le telecamere ZTL Bellini possono attendere: gli operai tappano le buche

di Mobilita Catania

Continua la storia infinita della Zona a Traffico Limitato di piazza Bellini e del quadrilatero delimitato da via Vittorio Emanuele, via Sangiuliano e via Ventimiglia. Il mese scorso abbiamo pubblicato su catania.mobilita.org un report fotografico per denunciare lo stato di abbandono in cui versa l'area che solo sulla carta è interdetta al traffico motorizzato privato. Dopo la riqualificazione di via Teatro Massimo, di piazza Bellini e via Michele Rapisardi terminata nel 2007 e costata quasi due milioni di euro, le Amministrazioni che si sono susseguite hanno più volte inaugurato la videosorveglianza con l'obiettivo di preservare l'area dal transito delle auto non autorizzato; ultimo esordio della ZTL è datato novembre 2014. In quell'occasione fu lo stesso vicesindaco Marco Consoli ad annunciare l'acquisto di altre 12 telecamere oltre le due già posizionate nei varchi di via Landolina e via Sant'Agata. Solo poche settimane fa un articolo del quotidiano "La Sicilia" annunciava l'imminente attivazione  delle due telecamere, ma oggi arriva la conferma di un ulteriore proroga: il software in uso alla Polizia Municipale è incompatibile con il vecchio sistema di videosorveglianza per il rilevamento delle targhe; per l'effettiva implementazione della videosorveglianza si dovrà attendere la soluzione al problema. Per le altre dodici telecamere, alcune delle quali saranno installate all'ingresso delle aree interdette al transito di via Crociferi e del borgo di San Giovanni li Cuti, si aspetta l'iter per la pubblicazione del bando di gara. Nel frattempo i varchi della ZTL sono costantemente varcati da auto private e furgoni fuori dall'orario di carico e scarico merci: la pavimentazione mostra ormai segni di cedimento quasi irrecuperabile con la normale manutenzione. L'esito della mancanza di videosorveglianza e di controlli da parte della Polizia Municipale dà esito a situazioni paradossali: alcuni operai chiamati oggi ad intervenire per rattoppare alcune grosse buche in via Teatro Massimo sono stati costretti a impedire il transito con l'utilizzo di un new jersey in plastica, nonostante le rimostranze degli automobilisti.  In questo video le condizioni della pavimentazione di via Teatro Massimo   Ti potrebbe interessare: FOTO | Piazza Bellini è ormai distrutta: c’era una volta la più bella piazza di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 dic 2015

Via Umberto pedonale i week-end natalizi

di Amedeo Paladino

Molti catanesi ricordano ancora via Umberto resa pedonale per alcuni mesi nel lontano 1988: una proposta del Sindaco Enzo Bianco alla sua prima esperienza al Palazzo degli Elefanti, da molti osteggiata e definitivamente bloccata dopo poco tempo. Allora la creazione dell'area pedonale di via Etnea e via Umberto fu un'iniziativa innovativa per la nostra città e la marcia indietro si è dimostrata poco lungimirante. In questi anni le istanze dei cittadini per una mobilità nuova e sostenibile si sono fatte sempre più pressanti e le esperienze di molte città italiane dimostrano che restituire lo spazio pubblico ai cittadini, sottraendolo alle auto, migliora la vivibilità della città in termini di salute, relazioni sociali ed economia locale. In una città come Catania, relegata in fondo alla classifica Ecosistema Urbano in base al rapporto di Legambiente che prende in esame 18 indicatori inerenti a qualità dell’aria, gestione delle acque, rifiuti, trasporto pubblico e mobilità, ogni iniziativa tesa a modificare la mobilità catanese fa notizia, raccogliendo opinioni discordanti tra i cittadini. Probabilmente anche la decisione dell'Amministrazione di rendere pedonale via Umberto I per i prossimi due fine settimana sarà da molti accolta positivamente e da altri osteggiata; tuttavia le esperienze del Lungomare Liberato, del Castello Ursino Liberato e di Ursino Buskers ci insegnano che iniziative come questa possono essere una leva per il cambiamento. La chiusura al traffico di via Umberto, nel tratto tra piazza Majorana e via Etnea, avverrà sabato 12 e sabato 19 dalle 16 alle 20 e le domeniche 13 e 20 dalle 9 alle 20: l'istanza di pedonalizzazione era stata avanzata nel mese di settembre dal movimento #salvaiciclisti in occasione della settimana europea della mobilità sostenibile. Per l'occasione l'AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) metterà a disposizione un autobus storico, anche un trenino turistico natalizio farà la spola in via Umberto pedonale. Le linee di trasporto urbano il cui percorso insiste su via Umberto saranno dirottate su percorsi alternativi (Corso Italia o Corso Sicilia). La foto di via Etnea affollata di gente lo scorso sabato pomeriggio ci lascia sperare nel successo di via Umberto pedonale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2015

Gli studenti si mobilitano contro i parcheggiatori abusivi: firma la petizione

di Mobilita Catania

In queste ultime settimane è cresciuta la mobilitazione da parte degli studenti che frequentano il monastero dei Benedettini contro il dilagante fenomeno dei parcheggiatori abusivi, una presenza illegale e invasiva: in alcuni casi dalla richiesta del pagamento della sosta si è passati all'aggressione fisica. Per reagire a questa situazione di illegalità è appena nato il movimento Monastero Abusivo il quale chiede con forza la liberazione dai parcheggiatori abusivi dell'area antistante il Monastero dei Benedettini e la relativa riqualificazione della piazza che attualmente è utilizzata abusivamente come parcheggio. La stessa sorte è riservata ai marciapiedi completamente occupati dalle auto che non consentono neanche il passaggio dei pedoni. I ragazzi hanno lanciato una petizione on line per chiedere all'Amministrazione attenzione riguardo il problema, ecco il testo: Stanchi dell'indifferenza dilagante che contraddistingue noi studenti di scienze umanistiche, abbiamo deciso di portare avanti un'iniziativa atta a contrastare il fenomeno del pizzo di strada. Alla luce dei video che circolano in rete con l'hashtag #monasteroabusivo #noncisto. Non ci mettiamo la faccia solo online ma ci facciamo sentire coi fatti.   Anche la redazione di Mobilita Catania si unisce al loro appello ed invita tutti i lettori a firmare la petizione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 nov 2015

Una nuova area parcheggio in centro: sarà gestita da SoStare

di Amedeo Paladino

La Giunta comunale di Catania ha destinato con apposita delibera un'area, quella cosiddetta "del Pino", nel centro di Catania, a parcheggio. Sarà gestito dalla SoStare SrL, società partecipata del Comune che si occupa già della gestione delle Strisce Blu. L'area, in comodato d'uso e in via sperimentale, riguarda un appezzamento di terreno di 6.500 metri quadrati tra le vie Monsignor Ventimiglia, Teocrito e Maddem. Il parcheggio garantirà 250 posti, l'ingresso e l'uscita saranno controllate da sbarre automatiche; la conversione dell'area in parcheggio avverrà entro poche settimane. Di seguito l'area individuata per l'implementazione di un parcheggio di destinazione gestito dalla Sostare S.r.l., limitrofa alla Fiera di piazza Carlo Alberto e al Corso Sicilia: "La tendenza - ha spiegato l'assessore al Patrimonio Giuseppe Girlando - a destinare questo terreno a parcheggio era emersa nel corso di una riunione nella sede dell'assessorato alle Attività produttive. Riteniamo che con questi nuovi spazi si otterranno da una parte un maggiore ordine nella zona, dalla circolazione congestionata, e dall'altra effetti positivi per le attività commerciali del centro storico. Sostare si occuperà di far diventare quest'area un vero e proprio parcheggio recintato e lo gestirà, in una prima fase, per almeno due anni". Coerentemente al Piano Generale del Traffico Urbano, adottato dal Comune di Catania nel 2012 con votazione del Consiglio Comunale, il nuovo parcheggio dovrebbe essere utilizzato in sostituzione degli spazi di sosta su strada: obiettivo primario è infatti la riduzione dell'offerta di sosta al fine di migliorare la qualità ambientale della città, in particolare del centro storico. Questo l'obiettivo generale per migliorare la mobilità cittadina, ma la delibera comunale lascia qualche dubbio in merito al suo obiettivo, visto che può facilmente connotarsi come un ennesimo incentivo all'utilizzo del mezzo privato a discapito di quello pubblico o di altre forme di mobilità alternativa (pedonale, ciclabile, etc.), contemplando anche l'impiego di parcheggi scambiatori più periferici. Attualmente l'offerta totale di sosta è di 60 mila stalli, di cui 8 mila circa gestiti da Sostare.

Leggi tutto    Commenti 2

Ultimi commenti