27 giu 2019

Oggi la metropolitana di Catania compie 20 anni. E sabato si viaggia gratis


27 giugno 1999 – 27 giugno 2019: non sembrerebbe, ma sono passati già vent’anni da quando la metropolitana di Catania, l’unica infrastruttura del genere in Sicilia, è stata inaugurata in una assolata mattinata all’inizio dell’estate 1999. Una metropolitana che, in principio, poteva contare appena su 3,8 km di linea e sei stazioni: quattro interrate (Borgo, Giuffrida, Italia e Galatea) e due in superficie (FS, sostituita nel 2016 da Giovanni XXIII, e Porto), mentre il materiale rotabile era costituito, in totale, da tre vecchie automotrici provenienti dalla Ferrovia Centrale Umbra, riattate per il servizio metropolitano.

All’inaugurazione erano presenti l’allora sindaco della città, Enzo Bianco, e il Ministro dei Trasporti del governo D’Alema I, Tiziano Treu.

Ecco il servizio del TG3 andato in onda esattamente venti anni fa:

  La metropolitana aprì il suo esercizio al pubblico, dopo un breve periodo di pre-esercizio, l’11 luglio successivo. Un biglietto semplice costava 1.500 lire (77 centesimi di euro) e considerando che, oggi, un biglietto da 90 minuti costa appena un euro, non si può certo dire che il prezzo abbia subìto un rincaro considerevole. Ciò che ha subìto un progresso decisamente significativo, invece, è l’utenza della metropolitana: fino al 2016, infatti, complice l’esiguità della linea e il mancato collegamento col centro storico e con le periferie, la metro etnea “vantava” numeri piuttosto bassi, appena alcune centinaia di migliaia di passeggeri annui. Negli ultimi anni, invece, con l’apertura di Giovanni XXIII e Stesicoro a dicembre 2016 e, quindi, di Milo, San Nullo e Nesima a marzo 2017, il numero dei frequentatori della metro catanese è notevolmente aumentato, superando i 3.400.000 nel 2017 e avvicinandosi ai 5.800.000 nel 2018. Anche in questo primo scorcio di 2019, il trend è positivo con utenza in ulteriore aumento. Non è un caso, quindi, che per molti catanesi la metropolitana sia un’abitudine decisamente più giovane dei venti anni compiuti.

La Ferrovia Circumetnea, che gestisce la metropolitana di Catania, sabato 29 giugno illustrerà alcune novità, di prossima attuazione, riguardanti il servizio della metropolitana. Appuntamento alle ore 11, nella stazione metropolitana Giovanni XXIII, dove il Sindaco Salvo Pogliese, il Gestore della Ferrovia Circumetnea, Angelo Mautone, il Direttore Generale del Dipartimento Trasporti MIT Virginio Di Giambattista, il Direttore Generale FCE Salvatore Fiore e quello d’esercizio Sebastiano Gentile ripercorreranno la storia della metropolitana di Catania e, soprattutto, presenteranno il piano di sviluppo dell’intero progetto.

Nel corso della stessa conferenza stampa, a cui saranno presenti anche il direttore generale dell’Università di Catania Candeloro Bellantoni, il delegato del Rettore per la mobilità Giuseppe Inturri e il presidente dell’AMT Giacomo Bellavia, verranno resi noti importanti e imminenti aggiornamenti del servizio della metropolitana a favore dell’utenza, nell’ottica dell’incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile. Nella stessa giornata sarà anche possibile effettuare visite guidate nella DCO (Direzione Centrale Operativa) presso la stazione Borgo, previa prenotazione al numero telefonico 095 541250; mentre nella stazione Stesicoro, al binario 1, dalle 9 alle 13 sarà disponibile un treno per permettere al pubblico di accedere alla cabina di guida degli elettrotreni.

Con l’occasione, per festeggiare i primi venti anni di metro all’ombra del Liotro, nell’intero orario di esercizio di sabato 29 giugno si viaggerà gratis in metropolitana. Consultabile attraverso questo link, tutta la storia e le prospettive future della prima metropolitana siciliana: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera.

Foto di copertina: Ferrovia Circumetnea - Metropolitana di Catania

20 annianniversariocataniacircumetneafcefesteggiamentimetrometropolitanametropolitana di cataniamobilita cataniavent'anniventennaleventi anni


Lascia un Commento

Ultimi commenti