30 gen 2018

Rifiuti: microdiscariche, boom di multe con telecamere


Dopo l’entrata in funzione della prima telecamera, in tre giorni ben 52 verbali sono stati inviati ai proprietari delle auto inquadrate nei filmati registrati. La maggioranza proviene da Misterbianco (32). I residenti a Catania pagheranno cinquanta euro, quelli che non pagano la Tarsu a Catania, da cento a duecento euro.


“In soli tre giorni la speciale squadra della Polizia municipale ha inviato ben 52 verbali ai proprietari delle auto inquadrate nei filmati registrati dalla prima telecamera di sorveglianza puntata sulle microdiscariche, quella di via Borgese, nella zona di San Nullo, a poca distanza da Misterbianco”.

Il dato lo fornisce l’assessore Rosario D’Agata, sottolineando come il programma per l’installazione delle telecamere per contrastare l’abbandono indiscriminato di rifiuti in zone poco sorvegliate, sia appena all’inizio.

“Così come disposto dal sindaco di Catania Enzo Bianco – ha detto D’Agata -, dopo quella di San Nullo, altre tre telecamere sono state piazzate nella zona tra Ognina e l’Ospedale Cannizzaro. E tra oggi e domani ne saranno installate altre cinque: tre nei pressi del Cimitero, una in viale nel Villaggio Sant’Agata, e una al Pigno”. L’obiettivo è in particolare quello di presidiare tutte le zone della città limitrofe ad altri Comuni per combattere il “pendolarismo dei rifuti”.

Negli ultimi tre anni il numero delle multe per i controlli diretti della Polizia municipale è salito da mille del 2015 a quasi 1.500 nel 2017. Le pattuglie della Municipale e gli agenti accertatori della Direzione Ecologia, in tutto una quindicina di persone, hanno lavorato per combattere il fenomeno recandosi nelle zone in cui era più frequente. Adesso, con le telecamere, si potrà avere un controllo costante in particolare sulle cosiddette microdiscariche, che vengono create da chi abbandona in maniera seriale i rifiuti indifferenziati e a volte anche quelli pericolosi.

Proprio nella zona di via Borgese nel maggio del 2016, gli uomini della sezione Vigilanza ambientale della Polizia municipale sorpresero un manovale mentre abbandonava materiale proveniente da lavori di demolizione.

“Contiamo molto – ha spiegato D’Agata – sull’effetto deterrente delle telecamere. Ogni giorno, a Catania raccogliamo almeno sessanta tonnellate di spazzatura, che, per essere smaltite, ci costano quasi due milioni di euro all’anno. Si stima, e le multe prese finora lo confermano, che circa la metà dei rifiuti provenga dai Comuni della fascia pedemontana e anche costiera che fanno la raccolta differenziata. Per questo, dal luglio del 2015 se il rifiuto portato a Catania da fuori viene abbandonato nel cassonetto, il trasgressore pagherà cento euro, se è fuori ne pagherà duecento. Cinquanta euro pagano invece, i catanesi, per aver conferito i rifiuti nei giorni sbagliati o mescolandoli tra loro”.

Rifiuti 2


cataniamicrodiscarichemisterbiancomobilita cataniarifiutisan nullotarsutelecamerevia borgese


Lascia un Commento

Ultimi commenti