02 nov 2015

Piazza Federico di Svevia, spazio pubblico o parcheggio?


La creazione dell’area pedonale antistante il prospetto del Castello Ursino e la Chiesa di San Sebastiano ha suscitato ferventi proteste da parte dei commercianti e alcuni residenti, secondo cui la limitazione del transito e della sosta ha provocato un calo degli incassi e problemi alla viabilità.

La pedonalizzazione era stata proposta dal movimento Salvaiciclisti e appoggiata da altri comitati e associazioni cittadine, a seguito della quale l’Amministrazione aveva avviato l’iter per la sua implementazione.

Alle proteste di coloro che vorrebbero ripristinata la situazione precedente Salvaiciclisti risponde con una nota. Nel dibattito non c’è in gioco una semplice area pedonale, ma il volto che si vuole dare a Catania.


Il successo della mostra di Chagall lo sta dimostrando: il Castello Ursino può diventare il simbolo ed il contenitore dell’offerta culturale di Catania. Anche se, di fatto, è già un elemento distintivo ed identitario della nostra città.

La potenza architettonica che emerge dalla sua posizione in una delle piazze più belle del centro storico di Catania, e che la rende come un cammeo nel barocco, è completamente oscurata dal disordine urbanistico delle auto in sosta. Quando poi la sosta è gestita in modo illegale, risulta del tutto incompatibile con la forza evocativa di un edificio che emana cultura e storia da ogni pietra.
Il messaggio importante e la sfida che il movimento Salvaiciclisti ha lanciato alla città quando ha chiesto la piccola pedonalizzazione è che il pregio di spazi urbani come piazza Federico di Svevia ed il suo castello devono diventare la vera arma di competizione per attrarre cittadini e turisti. E proprio il senso di questo messaggio che ci aspettiamo sia colto e rilanciato dalla città, dalla sua Amministrazione, dai residenti e dalle attività commerciali che insistono sulla piazza e che, in caso di riqualificazione, ne avrebbero un indubbio e diretto beneficio.
Abbiamo appreso della richiesta di alcuni commercianti di riapertura dello spazio. Certamente sotto il profilo tecnico e della circolazione l’intervento può essere migliorato, ma non si cada nell’errore di pensare che il modo migliore di utilizzare una piazza come quella, nell’interesse dei cittadini e delle loro attività economiche, sia destinarla alla sosta e al transito di automobili. Non occorre aver viaggiato e visto il Louvre o il Castello Sforzesco per comprendere che l’occupazione delle aree adiacenti con un parcheggio crea degrado e ne riduce le potenzialità di risorsa culturale e turistica.

Al fine, dunque, di mantenerne l’integrità visiva, prendendo atto che in tutti i musei più importanti del mondo lo spazio esterno è pedonale, chiediamo che gli spazi che circondano il Castello siano oggetto di un progetto di riqualificazione che parta nell’immediato con il ripristino della legalità dei parcheggi, nel breve periodo con il ripensamento di alcune aree già destinate a parcheggio. Mentre nel medio periodo si può iniziare a pensare ad un concorso di idee affidato alle migliori competenze professionali per il ridisegno della piazza e della regolamentazione del traffico adiacente.

Confidiamo pertanto nella pronta e coraggiosa azione della Amministrazione Comunale, della Soprintendenza e di tutte le istituzioni preposte alla legalità ed alla salvaguardia del nostro patrimonio storico ed artistico.


area pedonalecastello ursinocataniamobilita cataniapedonalizzazionepiazza federico di sveviaproteste commercianti


Lascia un Commento

Ultimi commenti