Articolo
14 ott 2016

Metropolitana, tratta Nesima-Monte Po: pronti i conci per la galleria

di Roberto Lentini

I lavori della nuova tratta Monte Po-Nesima procedono secondo cronoprogramma. Nella stazione Monte Po è stato quasi completato lo scavo mentre nella stazione Fontana si è provveduto in questi giorni alla recinzione del cantiere. Essendo questa stazione in ambito urbano è necessario, per procedere allo scavo e alla realizzazione delle strutture sotterranee, spostare prima le reti di servizio (acqua, luce, gas, telefono etc) poste sotto la strada. I lavori interesseranno alternativamente metà della carreggiata di viale Felice Fontana. Spostati i sottoservizi, si inizierà con l’inserimento nel terreno di micropali che, collegati tra loro, costituiranno le pareti laterali della galleria e sosterranno il terreno circostante allo scavo. Finita questa fase verranno realizzati i solettoni di fondo con le predisposizioni di binari e selle, per il passaggio della TBM.  Quando la talpa arriverà nella stazione, la struttura di quest’ultima deve essere giunta ad un grado di completamento tale da permettere il passaggio della TBM che avverrà "a vuoto". La talpa riprenderà infatti il suo avanzamento dall’altra parte della stazione verso la stazione successiva. Risulta quindi importante realizzare le stazioni in tempo per non fermare la TBM. La TBM è infatti un vero e proprio cantiere mobile che, a una velocità di 10 metri al giorno, avanza portando con sé tutte le attrezzature necessarie allo scavo, allo smaltimento dei detriti e alla realizzazione del rivestimento della galleria costituito da conci prefabbricati in calcestruzzo armato. Intanto sono stati già avvistati, in uno stabilimento di Piano Tavola, i conci che verranno utilizzati per questa tratta. Ne serviranno circa 60 al giorno per completare lo scavo di 10 metri. La TBM che verrà utilizzata in questa tratta si chiama Agata e qui un video realizzato da Mobilita Catania nel giorno della presentazione alla stampa.  Qui un video che vi fa vedere come funziona una TBM   Ti potrebbero interessare... Metro, Nesima-Monte Po: ecco “Agata”, la talpa che scaverà il tunnel Metropolitana: iniziano i lavori per realizzare la stazione “Fontana” Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 set 2016

Metro, Nesima-Monte Po: ecco “Agata”, la talpa che scaverà il tunnel

di Roberto Lentini

Procedono speditamente i lavori, in appalto alla CMC di Ravenna, nella tratta Monte Po-Nesima della metropolitana di Catania. La "talpa", battezzata Agata in onore della Santa patrona della città, comincia a prendere forma: sono state infatti completate le fasi di montaggio dello scudo (il cilindro metallico) e della testa rotante; rimane da montare il back-up composto da un sistema di carri agganciati alla testa, che trasporteranno tutti gli impianti di servizio.   Per potere assemblare la TBM ed avviare lo scavo è stato necessario realizzare alcune opere preliminari. Si è prima scavato un enorme pozzo e da qui si è iniziato lo scavo, con il metodo tradizionale, del primo tratto di galleria a sezione circolare. Dietro l’imbocco è stato realizzato l’arco rovescio della galleria artificiale esterna, formato dalla culla, dove avviene il montaggio della testa, e dalla rampa di lancio, dove viene assemblato il back-up. Occorreranno altri due mesi per completare il montaggio della talpa e iniziare lo scavo della tratta Monte Po-Nesima che durerà circa sei mesi. La tratta Nesima-Monte Po comprenderà due nuove stazioni in direzione Misterbianco: Fontana e Monte Po. Il completamento, se verranno rispettati i tempi contrattuali dei 600 giorni, avverrà nell’estate 2017, a fronte di un importo complessivo di 80.300.000 euro. Buone notizie pure per l'altra tratta di prossima realizzazione, anch'essa affidata alla CMC di Ravenna: ad ottobre, infatti, verrà consegnata l'area di cantiere per la tratta Palestro-Stesicoro, situata in prossimità del cavalcavia dell'Asse Attrezzato, nei pressi di via Palermo. La talpa che eseguirà questo nuovo scavo è già arrivata. L'appalto, in questo caso, prevede solo le opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento. Nello specifico, l’appalto prevede: la realizzazione di una galleria di linea della lunghezza di 2.177, 52 m; la realizzazione delle gallerie delle stazioni S.Domenico, Vittorio Emanuele e Palestro; la realizzazione di 7 aperture equilibratrici. La tratta Palestro-Stesicoro, da ultimare con un nuovo appalto, comprenderà tre nuove stazioni in direzione Aeroporto: Palestro, Vittorio Emanuele (Ospedale) e San Domenico. Secondi i piani della Fce, si potrà aprire questa tratta al pubblico nel 2019, se nel corso dei lavori di realizzazione del tunnel verrà appaltata la realizzazione delle opere complementari. Ti potrebbero interessare: Metropolitana, arrivata la TBM per la tratta Stesicoro-Palestro FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni Metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 set 2016

FOTO | Metro, tratta Nesima-Monte Po: si compone la talpa nel sottosuolo

di Mobilita Catania

Nel mega-cantiere di Misterbianco, a ridosso di Torre Tabita, nella grande area allestita a nord-ovest della futura stazione metro di Monte Po, procedono le imponenti operazioni propedeutiche all'inizio dello scavo del tunnel che da qui giungerà a Nesima, allungando di altri 1700 metri il percorso della metropolitana e a cui si aggiungerà, di fatto, anche la prima tranche di galleria per la futura prosecuzione verso Misterbianco, parallelamente al corso Carlo Marx. Sono infatti cominciate le operazioni di inserimento nel sottosuolo delle varie parti che compongono la grande TBM, la talpa che verrà assemblata, pezzo dopo pezzo, all'interno del primo tratto di galleria già scavato con metodo tradizionale. Nell'immagine soprastante si può apprezzare la cosiddetta sella di lancio della TBM all'interno del primo tratto della galleria. Su questa, dalla apposita forma curvilinea, vengono poggiati, sospinti e quindi assemblati i vari componenti della talpa, calati uno ad uno. Al termine delle operazioni di assemblaggio, della durata di diverse settimane, comincerà lo scavo vero e proprio che, grazie a questo mezzo, durerà l'arco di pochi mesi. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 ago 2016

FOTO | Metropolitana, si lavora in tutti i cantieri: lunedì aperto il viale Africa

di Roberto Lentini

Procedono spediti i lavori della metropolitana. A Natale dovrebbe aprire la tratta Galatea-Stesicoro con le nuove stazioni Giovanni XXIII e Stesicoro e a febbraio la tratta Borgo-Nesima con le nuove stazioni di Milo, Cibali, San Nullo e Nesima Buone notizie anche per quanto riguarda le altre tratte: sulla Nesima-Monte Po si lavora in tutte le stazioni e per settembre è previsto l'avvio dei cantieri per la tratta Stesicoro-Palestro (solo galleria, in questo caso). Altro obiettivo ambizioso per la Fce è appaltare entro l'anno la tratta Monte Po-Misterbianco, mentre si sta pure lavorando per reperire i 400 milioni necessari per il bando di gara per la tratta Stesicoro-Aeroporto. L'obiettivo, difficile, è iniziare i lavori per il 2018 e terminarli nel 2022. Ecco l'aggiornamento dei cantieri attuali: Cantiere Torre Tabita In questo cantiere è stato ultimato il pozzo di scavo e una parte di tunnel da dove verrà inserita la TBM. L'assemblaggio della talpa è previsto per settembre, successivamente inizierà lo scavo che la porterà nella stazione di Nesima. Stazione Monte Po Procedono spediti i lavori. Sono stati completati i lavori di consolidamento delle pareti mediante palificazione e adesso si comincia a realizzare lo scavo Stazione Nesima Rispetto alla nostra ultima visita notevoli sono i passi in avanti. È stato già realizzato il vano ascensore mentre nelle discenderie è stata già posizionata l'armatura. Stazione Cibali Progressi anche qui. È stato già gettato il magrone  sulla parte di mezzanino che risultava ancora aperto. Probabilmente nei prossimi giorni si provvederà  alla realizzazione di parte di mezzanino che servirà a collegare l'area sottostante via Barcellona con le scale che portano al livello binari. Stazione  Giovanni XXIII Qui si sta lavorando soprattutto all'esterno per completare il tunnel di collegamento tra le scale di accesso di viale Africa e il mezzanino della stazione Giovanni XXIII. Lo scavo è in buona parte realizzato e già in più parti è stata posizionata l'armatura per il successivo getto di calcestruzzo. Nel tratto che attraversa viale Africa  i lavori sono già al termine e lunedì 8 agosto la strada verrà riaperta al traffico veicolare.   Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania Metropolitana, arrivata la TBM per la tratta Stesicoro-Palestro Metropolitana, Di Giambattista: «Le due tratte aperte a dicembre e a febbraio»

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
18 apr 2016

“Agata” in cantiere per lo scavo della tratta metropolitana Nesima-Monte Po

di Amedeo Paladino

Continuano a Catania i lavori di realizzazione della tratta della metropolitana Nesima-Monte Po. La testa della Tbm è già in cantiere: si tratta della “talpa” dal diametro di scavo di 10,56 metri. Alla macchina sarà dato il nome di “Agata”, in onore – naturalmente – della Santa Patrona di Catania [foto in evidenza TBM "Agata" presso il cantiere nei pressi di Torre Tabita] Dopo l'arrivo della prima sezione della TBM al Porto di Catania, documentato da Mobilita Catania, anche gli altri pezzi stanno raggiungendo il cantiere allestito nei pressi di Torre Tabita.  Sono così due le Tbm della C.M.C. di Ravenna che operano in Sicilia. Oltre ad "Agata" a Caltanissetta, nei lavori di ammodernamento della S.S. 640, “Barbara” – diametro 15,08 metri – sta scavando il secondo tunnel della galleria di 4 chilometri. Entrano così nel vivo i lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po affidati da Ferrovia Circumetnea alla CMC di Ravenna, Cooperativa Muratori e Cementisti. Nel cantiere di Catania tutto è in fermento: i lavori prevedono la realizzazione di un tratto di galleria mono-canna a doppio binario di percorrenza, che si sviluppa per una lunghezza di circa 1.748,08 metri. La tratta Nesima-Monte Po comprenderà due nuove stazioni in direzione Misterbianco: Fontana e Monte Po. Il completamento, se verranno rispettati i tempi contrattuali dei 600 giorni, avverrà nell’estate 2017 per un importo complessivo di 80.300.000 euro. Vedi anche: FOTO | Metro Nesima- Monte Po: come saranno le stazioni     Nel frattempo nei lotti in via di completamento, Galatea-Stesicoro e Nesima-Borgo, i lavori sono ripresi a pieno ritmo: il commissario governativo Ferrovia Circumetnea, l’ingegnere Virginio Di Giambattista, ha comunicato le nuove scadenze per l'entrata in esercizio delle tratte.   Ti potrebbero interessare:  Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera  Cantieri metropolitana, si torna a lavoro: ecco il nuovo cronoprogramma VIDEO | Nuove tratte metropolitana: come e dove verranno scavate FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 apr 2016

Giunta al porto di Catania “Agata”, la grande talpa per lo scavo della metropolitana Nesima-Monte Po

di Amedeo Paladino

I lavori di realizzazione della tratta della metropolitana Nesima-Monte Po giungono ad un punto di svolta: è arrivata al porto di Catania la testa della TBM, la grande talpa che scaverà la galleria della tratta. Sarà la prima volta in cui si impiegherà a Catania Entrano nel vivo i lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po affidati da Ferrovia Circumetnea alla CMC di Ravenna,  Cooperativa Muratori e Cementisti, una delle più importanti al mondo, terzo gruppo in Italia del settore costruzioni con quasi ottomila dipendenti, oltre un miliardo di fatturato e un portafoglio ordini da 3 miliardi. La Seli Technologies è la società fornitrice della TBM (Tunnel Boring Machine) nota anche come fresa o talpa, che oltre ad eseguire lo scavo è in grado di sostenere ed evitare i cedimenti del fronte di scavo, di portare all’esterno lo smarino (tramite un nastro trasportatore) e di mettere in opera il rivestimento definitivo che questa volta è costituito da conci prefabbricati in calcestruzzo armato. Questa società sta fornendo alla CMC di Ravenna 16 TBM nei cantieri sparsi nel mondo. Come mostra la foto esclusiva di Mobilita Catania, sabato ha raggiunto il porto di Catania la testa della grande talpa, seguiranno gli altri pezzi, per l'allestimento occorreranno alcuni mesi. Come prescrive la tradizione la TBM è stata battezzata con un nome femminile, si chiamerà infatti "Agata" in onore alla Santa Patrona della città. Nel lotto Nesima-Monte Po la TMB verrà fatta entrare nei pressi della Torre Tabita: qui inizierà lo scavo in discesa fino ad intercettare il tracciato di progetto, direzione stazione Nesima. Finito lo scavo la TBM verrà smontata ed estratta dai pozzi di aerazione, tranne lo scudo che rimarrà sepolto in galleria. In questo video, girato in occasione della consegna dell'area di cantiere presso Torre Tabita lo scorso luglio, la riproduzione in scala del funzionamento della TBM La tratta Nesima-Monte Po si estenderà per 1,7 km e comprenderà due nuove stazioni in direzione Misterbianco: Fontana e Monte Po. Vedi anche: FOTO | Metro Nesima-Monte Po: come saranno le stazioni     I lavori sono iniziati il 30 dicembre 2015 con l'allestimento dell'area di cantiere propedeutico all'ingresso della grande talpa meccanica.  Il completamento, se verranno rispettati i tempi contrattuali dei 600 giorni, avverrà nell’estate 2017 per un importo complessivo di 80.300.000 euro. La CMC realizzerà anche le opere civili dei due lotti della tratta Stesicoro-Aeroporto in cui verrà impiegata un'altra TBM, che penetrerà nel sottosuolo da via Palermo. Per quest'ultima tratta sono già terminati i sondaggi  geognostici finalizzati alla progettazione esecutiva. Ti potrebbero interessare:  Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera  VIDEO | Nuove tratte metropolitana: come e dove verranno scavate FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mar 2016

Metropolitana, lavori senza intoppi per Nesima-Monte Po, sondaggi per la Stesicoro-Palestro

di Amedeo Paladino

Mentre il futuro delle due costruende tratte della metropolitana, Galatea-Stesicoro e Nesima-Borgo, è strettamente legato al futuro dell'impresa Tecnis, proseguono i lavori per la Nesima-Monte Po e i sondaggi geognostici per la Stesicoro-Palestro Il futuro dei cantieri Nesima-Borgo e Galatea-Stesicoro si deciderà nei prossimi giorni, quando verrà presentato un nuovo piano di rientro, determinante sarà il parere delle banche in merito alle garanzie economiche. Nonostante la crisi i lavori sono continuati nei cantieri Galatea-Stesicoro, mentre nella Nesima-Borgo lo stop prosegue da alcune settimane. Ciononostante l'estensione dell'opera prosegue senza intoppi nel cantiere della Nesima-Monte Po:  qui il 30 dicembre 2015 sono iniziate le attività per la realizzazione-progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori della tratta che sarà lunga circa 1,7 km e collegherà la stazione di Nesima a quella nuova di Monte Po. In mezzo, la nuova stazione di viale Felice Fontana, nei pressi del nuovo ospedale Garibaldi, al quale sarà collegata attraverso un tunnel. Il completamento, se verranno rispettati i tempi contrattuali dei 600 giorni, avverrà nell'estate 2017. I lavori sono affidati a CMC di Ravenna (Cooperativa Muratori e Cementisti) per un importo di 80.327.079,58 euro; attualmente in Corso Carlo Marx, a Misterbianco, nei pressi della Torre Tabita, è stata pulita, recintata e attrezzata una vasta area per il cantiere, da qui entrerà la TBM per iniziare lo scavo del tunnel, che sarà più lungo di circa 30 metri rispetto alle previsioni iniziali proprio per sfruttare l’area di proprietà dell’impresa, che ha anche scelto la metodologia di scavo citata, ovvero l’impiego della “talpa”. Nell'altro versante, ovvero quello Stesicoro-Aeroporto sono in corso i sondaggi  geognostici finalizzati alla progettazione esecutiva e la costruzione della galleria e delle stazioni intermedie. Questi carotaggi consistono nella perforazione di pozzi per saggiare la consistenza del sottosuolo e definire gli interventi di progettazione per i quali hanno già avuto le relative ordinanze dalla Pubblica Amministrazione. Ad occuparsi dei sondaggi è l'istituto di ricerca e sperimentazione Sidercem, che sta eseguendo i lavori per conto di CMC. In queste settimane i carotaggi sono stati effettuati in piazza della Borsa, via Reclusorio del Lume, via Orfanotrofio e proseguiranno in corso dei Mille e in via Palermo, proprio da dove entrerà la grande talpa per lo scavo della galleria. La tratta Stesicoro-Aeroporto è composta da due lotti: Stesicoro-Palestro e Palestro-Aeroporto Fontanarossa. Tuttavia al momento solo la prima è stata finanziata. Il lotto Stesicoro-Palestro è stato anch'esso aggiudicato da CMC, i lavori, il cui inizio è previsto entro il 2016, richiederanno 570 giorni ma va precisato che, allo stato attuale, il finanziamento copre solo le opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento. Questa tratta comprenderà tre nuove stazioni e si estenderà per 2,2 km: Stesicoro San Domenico Vittorio Emanuele (Ospedale) Palestro   Ti potrebbero interessare:  Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera  VIDEO | Nuove tratte metropolitana: come e dove verranno scavate FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni

Leggi tutto    Commenti 0