16 giu 2020

Catania, arriva la seconda chance per il Car Sharing


Un anno fa, di questi tempi, a Catania si disquisiva sul flop del progetto di Car Sharing portato avanti dal gruppo Eni.

Un’iniziativa protrattasi per tre anni ma che, come specificato da Enjoy, aveva tradito le aspettative sia per il basso numero di clienti in rapporto al numero della popolazione catanese, che per i numerosi atti vandalici alle “celebri” Fiat 500 rosse.

Furti, smantellamenti e veri e propri sequestri rispetto al termine stabilito al momento del noleggio, non hanno permesso al gruppo promotore del progetto di ottenere i ricavi necessari per portare avanti l’iniziativa nella città dell’elefante.

Tuttavia, a distanza di quattordici mesi, Catania vuole concedersi una seconda chance, riproponendo il servizio di Car Sharing ma, rispetto alla prima esperienza, apportando numerose novità.

Dai prossimi giorni, infatti, sarà possibile noleggiare 50 macchine (Lancia Y e Toyota Yaris) alcune delle quali anche ibride elettriche, grazie alla convenzione tra l’Amt di Catania e l’Amat di Palermo per una flotta di mezzi della piattaforma Amigo che opera nel settore del noleggio nel capoluogo siciliano da 11 anni.

Il servizio riguarderà inizialmente soltanto le aree centrali della città escludendo le zone periferiche, seguendo l’esempio di Palermo, ove il servizio Amigo è già attivo da anni, producendo ottimi risultati.

Oltre che nel capoluogo siciliano, il progetto è stato già lanciato pure in altre città siciliane, da Trapani e provincia fino ad Enna. Ma come funzionerà il servizio? Quali saranno le tariffe? Fin dove sarà possibile spostarsi una volta noleggiata l’auto?

Il mezzo sarà possibile prenotarlo tramite il sito, ma anche tramite smartphone con l’app messa a disposizione.

I costi del servizio si dividono in quota fissa, quota proporzionale e l’innovativa tariffa free floating:

  • nel primo caso si tratta di un abbonamento annuale pari alla somma di 25
  • nel secondo caso, invece, la tariffa dipende dall’ammontare di tempo e di chilometri percorsi durante tutto il noleggio
  • mentre nel caso della nuova tariffa a flusso libero, ogni minuto costerà 0,24 € dalle 7 alle 22 e 0,17 € dalle 22 alle 7. In questo frangente, non sarà possibile percorrere oltre i 50 km, altrimenti una volta superati ogni km in più vedrà un aumento di 0,35 €.

Altra novità importante riguarda gli spostamenti: se con la Enjoy bisognava lasciare l’auto nella stessa città in cui veniva fatto il noleggio, adesso sarà possibile spostarsi anche altrove recandosi nelle città che già effettuano questo servizio.

Insomma, le numerose richieste dei cittadini che hanno apprezzato la prima esperienza di Car Sharing nel capoluogo etneo, hanno indotto il presidente dell’Azienda Municipale Trasporti di Catania, Giacomo Bellavia, ad accelerare i tempi per evitare che la città perdesse l’abitudine dopo il primo esperimento non andato a buon fine con Enjoy.

 


#amigocar sharingcataniamobilita catania


Lascia un Commento