10 feb 2020

Completamento del Passante Ferroviario, qualcosa si muove: prossimo passo il progetto definitivo


L’Assessore ai Lavori Pubblici di Catania, Enrico Trantino, attraverso un post sui social network ha oggi reso noto che si è tenuto un incontro sul tema del passante ferroviario di Catania tra il Comune e Rfi, Rete Ferroviaria Italiana, ossia l’ente chiamato a realizzare l’importante opera.

Ad oggi, il passante Ferroviario di Catania è stato completato, nel suo percorso entro i confini comunali, nel solo tracciato nord, con la realizzazione delle tre nuove fermate di Catania Europa, Catania Picanello e Catania Ognina (a cui seguono, nel percorso verso Giarre-Riposto, fuori dai limiti municipali di Catania, le fermate di Cannizzaro, Acireale, Guardia Mangano-Santa Venerina e Carruba).

Manca, infatti, la trasformazione del tracciato a sud di piazza Europa, che prevede l’interramento della Stazione Centrale e quindi il proseguimento verso Acquicella attraverso un nuovo tracciato interamente interrato, a doppio binario, che di fatto libererà gli Archi della Marina dall’uso ferroviario, consentendone quindi l’abbattimento o, più probabilmente, la conversione in una suggestiva pista ciclopedonale tra mare e città.

Queste le parole dell’Assessore:

«Oggi proficua riunione con RFI sullo stato dell’arte dei progetti che modificheranno parte dell’assetto urbanistico della città.
L’interramento dei binari, la liberazione degli Archi della Marina e dell’area della ferrovia fino al Castello Ursino sono stati già oggetto di progettazione, che dovrà ora essere resa definitiva. Abbiamo chiesto – e RFI ci farà sapere – di estendere la galleria fino a Piazzale Asia in modo da lasciare libera la vista fino al mar
e dalla nuova cittadella giudiziaria (l’opera dovrebbe essere ultimata entro il 2023). La realizzazione della nuova linea ferroviaria, oltre quella della Circumetnea
(la metropolitana, ndr), disegneranno una nuova città più a misura d’uomo, con la possibilità di estendere le aree pedonali e godere, finalmente, di una promenade sul waterfront.»

Si sta, dunque, affinando ulteriormente il progetto preliminare del 2018 per giungere a quello definitivo a seguito di questi e di prossimi confronti tra Comune e Rfi.

Inoltre, da noi interpellato, l’Assessore ci ha fatto sapere di aver chiesto a RFI di valutare la possibilità di prolungare le banchine della costruenda fermata di Fontanarossa in modo da avvicinarle al parcheggio scambiatore e agevolare, quindi, l’interscambio con la fermata metropolitana qui prevista (Santa Maria Goretti). Una soluzione che potrebbe, infine, rimediare ai problemi causati dall’attuale localizzazione della fermata Rfi a supporto dell’aerostazione in sito diverso da quello precedentemente stabilito in uno specifico protocollo d’intesa. Non è da escludere che la modifica ora in discussione possa interessare, in parte, anche il posizionamento della fermata metro rispetto al progetto in corso.

Un passo avanti dell’iter del passante ferroviario, in ogni caso, che fa piacere conoscere anche perché in conflitto con le parole dell’Assessore Regionale alle Infrastrutture Falcone, che appena pochi mesi fa, definiva questo progetto dispendioso e poco utile.  È vero che si tratta di un progetto dispendioso, ma la sua utilità in termini di mobilità e di riflessi urbanistici è, invero, enorme.
Una pecca del progetto attuale, però, alla quale si auspica il Comune chieda pure di porre rimedio, è l’eliminazione della fermata di Catania Acquicella, proprio a pochi passi dal cimitero monumentale di Catania e da un vasto parcheggio già realizzato.  Anche perché ci sarebbe ancora da approfondire il tema della prevista, nuova fermata di San Cristoforo, che pare possa riservare qualche problema.

Questo, infatti, il percorso del passante ferroviario previsto nell’ambito strettamente comunale, da nord verso sud:

  • Catania Ognina
  • Catania Picanello
  • Catania Europa
  • Catania Centrale (da interrare)
  • Catania Porto
  • Catania San Cristoforo
  • Catania Aeroporto

Come si vede, tra Catania San Cristoforo (da realizzare ex novo) e Catania Aeroporto (in costruzione), purtroppo, non è ad oggi previsto il mantenimento della pur molto utile fermata di Acquicella, come detto, che si troverebbe in posizione intermedia a distanze del tutto compatibili con un trasporto di tipo metropolitano quale il passante deve essere in grado di offrire.

Si va, comunque, avanti: l’impressione è che ci sia qualcosa ancora da limare e ciò dovrà essere necessariamente fatto con competenza e oculatezza, trattandosi di una grande opera i cui effetti dureranno per parecchie decadi. I temi caldi rimangono, dunque, l’interscambio passante-metro presso Fontanarossa nonché la paventata soppressione di Acquicella e la eventuale realizzazione o meno della nuova fermata di San Cristoforo, mentre non dovrebbero più esserci dubbi sulla “liberazione” degli Archi della Marina e l’interramento della Stazione Centrale.


Ti potrebbero interessare:


archi della marinacataniainterramentometrometropolitanapassantepassante ferroviarioprogettoRFIstazione centraletrantino


Lascia un Commento