Articolo
10 ago 2017

Il nuovo statuto dell’AMT approvato dal Consiglio Comunale.

di Mobilita Catania

Il Consiglio Comunale, presieduto da Francesca Raciti, ha approvato il nuovo statuto dell'Azienda Municipale Trasporti  di Catania, adeguandolo ai sensi del D.LGS. 231/2001 e del D.LGS. 175/2016 secondo quanto disposto  dalla Riforma Madìa. Trentanove gli emendamenti presentati dai Consiglieri Comunali. Il nuovo statuto ha ottenuto 20 voti favorevoli su 25 consiglieri presenti. Cinque gli astenuti. Dodici gli emendamenti presentati, di questi 9 sono stati fatti propri dall'Amministrazione Comunale. A proporre gli emendamenti  sono stati i consiglieri Nicolò Notarbartolo, Michele Failla e Vincenzo Parisi primi firmatari a cui si sono aggiunti Daniele Bottino, Sebastiano Anastasi, Giuseppe Musumeci e Giovanni Marletta,  Sebastiano Anastasi, Manlio Messina,, Sebastiano Arcidiacono e Mario Crocitti. Lo statuto è stato reso più agile e più in linea ai bisogni di una grande collettività metropolitana. Il documento ha uno sguardo attento alla mobilità sostenibile  e ai bisogni della disabilità così come richiesto dal Consiglio e voluto dall'Amministrazione comunale che ha caldeggiato l'acquisto, previsto per il prossimo anno con i fondi Pon di nuovi veicoli con piattaforma mobile per la disabilità. Lo statuto, che sarà adesso uno strumento più consono al buon andamento di una società di trasporto urbano moderna e funzionale al suo rilancio, prevede anche le verifiche periodiche da parte dell'organismo del controllo analogo e la figura di un'Amministratore Unico o di  un Consiglio di Amministrazione. Per l'Amministrazione comunale erano presenti gli assessori Salvo Andò che ha relazionato sulla delibera da lui proposta,  Agatino Lombardo e Rosario D'Agata, un  ampio dibattito ha preceduto le votazioni, sono intervenuti tra gli altri i consiglieri Michele Failla, Sebastiano Arcidiacono, Manlio Messina, Nicolò Notarbartolo, Vincenzo Parisi, Sebastiano Anastasi e Antonino Vullo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2017

AMT, nominati i nuovi membri del Consiglio di Amministrazione: l’obiettivo sarà modificare lo Statuto societario

di Mobilita Catania

Dopo alcune settimane di stallo sono stati nominati i nuovi componenti del Consiglio di Amministrazione di AMT (Azienda Metropolitana Trasporti: i nomi sono stati indicati  nel corso della seduta dell'Assemblea e hanno preso il posto di Daniela Baglieri e Sebastiano Gentile. Il presidente Lungaro ritornato alla guida dell'azienda dopo la breve parentesi di Puccio La Rosa ha affermato che "con il nuovo CdA potremo finalmente procedere all'indispensabile approvazione delle modifiche allo Statuto societario imposte dalle nuove normative sulle Partecipate e continuare nell'azione di assestamento e rilancio dell'Azienda che attraversa un periodo di difficoltà", secondo cui  le norme, fin troppo stringenti, dello Statuto hanno infatti causato grandi difficoltà nell'individuazione di personalità con esse compatibili, tanto da dover chiamare professionalità o già gravate da impegnativi incarichi come la Presidente della Sac o a ricorrere a profili al di fuori del territorio catanese. I nuovi membri sono Stefania Di Serio e Domenico Drago che hanno preso il posto nel Consiglio d'amministrazione dell'Amt di Daniela Baglieri e Sebastiano Gentile. L'ingegnere Stefania Di Serio ha lavorato per vent'anni in ruoli apicali in aziende del Trasporto pubblico locale e della Mobilità in tutt'Italia, costituendo grazie alle proprie competenze una vasta rete di contatti nazionali e internazionali e ha insegnato e insegna in Master universitari. Il dottor Domenico Drago, laureato in Economia e commercio e attualmente componente del Collegio dei Revisori di Sicindustria, ha anch'egli una considerevole esperienza nel settore della trasportistica: è stato tra l'altro direttore generale dell'Amat di Palermo e direttore amministrativo dell'Azienda siciliana trasporti (Ast). Ti potrebbero interessare: AMT sconta scelte sbagliate: un errore abbandonare il progetto dei nuovi BRT; Nuove tratte metro, opportunità per rivoluzionare la mobilità con 4 linee BRT    

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti