Segnalazione
18 ago 2017

La segnaletica orizzontale più pazza del mondo

di Mobilita Catania

La segnaletica orizzontale è lo strumento più efficace ad uso degli utenti per far rispettare le prescrizioni del Codice della Strada e regolamentare la viabilità. A Catania la manutenzione della segnaletica orizzontale- la segnaletica verticale dipende dalla società partecipata Sostare- è di competenza della società partecipata al 100% dal Comune di Catania, Multiservizi S.p.A.; essa si occupa inoltre della pulizia e disinfezione, della custodia non armata, dei servizi manutentivi e traslochi dei beni comunali e della manutenzione del verde. Una corretta manutenzione della segnaletica orizzontale è importante per la nostra città per arginare un traffico motorizzato invasivo e pericoloso, in particolar modo per gli utenti deboli della strada. È sotto gli occhi di tutti come la segnaletica orizzontale sia spesso carente e alcune volte anche messa in opera in modo scorretto. A titolo esemplificativo, noi di Mobilita Catania vi mostriamo 3 casi diversi. Nel primo caso gli operai della Multiservizi hanno riverniciato l'attraversamento pedonale antistante un'istituto scolastico, noncuranti della buca non colmata. Nel secondo caso l'ormai sbiadito "stop" per i veicoli provenienti da via Canfora all'incrocio con via Caronda è stato ridisegnato con uno spray da un solerte cittadino; lo stesso succede all'incrocio tra via Conte Ruggero e via Francesco Crispi. L'ultimo caso è quello più paradossale: tra via Guardia della Carvana e corso delle Province le zebre indicanti l'attraversamento pedonale invece di terminare dall'altro lato del marciapiede, come prescrive il Codice della Strada, incrociano altre strisce pedonali in mezzo alla carreggiata.  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
15 apr 2016

Viale Artale Alagona: chiuso al transito da stasera per lo spostamento dei new jersey

di Mobilita Catania

Da oggi, venerdì 15 a partire dalle ore 22, per effettuare dei lavori di spostamento dei new jersey sul lungomare, sarà chiuso al traffico veicolare viale Artale Alagona, nel tratto da piazza Mancini Battaglia a piazza Nettuno. La chiusura è necessaria per consentire i lavori di realizzazione della pista ciclabile Dopo la nomina del nuovo direttore dei lavori per la realizzazione della pista ciclabile del lungomare, proseguono gli interventi per il completamento dell'opera: lo spostamento delle barriere new jersey si rende necessario per collocare i cordoli che delimiteranno la ciclabile. Sono ancora in corso i lavori di cancellazione della segnaletica orizzontale e l’apposizione della nuova: infatti la distribuzione delle corsie sarà modificata in relazione al fatto che la sede della pista ciclabile occupa più spazio rispetto agli stalli auto. Gli interventi saranno opportunamente segnalati da cartelli stradali come previsto dal DPR 496/92. E’ possibile, a seguito dei lavori sulla sede stradale, un rallentamento della circolazione veicolare, tuttavia operatori della Polizia urbana saranno in loco per limitare gli eventuali disagi alla viabilità e fluidificare il traffico. Come precedentemente riportato da Mobilita Catania, transitoriamente i cordoli di protezione saranno collocati solo nel tratto che va da piazza Nettuno ad Ognina, pertanto  fino a quando i 2 chilometri di ciclabile non saranno protetti totalmente dai cordoli il tratto da piazza Nettuno ad Ognina sarà a doppio senso per i ciclisti, mentre il restante tratto fino a piazza Europa sarà delimitato da doppia striscia gialla e monodirezionale per le bici. foto in evidenza: lasiciliaweb Vedi anche: VIDEO | Lungomare: primo giro sulla futura pista ciclabile Pista ciclabile del Lungomare, nuovo direttore dei lavori  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ago 2015

Segnaletica nuova, stesse disattenzioni

di Amedeo Paladino

In queste settimane di traffico moderato sono stati svolti diversi lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in alcune strade della città: alcuni giorni fa le caditoie di via Umberto, affossate dal transito dei bus, sono state risollevate e in parte sostituite; stessi lavori sono stati effettuati in via Vittorio Emanuele, dove oltre alla manutenzione dei tombini anche il manto stradale è stato sostituito. I lavori in via Vittorio Emanuele sono stati svolti dagli operai della Società Partecipata  S.P.A. Multiservizi che si occupa dei servizi di manutenzione della segnaletica orizzontale, colmature buche, pavimentazione stradale, manutenzione e rifacimento marciapiedi. Gli interventi in via Vittorio Emanuele si sono conclusi con il rifacimento della segnaletica orizzontale: strisce pedonali, linee di mezzeria e linee di delimitazione della corsia preferenziale. Il lavoro, come si evince dalle foto che abbiamo scattato, è stato svolto a regola d'arte, ma ciò di cui avevamo sentore sarebbe avvenuto si è puntualmente verificato: il rifacimento della segnaletica orizzontale non ha interessato i pittogrammi indicanti il transito delle bici sulle corsie preferenziali, stessa sorte per via Etnea, dove la segnaletica orizzontale è stata rifatta nel mese di luglio ad esclusione dei pittogrammi delle bici. La corsia preferenziale di via Vittorio Emanuele da piazza dei Martiri fino a piazza Duomo, è stata resa promiscua nel 2012, consentendo così il transito dei ciclisti; una disposizione non permanente, ma da 3 anni annualmente prorogata. Le altri preferenziali aperte al transito delle bici sono quelle di Corso Italia, Viale XX settembre, Via Etnea, Via Umberto e Viale Libertà. Allo stato attuale in nessuna di queste preferenziali i pittogrammi bici sono stati rifatti, addirittura in Via Umberto, Viale Libertà e Via Vittorio Emanuele neanche la segnaletica verticale, di cui si occupa la Società Partecipata SoStare, dopo 3 anni è stata aggiornata. Ci chiediamo ancora una volta se questi lavori, da considerarsi incompleti, siano frutto di disattenzione da parte di chi li commissiona, ovvero il Comune, o di chi li mette in opera, ovvero la Multiservizi: nel frattempo chi si muove in bici in città continua a pedalare ritagliandosi piccoli spazi tra le auto, e a sgomitare anche laddove il transito dovrebbe essere sicuro.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
22 lug 2015

Segnaletica rifatta, ma non per i ciclisti

di Amedeo Paladino

La società Multiservizi S.P.A. partecipata al 100% dal Comune di Catania si occupa dei servizi di manutenzione della segnaletica orizzontale, colmature buche, pavimentazione stradale, manutenzione e rifacimento marciapiedi. Nell'ultimo mese la Multiservizi ha adeguato la segnaletica orizzontale delle strade di Catania, i lavori  hanno portato al rifacimento della strisce pedonali, delle indicazioni e delle linee di demarcazione, longitudinali e trasversali; interventi di manutenzione ordinaria che per la nostra città diventano quasi interventi straordinari, sono infatti costanti le segnalazioni dei cittadini che lamentano la mancanza di interventi ordinari di manutenzione in particolare delle strisce pedonali che trasformano le strade catanesi in lingue d'asfalto che sembrano essere totalmente appannaggio delle auto. Da questi lavori di manutenzione è stata esclusa la segnaletica per i ciclisti: l'itinerario composto dalle preferenziali di via Etnea, via Umberto, viale Libertà, corso Italia e viale XX Settembre dal 2012 come deliberato dal Comune è stato reso aperto al transito di chi si muove in bici, provvedimento previsto dal Codice della Strada e adottato da alcune città italiane, che ha reso più facile la vita dei ciclisti urbani catanesi. Nel mese di marzo il movimento #salvaiciclisti Catania ha presentato un'istanza protocollata indirizzata all'Assessore con delega alla mobilità Rosario D'Agata e all'Ufficio Traffico Urbano, richiedendo l'adeguamento e il ripristino della segnaletica orizzontale, consistente in un semplice pittogramma indicante il transito delle bici. Ma oltre al danno la beffa: la scorsa settimana la segnaletica di via Etnea è stata rifatta, ma dei pittogrammi bici nessuna traccia. La situazione più grave è quella di Via Umberto: qui la segnaletica orizzontale non è stata ancora rifatta, e non sappiamo se rientrerà nel programma di lavori che il Comune di Catania ha dato in carico alla Società Multiservizi. La carreggiata è priva di qualsiasi separazione, dando l'impressione agli automobilisti che sia totalmente a loro disposizione; in questa arteria rimane solo qualche traccia della linea di separazione della corsia preferenziale e dei pittogrammi bici. Discorso a parte merita la pista ciclo-pedonale che collega piazza Stesicoro a piazza Giovanni XXIII: gli attraversamenti ciclabili non sono mai stati realizzati, determinando situazioni di grave pericolo. Rifare un pittogramma per le bici e adeguare un attraversamento ciclabile non costituiscono un aggravio per le casse comunali, ma garantiscono maggiore sicurezza per chi si muove in bici e soprattutto costituiscono un sintomo d'interesse dell'Amministrazione.  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti