Articolo
31 ago 2015

Via Crociferi, “area pedonale” con parcheggiatore abusivo

di Andrea Tartaglia

Non è assolutamente un argomento nuovo, ma finché il problema non è risolto rimane di attualità ed è importante non assuefarsi al malcostume. Via dei Crociferi, una delle strade più belle dell'intera Sicilia, Patrimonio dell'Umanità riconosciuto dall'Unesco, rimane poco valorizzata e, anzi, bistrattata. Oltre l'eccellente patrimonio architettonico e il recente restauro dell'ex Convento dei Crociferi, in attesa del restauro dell'ex Collegio dei Gesuiti, l'unico aspetto positivo di quest'incantevole strada settecentesca, oltretutto a vantaggio della sua salvaguardia e fruizione, sarebbe rappresentato dall'essere esclusivamente pedonale. Il condizionale, evidentemente, è d'obbligo perché di fatto non è così. Il tratto compreso tra piazza San Francesco d'Assisi e via Antonino di Sangiuliano è protetto solo da paletti posti a nord, ma spesso si trasforma in parcheggio, specialmente nelle ore notturne, sfruttando l'accesso da piazza Asmundo. L'altro tratto, che si estende fino a Villa Cerami, è invece percorso abitualmente da auto e motorini ed è addirittura spesso presente un parcheggiatore abusivo che invita i mezzi a circolare e a parcheggiare, in totale sprezzo dell'area pedonale, complice l'impunità. Le foto parlano chiaro. Multe e varchi controllati o protetti: queste, nell'ordine in cui possono attuarsi, i rimedi a cui fare ricorso. A Catania le aree pedonali sono poche, ma il problema dell'attraversamento illecito da parte dei veicoli e della sosta selvaggia le interessa quasi tutte: a salvarsi è solo piazza Università, non a caso l'unica ad essere protetta da dissuasori e da pilomat. Auspichiamo di poter presto ammirare la Via dei Crociferi, ma anche via Teatro Massimo, piazza Vincenzo Bellini e piazza Cutelli davvero libere dalle auto, possibilmente protette con barriere fisiche, senza dover assistere alla scena, reale, di turisti molestati dai clacson per farli spostare proprio mentre intenti a scattare una foto ricordo delle bellezze di Catania. Per via Crociferi un piccolo sogno è rappresentato anche dalla eventuale pedonalizzazione della vicinissima piazza San Francesco d'Assisi, per la quale è in corso una petizione.

Leggi tutto    Commenti 1
Segnalazione
26 mag 2015

Parcheggio selvaggio in viale Mario Rapisardi

di Mobilita Catania

Una nostra lettrice ci invia questa foto scattata ieri mattina riguardante un parcheggio che merita l'Oscar per l'inciviltà! La Smart bianca in sosta al Viale Mario Rapisardi, oltre ad essere in doppia fila, in prossimità di un incrocio e di un semaforo, era posizionata anche nel verso opposto al senso di marcia. Le auto che dovevano incolonnarsi per svoltare a destra erano impossibilitate a farlo, creando pericoli e serio intralcio alla circolazione. Il Viale Mario Rapisardi continua a essere una giungla, ci auguriamo interventi da parte dell'Amministrazione e della Polizia Municipale; proprio il Comando della Polizia Municipale ha annunciato la messa in opera entro quest'anno dello Street Control, un sistema che permetterà di multare le infrazioni tramite una telecamera e un software in grado di controllare in tempo reale anche assicurazione e bollo di tutti veicoli. Il sistema è stato testato nei mesi scorsi al Viale Mario Rapisardi, durante il test il 60 % dei veicoli, se il sistema fosse stato attivo, sarebbe stato multato. In questa importante arteria d'ingresso in città si prevede la realizzazione, di una corsia autobus-BRT; purtroppo finora il progetto non è mai diventato esecutivo e il viale Mario Rapisardi rimane in balìa del traffico anarchico, dell'abusivismo di molti ambulanti posizionati sulla carreggiata stradale e senza alcuna pista ciclabile. Ricordiamo che potete fare direttamente voi le vostre segnalazioni cliccando nel menù in alto su "partecipa" e poi su "segnala un problema" o cliccando direttamente qui.  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0