Articolo
20 giu 2017

San Gregorio, iniziano i lavori per la nuova illuminazione: si comincia da via Sgroppillo

di Roberto Lentini

Domani 21 giugno 2017 dalle 15:00 inizieranno i lavori per l'installazione della nuova illuminazione del tratto di via Sgroppillo tra via Sciarone fino al limite con Ficarazzi da decenni pericolosamente al buio. Il comune di San Gregorio ha infatti avviato un programma di illuminazione straordinario di alcune strade periferiche che da tempo necessitavano di illuminazione e messa in sicurezza. La nuova illuminazione di via Raffaello Sanzio è stata già completata e da domani inizieranno i lavori della nuova illuminazione di via Sgroppillo nell'ultimo tratto di Cerza che inizierà dalla via Sciarone (ove risiede attualmente l'ultimo pilone della illuminazione stradale comunale della via Sgroppillo) fino all'ingresso con il centro abitato di Ficarazzi a ridosso col territorio acicastellese. I nuovi corpi illuminanti verranno aggangiati a sospensione sui pali esistenti dell'Enel sostituendo i vetusti e guasti corpi illuminanti che da decenni occupavano inutilmente quelle allocazioni. Verranno utilizzate lampade a led e in particolare su via Sgroppillo verranno recuperati i vecchi corpi illuminanti con l'impiego di lampade a led, mentre sulle altre vie verranno installati corpi illuminanti a led completamente nuovi. Da lunedì, facente parte dello stesso programma di illuminazione stradale, partiranno i lavori per la nuova illuminazione di via Catira Savoca, situata a confine con il territorio di San Giovanni La Punta che nell'occasione parteciperà fornendo l'allacciamento elettrico e il comune di San Gregorio la posa in opera dei pali). Inoltre è stato anche approvato in linea amministrativa il nuovo Project sulla illuminazione dell'intero territorio comunale su cui verranno dati maggiori ragguagli in futuro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mag 2017

Autostrada A18, lavori di ripristino dell’illuminazione nelle gallerie di Taormina e Giardini Naxos

di Mobilita Catania

Sono in corso di esecuzione i lavori necessari per ripristinare i punti luce degli svincoli e delle gallerie Taormina e Giardini Naxos e quelli per riattivare la funzionalità idraulica della galleria Giardini Naxos (pista valle – direzione da Catania a Messina). Tutti gli interventi saranno eseguiti senza interrompere la circolazione, parzializzando la carreggiata e chiudendo di volta in volta le corsie di marcia e sorpasso; all'altezza dei cantieri posti il limite di velocità non superiore ai 60 km/h, nelle rampe degli svincoli quello di 40 km/h. Divieto di sorpasso. Tutti i lavori  dovranno concludersi nel giro di pochi giorni. Quelli riferiti alla funzionalità idraulica saranno sospesi per il periodo dello svolgimento del G7 e portati a termine entro la fine di giugno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 apr 2017

Illuminazione: da domani lavori nelle piazze Europa e Sciascia

di Roberto Lentini

Domani prenderanno il via i lavori per il ripristino e la messa in sicurezza dell'impianto di illuminazione di parte della piazza Europa e di quella intitolata a Leonardo Sciascia. L'intervento costerà 32.000 euro e sarà realizzato dalla Gemmo per conto del Comune di Catania. Quest'ultimo si rivarrà poi sulla società concessionaria del Parcheggio Europa, che avrebbe dovuto realizzarli. Da diversi mesi le due piazze sono al buio perché, nell'area di pertinenza del Parcheggio, i corpi illuminanti e l'impianto erano stati distrutti o danneggiati da ignoti vandali. L'intervento prevede l'installazione di nuovi corpi illuminanti in sostituzione di quelli vandalizzati. Per definire la tempistica dei lavori  nei giorni scorsi i tecnici comunali hanno effettuato dei sopralluoghi. Si prevede che la prima fase dell'intervento, che riguarda i pali più alti, possa essere portato a termine entro un paio di settimane. La sistemazione delle lampade più basse è invece legata ai tempi di consegna degli speciali corpi illuminanti da parte dei fornitori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 gen 2016

Torna la luce sul Teatro Massimo Bellini

di Alessio Marchetti

Il 3 Settembre 2015 avevamo segnalato, con questo articolo, l'incredibile situazione del Teatro Massimo Vincenzo Bellini tenuto inopinatamente al buio, contribuendo a dare un senso di degrado alla piazza e forse incentivando la sua vandalizzazione con numerosi graffiti. Ieri, però, le luci che illuminano la ricca facciata del prestigioso tempio della lirica catanese, sono finalmente state riaccese dando molto più lustro al teatro e all'intera piazza. L'augurio è che non si tratti di una casualità ma che restino perennemente accese in tutte le ore serali e notturne dell'intera settimana. Si auspica, inoltre, che si valorizzi tutta l'area, in particolare con il ripristino dei dissuasori per evitare l'accesso alle auto che hanno distrutto parte della pavimentazione nonché la definitiva attivazione delle telecamere per il controllo della ZTL. Attualmente, infatti, il transito irregolare è così elevato che in alcune ore si creano addirittura code di auto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 dic 2015

I nostri auguri di un felice Natale con le nuovi luci di piazza Europa

di Mobilita Catania

Lo staff di Mobilita Catania festeggia il suo primo Natale e augura a tutti i lettori e amici di trascorrere felicemente questo giorno speciale. Gli approfondimenti di catania.mobilita.org insieme alle vostre segnalazioni e proposte, che contraddistinguono il taglio partecipativo e propositivo del network mobilita.org, ritorneranno nei prossimi giorni. Nell'augurarvi nuovamente un felice Natale vi proponiamo le foto della riqualificazione del verde e degli arredi urbani di piazza Europa: l'intervento è stato frutto del contributo della società cooperativa Sims e della società Gemmo in collaborazione con il Comune di Catania e la società Multiservizi. L'acqua finalmente tornata a zampillare e la luce della fontana possano essere di buon augurio per la nostra città.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ott 2015

Viale Tirreno, ritorna l’illuminazione dopo il furto di rame

di Mobilita Catania

L'Amministrazione comunica l'imminente ripristino dell'illuminazione in viale Tirreno; a causare il disservizio è stato il furto di rame nel mese di settembre. Situazione della quale ci eravamo già interessati in questo nostro intervento in seguito alle segnalazioni dei residenti.   Già da domani diversi tratti del viale Tirreno saranno nuovamente illuminati dopo il furto di cavi di rame compiuto il 20 settembre scorso. Su disposizione del sindaco Enzo Bianco, che ha raccolto numerose sollecitazioni da parte della Municipalità e dei cittadini, la Direzione Manutenzioni ha dato incarico a una ditta specializzata e sono subito cominciati i lavori - per un costo complessivo di circa 30.000 euro - per la posa in opera dei nuovi cavi elettrici in alluminio. I lavori prevedono anche la sostituzione dei chiusini che erano stati distrutti durante il furto. L'operazione è stata coordinata dal geom. Rosario Marino degli Interventi speciali della segreteria del sindaco e diretta dall'ing. Carlo Davì del Servizio manutenzioni pubblica illuminazione. Lungo il viale Tirreno erano stati rubati, in un percorso di due chilometri, ottomila metri di cavo di rame. Il furto, a quanto risulta dal servizio di telecontrollo elettronico, sarebbe stato compiuto subito dopo le sei del mattino del 20 settembre. Secondo l'ipotesi più plausibile a compierlo sarebbe stata una squadra di una decina di persone che ha lavorato per oltre un'ora, sotto gli occhi dunque di numerosissimi automobilisti in transito. I ladri, dopo aver rotto con delle mazze i chiusini in cemento, hanno tagliato i cavi e li hanno portati via sfilandoli l'uno dopo l'altro lasciando l'intera zona al buio. In quell'occasione il Sindaco aveva invitato i Catanesi a collaborare con le forze dell'Ordine contro ladri e vandali: "Come collettività - aveva detto - paghiamo un costo sociale troppo alto per questa forma di omertà. Chi ruba il rame o le paline dell'Amt o le panchine di ferro, o i tombini, o le transenne, sta compiendo un furto a danno di tutti i Catanesi. Ma anche chi abbandona l'amianto, magari vicino a una scuola, in modo da costringere la città a pagarne lo smaltimento".

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti