Articolo
12 apr 2016

Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

di Roberto Lentini

Dopo la pubblicazione del bando avvenuta lo scorso anno, sulla quale Mobilita Catania aveva già scritto, inizieranno a giugno i lavori di ammodernamento della tratta ferroviaria Catania-Siracusa nel tratto tra Bicocca e Targia e dureranno circa tre mesi: gli interventi comporteranno la temporanea interruzione della tratta ferroviaria,  con interruzione e sospensione sia dei treni nazionali per Milano e Roma che dei treni Regionali. Il progetto prevede la velocizzazione di una tratta di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia, attraverso varianti di tracciato, la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di tutti i passaggi a livello esistenti. Questo consentirà un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. Gli interventi riguardano: l’adeguamento della sede ferroviaria; la regimentazione idraulica del corpo stradale; il ripristino strutturale e/o la sostituzione di opere d’arte; le rettifiche di curve, varianti puntuali ed estese; le opere civili e tecnologiche di tratti di linea nell’ambito di alcune stazioni (lungo il tracciato ne sono presenti 10, tra le quali la stazione di Bicocca, attraversata dalla diramazione per Palermo, e la stazione di Lentini, dove è presente la diramazione per la linea Caltagirone – Gela). Con lo sviluppo del progetto definitivo l’intervento è stato suddiviso in due lotti funzionali: 1° lotto funzionale Bicocca-Augusta: dal km 233+634 al km 280+000; 2° lotto funzionale Augusta-Targia: dal km 280+000 al km 301+841. L’investimento complessivo per il progetto «Velocizzazione della linea Catania-Siracusa: tratta Bicocca-Targia» ammonta a 81 milioni di euro. Il Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Unione europea (Fesr) contribuisce per un importo pari a 55 233 900 euro attraverso il programma operativo «Reti e mobilità» per il periodo di programmazione 2007-2013 nell’ambito dell’asse prioritario «Miglioramento dei collegamenti tra i sistemi locali e la rete principale». I lavori produrranno un effetto positivo sul corridoio TEN-T (reti transeuropee di trasporti) che corre da Helsinki a La Valletta, agevolando i collegamenti tra le due città siciliane e, come risultato diretto, saranno creati 60 nuovi posti di lavoro. Ti potrebbero interessare: Tratta ferroviaria Catania Palermo: cronoprogramma del potenziamento La rete ferroviaria siciliana: dopo l’abbandono si confida nell’ammodernamento          

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 mar 2016

Pista Fontanarossa e fermata ferroviaria: un nuovo incontro, ma nessun atto concreto

di Roberto Lentini

Secondo le indiscrezioni di un editoriale pubblicato oggi da La Sicilia a breve si svolgerà un nuovo tavolo tecnico tra Comune di Catania, SAC e RFI per valutare le alternative di esatta ubicazione della nuova fermata FS di Fontanarossa, a cui è legato l'allungamento della pista dell'aeroporto. Finora tanti incontri, ma nessun atto concreto Più volte il ministro Delrio ha posto l'accento sul fatto che il nostro Paese è congestionato per la mancanza di intermodalità. "Il fatto che strade, porti, aeroporti e ferrovie non sono connessi è un elemento di forte criticità che va affrontato con grande decisione" -  ha affermato il ministro Delrio. Per Delrio servono piani strategici di sviluppo di interconnessione tra rete ferroviaria, aeroporti e porti. Un piano di intermodalità tra ferrovia e aeroporto deve essere prioritario anche per l'aeroporto di Catania: da anni infatti si parla della realizzazione di una stazione ferroviaria a Fontanarossa la cui valenza non sarà solo metropolitana bensì regionale. Secondo l'editoriale di Tony Zermo, pubblicato sul quotidiano "La Sicilia" a breve ci sarà un tavolo tecnico tra Comune di Catania, SAC (Società Aeroporto Catania) e RFI (Rete Ferroviaria Italiana) allo scopo di valutare le alternative di esatta ubicazione della nuova fermata FS di Fontanarossa; già a settembre dell'anno scorso si era già svolto un incontro convocato dal sindaco Enzo Bianco per affrontare il tema delle infrastrutture locali, alla presenza dei vertici delle due società. La realizzazione della stazione ferroviaria non è comunque legata all'interramento dei binari  in quanto essa si troverà comunque in una posizione che non interferirà con l’abbassamento della linea ferrata, propedeutica  per l’allungamento della pista dell’aeroporto, importante per lo sviluppo dell’Aeroporto di Catania; il collegamento tra la futura stazione dei treni e l’attuale aerostazione sarà a carico della SAC e avverrà tramite tapis roulant coperti simili a quelli dell’aeroporto di Fiumicino. I finanziamenti per l’interramento ferroviario potrebbero arrivare, oltre che per le grandi opere sulle linee ferroviarie inserite nei Corridoi TEN-T,  anche dal “Patto per il Sud”, per un importo di circa 4 milioni di euro; mentre la procedura di interramento della linea ferroviaria Catania-Siracusa potrebbe avviarsi entro due  anni con una spesa prevista di circa 180 milioni di euro. Nel 2020 potremmo quindi avere un aeroporto con una nuova pista di circa 3100 metri, capace di poter ospitare i voli intercontinentali, e una stazione ferroviaria che collegherà l’aeroporto con la nostra città e con tutto il territorio della Sicilia centrale e orientale, ma nonostante le dichiarazioni e gli incontri finora non si è avviato nessun iter formale, e la scadenza di 4 anni a partire da oggi appare più una speranza che una concreta possibilità.   Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania | Scheda dell’opera Nuova stazione ferroviaria di Fontanarossa pronta entro tre anni    

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti