Articolo
26 mag 2015

Inquinamento a Catania, risponde il professore Giuseppe Inturri: “meno auto e un piano per la mobilità sostenibile”

di Viola Sorbello

Già un anno fa il movimento Salvaiciclisti di Catania aveva lanciato il grido d’allarme: “il traffico urbano è insostenibile e l’inquinamento atmosferico è preoccupante, l’Amministrazione Comunale deve intervenire immediatamente e mettere la “mobilità sostenibile”  in agenda fra le priorità”. Oggi i cicloattivisti possono dire “avevamo ragione”. Perché se è accaduto che le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria hanno rilevato che il biossido di azoto si è attestato oltre la soglia limite (stabilito dal decreto legislativo 155/2010 e dalla direttiva europea 2008/50/C) dei 40 µg/m3 (microgrammi per metro cubo) significa che poco o nulla si è fatto se si considera che la causa della elevata presenza di questo particolato è da individuare nei gas di scarico delle auto. Oggi, pur di non incorrere nelle sanzioni di legge, il Comune di Catania si trova costretto ad emettere un provvedimento di restrizione della circolazione nel centro urbano per alcune tipologie di veicoli (auto diesel di categoria Euro 0 ed Euro 1) che dovrebbe entrare in vigore entro pochi giorni.  Dunque il problema c’è ed è grave. E, come avviene in casi del genere, sarebbe il caso di rivolgersi ad uno specialista. Nella speranza che prima o poi accada, intanto, qualche domanda l’abbiamo posta noi a chi di mobilità sostenibilità se ne intende visto che la insegna all’Università di Catania.   Professore Inturri (*) come giudica il provvedimento che dispone il divieto assoluto di circolazione per le auto diesel Euro 0 ed Euro 1? Lo ritiene sufficiente a scongiurare i pericoli di inquinamento atmosferico? I rischi per i cittadini derivanti dall’inquinamento atmosferico sono un fatto concreto e di rilevante gravità. Si tratta di un prezzo altissimo, ma non facilmente misurabile, che paghiamo in termini di malattie respiratorie ed oncologiche, spese sanitarie e riduzione della speranza di vita. Non mi sorprende dunque che il Comune abbia deciso di prendere dei provvedimenti. Se i dati indicano il superamento della concentrazione degli inquinanti al di sopra dei limiti prescritti dalla legge, il ricorso a misure di tutela della salute dei cittadini è obbligatorio. Il divieto di circolazione per alcune categorie di auto è certo una misura forte, ma sicuramente motivata. Tuttavia il mio suggerimento è che essa diventi una delle azioni di un piano di emergenza traffico più ampio nel breve periodo e di un piano di mobilità sostenibile nel medio termine. A cosa pensa, ad esempio? Penso, ad esempio, all’istituzione di un perimetro urbano gradualmente crescente con limite di velocità di 30 km/h, ad una adeguata tariffazione della sosta, alla realizzazione di una rete di percorsi ciclabili, al potenziamento del trasporto pubblico, al miglioramento della mobilità pedonale, per esempio con tolleranza zero per le auto in sosta sui marciapiedi. È importante che i provvedimenti comprendano sempre un mix di misure di limitazione dell’uso dell’auto e nelle stesso tempo di misure che favoriscono una mobilità alternativa. Come dovrebbero conciliarsi queste misure con il provvedimento del Comune anche per scongiurare il rischio che nei fatti potrebbe rimanere inapplicato? Tali misure potrebbero essere introdotte anche con una certa gradualità, per esempio limitando all’inizio la circolazione alle auto Euro zero ed 1 solo nelle ore di punta. Nel contempo sarebbe utile dotarsi di un sistema di monitoraggio delle concentrazioni di inquinanti più diffuso e capillare nella città, in grado di fornire in tempo reale una misura dell’effettiva efficacia delle azioni adottate, per correggerne eventualmente la natura o l’estensione.  A questo proposito siamo a conoscenza di uno studio che il suo dipartimento sta conducendo per il monitoraggio del flusso di mezzi che entrano ogni giorno in città? Ci può fornire qualche anticipazione? L’Università di Catania sta eseguendo un monitoraggio dei flussi di traffico in ingresso e in uscita nell’area urbana di Catania. Si tratta complessivamente di circa 400.000 veicoli al giorno. Un dato che ovviamente riflette l’elevato tasso di motorizzazione della nostra città e la sua dipendenza dall’uso dell’auto.  (*) Prof. Giuseppe Inturri, docente di trasporti e mobilità presso il dipartimento di Ingegneria e Architettura Università di Catania nonché delegato dal Rettore dell’Università di Catania per la mobilità sostenibile.       .

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mag 2015

Inquinamento, il Comune corre ai ripari

di Amedeo Paladino

La direzione Ecologia e Ambiente e l'Assessorato competente del Comune di Catania hanno predisposto un provvedimento di restrizione della circolazione per alcune tipologie di veicoli che dovrebbe entrare in vigore entro pochi giorni.  La restrizione riguarderà le auto diesel di categoria Euro 0 ed Euro 1 e probabilmente riguarderà tutta la zona interna alla cinta della città rappresentata dalla circonvallazione. Potete verificare la categoria di appartenenza della vostra auto attraverso questo servizio online. Un provvedimento atteso da alcuni mesi, e che si è reso necessario dall'analisi dei dati sul monitoraggio della qualità dell'aria provenienti dalle quattro stazioni di rilevamento presenti in città, posizionate a Librino, in piazza Aldo Moro, al parco Gioeni e al viale Vittorio Veneto. La stazione di monitoraggio della qualità dell'aria a destare particolari attenzioni è quella posizionata tra il viale Vittorio Veneto e il Corso Italia: il dato riguardante il biossido di azoto (NO2) si è attestato oltre la soglia limite (secondo il decreto legislativo 155/2010 e la direttiva europea 2008/50/C) dei 40 µg/m3 (microgrammi per metro cubo). Il biossido di azoto è un gas irritante per l'apparato respiratorio che causa malattie respiratorie, da bronchiti fino a edemi polmonari, contribuisce anche al fenomeno delle piogge acide. La causa della elevata presenza di questo particolato è da individuare nei gas di scarico delle auto, soprattutto di quelle più vetuste e inquinanti classificate come Euro 0 ed Euro 1. Il parco veicolare di Catania è uno dei più vecchi d'Italia, e la tipologia di auto corrispondenti a quella più inquinante rappresenta  quasi il 35% (ACI 2009) di tutti i veicoli circolanti. I dati qui proposti riguardano il 2009, nel 2015 il dato è sicuramente più basso, ma pur sempre consistente. La restrizione interesserà circa il 20 % delle auto circolanti a Catania, rappresentando una strategia di breve periodo per limitare l'inquinamento.  A questo dato si aggiunge l'eccessiva dipendenza dei catanesi all'utilizzo dell'auto, culturalmente legati al mezzo privato o "costretti" per la mancanza di alternative. È necessario dunque ripensare la mobilità della nostra città: infatti se la restrizione della circolazione di questa tipologia di veicoli è l'unico provvedimento immediatamente attuabile, esso non può rappresentare l'unica strategia per migliorare la condizione in cui versa la città. La "cattiva" mobilità catanese costa ogni anno 40 milioni di euro (PGTU 2012) in termini di congestione stradale, spesa sanitaria e incidentalità stradale, cifra che ogni cittadino paga di tasca propria attraverso la fiscalità generale.

Leggi tutto    Commenti 0