Articolo
01 giu 2018

Corso Martiri della Libertà, spuntano i primi alberi dopo oltre 60 anni

di Andrea Tartaglia

Un catanese attento, sensibile, amante della propria città non può non emozionarsi. Sta per concludersi soltanto il primo, il più piccolo step del lungo percorso di rinnovamento di Corso Martiri della Libertà, avviatosi concretamente appena sei mesi fa, ma vedere, oggi, le prime macchie verdi, il playground, le panchine e gli alberi là dove per decenni ha regnato il degrado, non può lasciare indifferenti. A giorni si concluderanno, infatti, le opere di urbanizzazione e arredo urbano nei quattro cantieri (vp3, vp4, vp5 e vp6) del primo lotto dei lavori di riqualificazione del grande viale del centro di Catania, simbolo di degrado e immobilismo fino a poco tempo fa, oggi al centro del progetto dell'Architetto Mario Cucinella. Mancano ancora le rifiniture, altri giochi, i lampioni e qualche dettaglio, ma ormai la percezione di questi spazi è netta: aree pubbliche dove sarà un piacere passeggiare, ritrovarsi e giocare all'ombra degli alberi e, se raffrontata col recente passato, drasticamente migliorata. Ecco le foto di oggi: l'area più grande è quella denominata Vp6 e si sviluppa tutt'intorno alla scuola Vespucci, lungo il corso. Ed ecco vp4 e vp5, cioè l'area a nord della Chiesa del Crocifisso della buona morte e il tratto di via Fischetti compreso tra Corso Martiri della Libertà e via Archimede: Ti potrebbero interessare: Catania, riqualificazione di Corso Martiri della Libertà Corso Martiri della Libertà, avviati i primi quattro cantieri  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 giu 2018

Librino, al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare

di Amedeo Paladino

Al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare nel quartiere di Librino. I lavori della Spina Verde ammontano a tre milioni e 600 mila euro, prevedono la realizzazione di un'area a verde tra le maggiori d'Italia, ricca di alberi e arbusti con piante di aciacia, aloe, agave, araucaria, e poi ficus, cipressi, limoni, carrubi, pini, palme, yucca, jacaranda, e ancora glicine, gelsomino, bignonia, bouganvillea e ampi prati con essenze. Un'area che, come spiegato da Sabina Zappalà, che con l'altro architetto Emilia Rejina firma il progetto, ha la funzione di ricucire tutti gli spazi urbani destinati alle passeggiate a piedi e in bicicletta, ai giochi e all'attività sportiva, organizzati in luoghi protetti per la socializzazione e collegati, senza incrociare altre strade, con tutte le infrastrutture di servizio: scuole, teatro, chiesa eccetera. La Spina verde insomma, farà da raccordo, con collegamenti pedonali e ciclabili tra le residenze del quartiere. Per dar vita all'opera saranno realizzate infrastrutture per la raccolta e lo smaltimento delle acque di superficie (rete fognatura nera), saranno completate la rete idrica e quella irrigua e realizzate le reti telefonica, del gas, elettrica di media tensione, l'illuminazione pubblica a led, l'impianto antincendio. Il progetto prevede anche opere di finitura dei percorsi pedonali e ciclabili compreso l'arredo per i giochi e altre attività ludiche e ricreative. Nella Spina verde confluisce un tratto della pista ciclabile che, grazie al Patto per Catania, comincia a essere realizzata a Librino. Il primo tratto nel parco prevede una pista ciclabile bidirezionale in conglomerato bituminoso colorato con una larghezza complessiva di tre metri e lunga quasi un chilometro dotata di un sistema di smaltimento delle acque meteoriche e di un impianto di illuminazione a led. Il progetto comprende inoltre un marciapiede pedonale della larghezza di 1,50 metri affiancato da un muretto basso di circa 50 centimetri sagomato a forma di sedile. Per evitare che la pista venga utilizzata da autoveicoli, saranno poste nella carreggiata dei paletti dissuasori. L'area interessata dall'intervento è di circa diecimila metri quadrati e il costo complessivo dell'opera è di due milioni di euro. Un anno dureranno infine - e costeranno un milione e mezzo di euro - i lavori per la realizzazione di 24 alloggi che - con altri cento appartamenti in fase di sistemazione nella zona della Torre Giacomo Leone. I lavori sono finanziati dal programma di edilizia sperimentale sovvenzionata (legge 457/78) e grazie a un accordo di programma tra il Comune di Catania, la Regione Siciliana e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Sul viale Moncada sorgerà un edificio a tre piani con due corpi scala che servono quattro appartamenti per piano ciascuno - da 63,02 o da 71,15 metri quadrati - , più un piano garage, con rimesse per ciascun appartamento. La tipologia complessiva è stata studiata per compattare al massimo l'organismo edilizio eliminando le pareti con maggiore dispersione termica. Gli alloggi di sono divisi in zona giorno, composto da un grande vano con terrazzo e cucinino e zona notte, ben disimpegnata con due vani letto e bagno completo di vasca. Davanti all'edificio è prevista un'ampia zona di parcheggio alberato e una zona pedonale per attività ludiche e ricreative.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mag 2018

BiCT, il nuovo servizio di noleggio bici presso i parcheggi AMT Borsellino e R1: come funziona

di Amedeo Paladino

È stato presentato stamattina dal sindaco di Catania Enzo Bianco e dal presidente dell'Azienda Metropolitana Trasporti Puccio La Ros, presso il Parcheggio Amt di via Plebiscito 747, il nuovo servizio BiCT, che sarà attivato lunedì 28 maggio, con il quale vengono messe a disposizione degli utenti 70 biciclette per un servizio sperimentale di noleggio nei parcheggi Borsellino e R1 di via Plebiscito. Le 70 bici che verranno utilizzate per il servizio furono acquistate dal Comune di Catania nel 2012 nell'ambito del piano "Scuola in bici" finanziato dal Ministero dell'Ambiente. Il servizio consente il noleggio, con restituzione in giornata nello stesso luogo di ritiro, delle biciclette messe a disposizione presso il Parcheggio Borsellino nell'omonima piazza e presso il Parcheggio R1 sito in via Plebiscito 747. Le biciclette sono ubicate in apposite rastrelliere localizzate dal cartello con il logo del servizio ed ancorate mediante i lucchetti a chiave in dotazione. Gli utenti che intendono noleggiare le biciclette devono presentarsi allo sportello AMT (contrassegnato da un pannello con il logo del servizio e la “i”), compilare e firmare il modulo di noleggio, fornire un documento di riconoscimento di cui verrà trattenuta copia (o fotografia) e prendere in consegna le chiavi della bicicletta. Dopo l’uso, la bicicletta dovrà essere riportata presso lo stesso punto di noleggio, ancorandola nuovamente alla rastrelliera e riconsegnando le chiavi del lucchetto all’addetto AMT, che incasserà il corrispettivo, se dovuto, e rilascerà la ricevuta di consegna/pagamento, da staccare dal modulo di noleggio. Il servizio è attivo tutti i giorni nella fascia diurna dalle 7:00 alle 20:00, con termine ultimo di presa in consegna alle 19:00, ed è riservato ai maggiorenni o a minori accompagnati da persona maggiorenne che si assuma piena responsabilità per eventuali danni causati a terzi o subiti dallo stesso minore. Tariffe Il noleggio è compreso nel prezzo della sosta presso il parcheggio ove sono ubicate le biciclette, per l’intera durata della sosta stessa. All’atto della restituzione della bicicletta, l’utente dovrà esibire il biglietto del parcheggio, dopo aver pagato la sosta. Il servizio è compreso nel prezzo anche per chi utilizza un biglietto AMT, da 90 minuti, giornaliero o integrato FCE, nello stesso intervallo di validità del biglietto stesso. In questo caso, all'atto della restituzione della bicicletta, l’utente dovrà esibire il biglietto adeguatamente convalidato. Il noleggio è altresì gratuito per i possessori di abbonamento AMT in corso di validità. In questo caso, all’atto della restituzione della bicicletta (che dovrà avvenire comunque entro le ore 20:00 dello stesso giorno del noleggio), l’utente dovrà esibire la tessera AMT o l’abbonamento integrato FCE/AMT. Per gli utenti non fruitori del parcheggio o del trasporto pubblico, è possibile noleggiare le biciclette ad una tariffa di 2 Euro per la mezza giornata (intervalli 8:00-15:00 o 13:30-20:00). Lo schema tariffario è pertanto il seguente:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mag 2018

“Spiagge e fondali puliti” di Legambiente: anche Catania partecipa

di Mobilita Catania

Ritorna l’appuntamento annuale di Legambiente “Spiagge e fondali puliti”, e il circolo di Catania aderisce coinvolgendo cittadini e associazioni con l'obiettivo di ripulire la spiaggia della Playa. Legambiente Catania, anche quest’anno, aderisce alla campagna nazionale “Spiagge e fondali puliti”, liberando dai rifiuti la spiaggia della Playa, a sud del lido “Le Capannine”. All’invito hanno risposto tante associazioni e semplici cittadini desiderosi di dare il loro contributo all’ambiente. Per loro ci sarà una novità assoluta: Legambiente Catania ha ottenuto l’adesione dell’Azienda Municipale Trasporti di Catania all’ iniziativa. L’Amt infatti ha messo a disposizione un autobus di linea che ci porterà tutti insieme alla nostra destinazione. L’appuntamento è domenica 3 giugno alle ore 9,00 in piazza Michelangelo. Il bus raggiungerà la spiaggia della Playa (con una fermata anche in Piazza Borsellino) e al ritorno riaccompagnerà i volontari nella stessa piazza alle 13.30 Il titolo di viaggio potrà essere acquistato all’interno del bus, mentre il Comune di Catania fornirà guanti e sacchi di plastica. In questo modo otteniamo due obiettivi: tutelare l’ambiente e promuovere comportamenti civili e sostenibili e incentivare strategie di mobilità sostenibile attraverso l’utilizzo del servizio pubblico. I rifiuti che finiscono nel mare e sulle spiagge costituiscono un’emergenza ambientale ormai nota e il Mediterraneo è una delle aree più colpite al mondo: ogni giorno vi finiscono in mare 731 tonnellate di rifiuti. “Spiagge e fondali puliti”, ha anche permesso di raccogliere negli anni migliaia di rifiuti in tantissime spiagge italiane, ma non solo: con metodo scientifico sono stati studiati e catalogati i rifiuti spiaggiati. Questo ha permesso a Legambiente di diventare un soggetto riconosciuto sul tema dei rifiuti marini a livello internazionale; tanto che è stata presentata “l’indagine sul marine litter” in molte città europee, fino alla conferenza mondiale ONU sugli oceani che si è svolta a New York nel Giugno 2017. Saranno con noi: - Associazione Africa unita; - ENPA Sezione provinciale di Catania - ENPA Sezione provinciale di Adrano. - I saloni Sustainable Beauty Davines Partner : - Associazione GuideTuristiche Catania. - Associazione Acquedotte. - Viagrande studios - Associazione AMAS -Associazione Mobilità Sostenibile Catania Per avere più informazioni e partecipare all'iniziativa potete consultare l'evento Facebook.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

Librino, tre ettari dedicati agli orti urbani: consegnati tutti i lotti agli assegnatari

di Amedeo Paladino

Saranno consegnati oggi agli assegnatari che hanno partecipato al bando trenta nuovi orti urbani in viale San Teodoro a Librino. L’area oggetto dell’intervento, che si estende per una superficie complessiva di circa 29 mila mq, si presentava in stato di abbandono e di frequente, nel periodo estivo, era stato oggetto di incendi. L'Amministrazione cittadina, con l’intento di proseguire il percorso iniziato con la prima esperienza di orti urbani comunali, consegnati l’estate 2016 in viale Castagnola, ha appaltato lo scorso autunno gli interventi di riqualificazione e rigenerazione dell’area verde nei pressi di Viale San Teodoro. A gennaio di quest'anno era stato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a consegnare i primi 13 lotti. La consegna degli ultimi lotti avviene a completamento del cantiere degli orti urbani, il cui accesso è assicurato dalla realizzazione di percorsi verticali e orizzontali ed è consentito esclusivamente ai pedoni e ai mezzi leggeri di trasporto per il carico e scarico dei materiali necessari per la coltivazione degli orti stessi. I singoli appezzamenti sono stati recintati, ciascuno è dotato di un proprio punto di approvigionamento d'acqua e di un deposito per gli attrezzi. Stasera sarà consegnato anche un sistema di illuminazione progettato per servire l'intera area degli orti, tenendo conto delle riduzioni dell'inquinamento luminoso negli impianti esterni di illuminazione pubblica: per questo sono state usate lampade a led che assicurano un notevole risparmio di potenza elettrica, con conseguente riduzione di spesa per i consumi che l'Amministrazione dovrà sostenere. Gli obiettivi alla base di questo progetto, che come estensione è tra i più rilevanti in Italia, sono molteplici. Il più evidente è avvicinare i cittadini ai princìpi e alle pratiche della sostenibilità ambientale: ciascun orto, anche il più piccolo ed appartato, contiene e rappresenta una sfida per uno stile di vita più sostenibile. Gli orti urbani, infatti, costituiscono un habitat ideale per promuovere processi di cambiamento verso comunità sempre più sostenibili. L’agricoltura urbana, inoltre, contribuisce a ridurre l’anidride carbonica rilasciata dalle attività localizzate nelle città. Infatti, produrre il proprio cibo all’interno dei confini urbani, significa evitare trasporti sulla lunga distanza; al contempo è dimostrato che la presenza delle piante assorbe CO2. Ma gli aspetti positivi dell’esperienza degli orti urbani riguardano anche le funzioni sociali e didattiche che essi assolvono, avvicinando i giovani alla conoscenza, al piacere del coltivare la terra e in generale all’ecologia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

Una passeggiata alla scoperta dei tesori nascosti della città: la campagna “Salvalarte” torna a Catania

di Mobilita Catania

Torna anche quest’anno "Salvalarte", la campagna nazionale di Legambiente che ha lo scopo di accendere i riflettori su beni artistici minori e trascurati per chiederne una giusta valorizzazione e fruizione da parte di cittadini e turisti. Un itinerario alla scoperta delle tracce di un passato nascosto sotto il manto di una strada, tra i panni stesi di un cortile, dietro l'angolo di un palazzo. Sabato 5 maggio alle 10 da via S. Barbara (traversa di via Garibaldi) partirà una passeggiata, una sorta di “conferenza itinerante” che toccherà  tre siti archeologici “minori”: la via Santa Barbara, con i resti della Tricora di epoca romana rimasta sotto il livello della strada, il Cortile San Pantaleone con le vestigia del Foro Romano e le terme private Sapuppo di piazza Sant’Antonio. Luoghi tagliati fuori dai circuiti tradizionali, sconosciuti a gran parte dei cittadini su cui vale la pena fare una riflessione insieme ad archeologi, operatori culturali, urbanisti, esperti di mobilità sostenibile. L'itinerario sarà l'occasione per chiedere alle istituzioni che venga garantita un’adeguata gestione di questi e delle tante risorse culturali che  hanno fatto di Catania negli ultimi anni una capitale del turismo capace di attrarre visitatori da tutto il mondo: cifre da record che vanno lette come una risorsa economica preziosa che potrebbe dare una risposta importante al pressante bisogno di lavoro soprattutto fra i giovani costretti sempre più spesso a cercare occasioni fuori dalla  nostra terra. Legambiente, infatti, chiede di attivare tutte le procedure necessarie per una fruizione non occasionale  di questi beni che custodiscono l’anima più profonda della nostra isola. I lucchetti devono rimanere aperti, le erbacce tagliate, le targhe devono restare al loro posto e i racconti che danno vita a questi luoghi continuare a essere trasmessi. Parteciperanno all'iniziativa l'associazione Acquedotte_Arte, Architettura, Aree Urbane, Mobilità Sostenibile Catania, Mobilita Catania, Guide Turistiche Catania, INU.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2018

“Siamo tutti pedoni” torna a Catania: un tratto di via Umberto chiuso al traffico

di Mobilita Catania

"Siamo tutti pedoni" torna venerdì 4 maggio: la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada promossa dal Centro Antartide, insieme al Ministero dei Trasporti e ai Sindacati dei pensionati, alla quale l'Amministrazione comunale ha aderito con una serie di iniziative coordinate dall'Ufficio del Mobility Manager e la collaborazione di scuole e associazioni.  Dalle 9 alle 14  piazza Ettore Majorana un tratto di via Umberto, fra piazza Majorana e via Etnea, ospiteranno iniziative di mobilità sostenibile promosse dal Comune con la collaborazione di associazioni e scuole. La manifestazione rientra nell'ambito della IX campagna nazionale per la sicurezza dei pedoni promossa dal Centro Antartide insieme al Ministero dei Trasporti e ai Sindacati dei pensionati. L'obiettivo della manifestazione, che nella sua nona edizione ha come tema la "Rigenerazione della città a dimensione dei pedoni" è quello di sensibilizzare i cittadini alla mobilità sostenibile, in particolare pedonale, a vantaggio di salute e benessere e a salvaguardia dell'ambiente. Dalle ore 9 alle 14 la piazza Ettore Majorana (ex piazza Vittorio Emanuele III) e il tratto di via Umberto compreso tra piazza Majorana e  via Etnea saranno temporaneamente chiusi al traffico e al centro di attività artistico-culturali e promozionali. La campagna nazionale invita infatti a trasformare, anche per un solo giorno, un luogo di passaggio della città e di particolare criticità rispetto al traffico in uno spazio dedicato ai pedoni e agli altri utenti deboli della strada. Per l'occasione gli alunni delle primarie e secondarie di 1° grado, con l'ausilio degli insegnanti e il supporto del liceo artistico statale Emilio Greco di Catania, realizzeranno strisce pedonali artistiche temporanee, utilizzando colori a tempera idrosolubili. Alcune scuole cureranno inoltre la rappresentazione di  componimenti a carattere poetico e teatrale. Tutti gli studenti intervenuti riceveranno un riconoscimento per l'impegno profuso e la sensibilità dimostrata per i temi della campagna. Gli istituti coinvolti sono: Campanella Sturzo, De Roberto, Fontanarossa, Nazario Sauro - Giovanni XXIII, Malerba, Pestalozzi, Sante Giuffrida, San Giorgio, San Giovanni Bosco, Vespucci-Capuana Pirandello. Nelle stesse aree chiuse al traffico si svolgeranno le attività promozionali realizzate con il supporto di stand e mezzi espositivi. In particolare,  un minibus elettrico promuoverà, a cura dell'ufficio comunale del Mobility Manager, iniziative di mobilità sostenibile ed esporrà anche i bozzetti a tema realizzati dagli alunni delle scuole partecipanti e dagli studenti del liceo artistico Emilio Greco. L'AutoBooks Librincircolo, a partire dalle 11.15, promuoverà la lettura. Inoltre, la Fiab Catania MontainBike Sicilia svolgerà mini corsi anche sul corretto uso della bicicletta e sulla sicurezza stradale e Cittadinanza Attiva proporrà modelli di mobilità sostenibile. I rivenditori di mezzi elettrici a due ruote esporranno veicoli che metteranno a disposizione dei cittadini anche per una prova di mobilità sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti