08 nov 2017

AMT Catania, superare i confini comunali e offrire un servizio complementare alla metro: gli obiettivi della nuova Presidenza


Sono stati messi in strada oggi i primi 3 autobus Iveco Cityclass, acquistati di seconda mano dall’ATM di Milano. I mezzi andranno a migliorare la frequenza di alcune linee portanti del servizio fornito  dell’AMT, rafforzando il 2-5, il BRT1, il Librino Express e l’830 che negli scorsi mesi sono state fortemente penalizzate dalla carenza di autobus in uscita dalla rimessa.

Noi di Mobilita Catania abbiamo incontrato l’avvocato Puccio La Rosa, alla sua seconda esperienza al vertice dell’AMT, per fare il punto sugli obiettivi di rilancio dell’azienda. Secondo il presidente AMT l’acquisto dei mezzi di seconda mano costituisce una politica tampone per poter garantire ai cittadini/utenti un servizio sufficiente: sono nelle ultime settimane dalla rimessa di Pantano D’Arci escono quotidianamente più di 100 autobus contro i 73 autobus che circolavano ad inizio settembre.

Entro il periodo pre-natalizio, ci saranno circa a 120/130 bus circolanti, questo grazie al lavoro effettuato dal settore Officina e Movimento di AMT; il più consistente miglioramento del parco mezzi dell’azienda avverrà a partire dal primo semestre quando verranno progressivamente forniti e messi in esercizio 42 nuovi autobus, per i quali è stato già pubblicato il bando di gara.

La volontà della dirigenza AMT è fornire un servizio complementare a quello fornito dalla Ferrovia Circumetnea attraverso la metropolitana, per questo motivo sono allo studio delle soluzioni per collegare alcuni quartieri con le stazioni metro. Su questo aspetto, a nostro avviso, non è più rinviabile un’integrazione degli abbonamenti AMT e metropolitana, che vada ad aggiungersi al biglietto integrato già disponibile per gli utenti.

Il presidente La Rosa ha espresso l’intenzione di far diventare metropolitano il servizio fornito dall’azienda, superando i confini del comune di Catania per creare progressivamente nuovi collegamenti con l’hinterland; il progetto dovrà prevedere una rimodulazione e riordino delle linee attualmente in vigore.

L’azienda potrà sfruttare le risorse provenienti dal Programma Operativo Nazionale (PON) “Città Metropolitane 2014 – 2020″: nel 2018 attraverso un investimento di circa un milione e mezzo verrà potenziata infrastrutturalmente la linea BRT1 che allo stato attuale non riesce più a garantire l’efficienza che la aveva caratterizzata nella prima fase dopo il suo esordio.

Lo sviluppo della linea metropolitana e l’auspicabile miglioramento del servizio di passante ferroviario,  può -e deve- essere l’occasione propizia per un riordino del trasporto pubblico sul gommato da riorganizzare come servizio complementare, integrato, efficiente e sostenibile da un punto di vista economico, ambientale e sociale. L’Azienda Metropolitana Trasporti finora è risultata la grande assente di questa rivoluzione dei trasporti. A nostro avviso la riorganizzazione dei servizi è quindi inderogabile e va effettuata tenendo conto della minore disponibilità di finanziamenti da investire sul servizio.


amtamt cataniaautobusAzienda Metropolitana Trasporticataniagommatometromobilita cataniaserviziotrasporto


Lascia un Commento

Ultimi commenti