22 nov 2016

Metropolitana, collegamento Milo-Cittadella Universitaria e dismissione fermata FS all’orizzonte


A poche settimane dall’inaugurazione della tratta Galatea-Stesicoro, che porterà la metropolitana nel cuore della città, appaiono molto interessanti le dichiarazioni del Direttore Generale della Ferrovia Circumetnea, Ing. Alessandro Di Graziano, intervistato da Giuliano Spina per Newsicilia.it.

Spiccano, in particolare, gli annunci dell’arrivo di nuovo materiale rotabile e il collegamento con  la cittadella universitaria tramite bus navetta dalla nuova stazione Milo, ma anche la dismissione della fermata FS, sostituita dalla nuova stazione Giovanni XXIII.

Ma andiamo con ordine. Circa lo stato di avanzamento dei lavori delle tratte in procinto di essere ultimate, la Galatea-Stesicoro e la Borgo-Nesima, ad oggi è confermato l’intento della Fce di volerle inaugurare rispettivamente a dicembre e a febbraio prossimi, così come già più volte annunciato, con la volontà di far coincidere l’inaugurazione con la messa in esercizio e quindi con l’apertura all’utenza.

Per quanto riguarda la Borgo-Nesima, alla luce delle criticità del percorso e, in particolare, dell‘accesibilità delle stazioni, il Direttore Di Graziano ha dichiarato che verrà approntato un collegamento tra la stazione Milo e la Cittadella Universitaria attraverso un servizio di bus navetta, mentre si cercherà di integrare meglio al tessuto urbano la stazione di San Nullo, sita in una zona dell’omonimo quartiere con numerose strade senza sbocco.

A proposito di accessibilità, la Ferrovia Circumetnea pubblicherà a breve un bando relativo alla sistemazione degli ascensori lungo la tratta già in esercizio Borgo-Galatea, mai entrati in funzione.

Proiettandoci alla prossima operatività della linea metropolitana, il cui tracciato, da Galatea, si divide in due percorsi, uno verso Stesicoro e uno verso il porto, il Direttore Generale ha fatto sapere che inizialmente le corse saranno solo in direzione Stesicoro, mentre in seguito si alterneranno con quelle verso Porto con la soppressione definitiva della fermata F.S., data la vicinanza della stazione Giovanni XXIII. Inoltre, quando entrerà in funzione la metropolitana costiera di R.F.I., la tratta Galatea-Porto sarà definitivamente soppressa. Circa la frequenza delle corse e l’eventuale estensione dell’esercizio fino alle ore notturne, con l’apertura delle nuove tratte verrà fatta una valutazione in base alla mole di passeggeri che si riscontrerà nell’arco di tutte le ore della giornata: in merito, l’Ing. Di Graziano si mostra sicuro che con le estensioni aperte il numero di passeggeri aumenterà in modo esponenziale.

Guardando nel medio termine, invece, ottime notizie sul fronte della tratta Nesima-Monte Po, i cui lavori procedono spediti e senza intoppi: se continuerà così, questa tratta potrà essere messa in esercizio già entro il 2018. Devono ancora cominciare, invece, i lavori relativi alla tratta Stesicoro-Palestro che, secondo le previsioni, dovrebbero partire entro il 2017.

Nel lungo termine, infine, restano da reperire circa 400 milioni di euro necessari per appaltare le tratte della metropolitana rimanenti (Palestro-Aeroporto e Monte Po-Misterbianco Centro). L’obiettivo, comunque, rimane quello di estendere successivamente la metropolitana fino a Paternò, con la dismissione della corrispondente tratta in superficie. Contestualmente, si pensa già a incrementare il parco vetture della metro.


Ti potrebbero interessare…


cataniacircumetneaDi Grazianofcemetropolitanametropolitana cataniastato dei lavori metro

Un commento per “Metropolitana, collegamento Milo-Cittadella Universitaria e dismissione fermata FS all’orizzonte

Lascia un Commento