13 feb 2016

AMT | Tutti in servizio i nuovi Scania, si attende l’arrivo di 8 bus di seconda mano


Una boccata di ossigeno per AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) è arrivata con il pagamento del contributo per il trasporto pubblico locale della Regione siciliana all’Azienda metropolitana trasporti di Catania, relativo al quarto trimestre del 2015, per un importo complessivo di quasi quattro milioni di euro.

Il Comune di Catania aveva pagato a sua volta, tra il dicembre del 2015 e il gennaio del 2016,  le spettanze per l’Amt, per un importo complessivo di quasi sette milioni di euro.

Oltre ai temi finanziari AMT deve far fronte alle carenze del servizio, derivanti anche dalla vetustà del parco mezzi; problemi che nelle scorse settimane hanno fortemente penalizzato l’efficienza delle linee.

[Giovedi nero di AMT: le vetture a metano in deposito per mancato rifornimento]

Un piccolo miglioramento si sta avvertendo già in questi giorni grazie all’entrata in servizio dei 5 nuovi  Scania Citywide derivanti da un bando di gara esitato nel 2015 che prevedeva la fornitura complessiva di 7 autobus: i primi due mezzi erano già stati messi in strada nel mese di dicembre, come mostrato nel VIDEO visibile al seguente articolo.

[VIDEO | Nuovo autobus AMT in servizio per la linea BRT, ne arriveranno altri]

I 7 nuovi autobus a metano sono muniti di climatizzazione, telecamere posteriori e motore con cilindrata 9300 cc a ciclo otto.

[FOTO |  nuovi bus a metano per l’AMT]

Il direttore generale AMT Antonio Barbarino ha inoltre annunciato l’imminente arrivo di altri 8 autobus di seconda mano che andranno ad aggiungersi al parco mezzi.


amt cataniacataniamobilita catanianuovi autobus amtscania citywidescania italia

Un commento per “AMT | Tutti in servizio i nuovi Scania, si attende l’arrivo di 8 bus di seconda mano
  • Claudio Abramo 2
    13 feb 2016 alle 18:19

    Autobus di seconda mano?!?!?! Hanno un problema con l’età eccessiva dei mezzi e ne comprano altri già vecchi!!
    Che poi di che autobus stiamo parlando? Quali modelli? Da dove arriveranno?
    Mi sorprendo sempre di come l’AMT viene gestita.


Lascia un Commento

Ultimi commenti