08 giu 2015

Nuova darsena commerciale del porto di Catania, inaugurazione a luglio


Manca poco ormai per la messa in esercizio della nuova darsena commerciale e a breve sarà operativa ad ospitare le navi Ro-Ro e Ro-Pax.
Quello di Catania è infatti un porto polifunzionale dalle grandi potenzialità che, grazie all’Asse dei Servizi, è collegato a tutta la rete autostradale siciliana.

La nuova darsena doveva essere inaugurata già a maggio, tuttavia durante il collaudo sono emerse alcuni problemi alle bitte; presumibilmente l’inaugurazione slitterà a luglio per approfondire i controlli prima dell’entrata in esercizio.

Attualmente il porto di Catania ha collegamenti marittimi, con navi Ro-Ro (operati dal Gruppo Grimaldi), per Genova, Livorno, Malta, Patrasso, Salerno, Brindisi, Ravenna e collegamenti marittimi con navi Ro-Pax (operati dalla TTTLines) per Napoli e presto pure per Salerno.
La vecchia darsena sarà destinata solo alla crocieristica, diventando così uno scalo di partenza e permettendo alle navi da crociera di poter sostare anche la notte con notevoli vantaggi per l’economia cittadina e il turismo visto che le navi si approvvigioneranno a Catania.

Verranno riprogettate le attività del porto come bar e ristoranti, verrà realizzata una nuova pavimentazione e verrà abbattuto il muro di cinta tra Piazza Paolo Borsellino (ex Alcalà) e l’inizio degli Archi per restituire il porto alla città.

Si sta progettando pure la riqualificazione della passeggiata a mare sul molo di levante.
Nella nuova darsena si potranno accogliere contemporaneamente 6 o 7 navi di cui 3 o 4 grandi traghetti e, con un fondale di circa 13 metri, potranno essere ospitate (uno dei pochi porti nel Mediterraneo) le navi crociera di grandi dimensioni con pescaggio di 11 metri.

 


cataniadarsena commercialemobilita catanianavi da crocieraporto

Un commento per “Nuova darsena commerciale del porto di Catania, inaugurazione a luglio
  • ivan90 13
    08 giu 2015 alle 9:58

    Opera infinita. Si continua a rinviare da mesi.
    A Catania sembra che ci sia un immobilismo unico in Italia. Qualsiasi opera viene rinviata in eterno.
    Come per la metro, per il porto, per il bike sharing, per le piste ciclabili e per il parcheggio scambiatore Fontanarossa.


Lascia un Commento

Ultimi commenti