Articolo
03 set 2016

Catania-Siracusa, domani riapre la tratta ferroviaria

di Roberto Lentini

Domani riapre la tratta ferroviaria Catania-Siracusa, chiusa dal 20 giugno scorso per lavori di velocizzazione su un tragitto di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia. Sono stati ultimati i sistemi tecnologici per la gestione del traffico ferroviario, con l’installazione di nuovi segnali e degli apparati di sicurezza ACEI V407 nelle stazioni di Lentini diramazione, Lentini, Agnone e Brucoli. Inoltre sono state realizzate delle varianti di tracciato, con la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di alcuni passaggi a livello esistenti. Questi interventi comporteranno un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. D'ora in poi, con un regionale veloce, sarà possibile arrivare a Siracusa da Catania in 1 h e 7 m con 6,90 euro. Altre opere infrastrutturali e di viabilità sono in costruzione o saranno completate con il secondo lotto di lavori previsto nel 2017. Nella giornata di domani il primo convoglio a transitare sarà il RV 3868 in partenza da Siracusa alle ore 06,20; inoltre, tutti i treni nazionali provenienti da Milano Centrale e Roma Termini, torneranno ad attestarsi a Siracusa lasciando definitivamente il capolinea provvisorio di Catania Centrale. Ti potrebbero interessare: Tratta ferroviaria Bicocca-Siracusa: a Carlentini aperto nuovo cavalcaferrovia Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 ago 2016

Tratta ferroviaria Bicocca-Siracusa: a Carlentini aperto nuovo cavalcaferrovia

di Mobilita Catania

Aperto al traffico il nuovo cavalcaferrovia  nel territorio comunale di Carlentini (SR), realizzato e finanziato da Rete Ferroviaria Italiana L’apertura del cavalcavia ha consentito la chiusura definitiva di un passaggio a livello sulla Strada Provinciale “S.P.32”, eliminando l’interferenza con i binari della linea Bicocca - Siracusa, innalzando gli standard di sicurezza e migliorando tanto la viabilità del traffico automobilistico, quanto la regolarità della circolazione dei treni. L'intervento rientra in un più ampio programma di RFI per l’eliminazione dei passaggi a livello. Il nuovo cavalcaferrovia è costituito da rampe in cosiddetto “rilevato” contenuto da muri con rivestimento in pietrame e da due impalcati con travi in cemento armato precompresso. La lunghezza della nuova viabilità, sviluppata su due corsie delimitate da guardrail, è di circa 450 metri, mentre la larghezza della piattaforma stradale è di 7 metri, in grado di consentire un agevole passaggio dei veicoli su gomma in entrambi i sensi di marcia. Investimento economico complessivo circa 2 milioni di euro.   Ti potrebbero interessare... Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali RFI, Sicilia: incontro tecnico con la Regione su interventi potenziamento infrastrutturale

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2016

Catania-Siracusa, apertura parziale della tratta ferroviaria durante i lavori

di Roberto Lentini

La tratta ferroviaria Catania-Siracusa, che sarà interessata da lavori di ammodernamento dal 20 giugno al 3 settembre, sarà aperta parzialmente. Dopo diversi incontri tra sindacati, Rfi e Trenitalia, si è infatti deciso che gli interventi di velocizzazione verranno effettuati in continuità lavorativa nella tratta Siracusa-Augusta, mentre il tratto Augusta-Bicocca rimarrà chiuso per lavori strutturali più complessi. Questo per evitare la chiusura delle stazioni di Siracusa e Augusta e quindi il trasferimento dei dipendenti durante i lavori di ammodernamento. Tutti i treni a lunga percorrenza per Roma e Milano verranno attestati alla stazione di Catania Centrale e sostituiti, per il tratto Catania-Siracusa, dai pulman. L’intervento rientra nell’ambito del 1° Programma delle Infrastrutture Strategiche (delibera n. 121/2001) per l’asse ferroviario Salerno – Reggio Calabria – Palermo – Catania Il progetto prevede la velocizzazione di una tratta di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia, attraverso varianti di tracciato, la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di tutti i passaggi a livello esistenti. Questo consentirà un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. Ti potrebbero interessare: Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali Pubblicato il bando per velocizzare la linea ferrata Bicocca – Augusta La rete ferroviaria siciliana: dopo l’abbandono si confida nell’ammodernamento

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2016

Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

di Roberto Lentini

Dopo la pubblicazione del bando avvenuta lo scorso anno, sulla quale Mobilita Catania aveva già scritto, inizieranno a giugno i lavori di ammodernamento della tratta ferroviaria Catania-Siracusa nel tratto tra Bicocca e Targia e dureranno circa tre mesi: gli interventi comporteranno la temporanea interruzione della tratta ferroviaria,  con interruzione e sospensione sia dei treni nazionali per Milano e Roma che dei treni Regionali. Il progetto prevede la velocizzazione di una tratta di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia, attraverso varianti di tracciato, la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di tutti i passaggi a livello esistenti. Questo consentirà un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. Gli interventi riguardano: l’adeguamento della sede ferroviaria; la regimentazione idraulica del corpo stradale; il ripristino strutturale e/o la sostituzione di opere d’arte; le rettifiche di curve, varianti puntuali ed estese; le opere civili e tecnologiche di tratti di linea nell’ambito di alcune stazioni (lungo il tracciato ne sono presenti 10, tra le quali la stazione di Bicocca, attraversata dalla diramazione per Palermo, e la stazione di Lentini, dove è presente la diramazione per la linea Caltagirone – Gela). Con lo sviluppo del progetto definitivo l’intervento è stato suddiviso in due lotti funzionali: 1° lotto funzionale Bicocca-Augusta: dal km 233+634 al km 280+000; 2° lotto funzionale Augusta-Targia: dal km 280+000 al km 301+841. L’investimento complessivo per il progetto «Velocizzazione della linea Catania-Siracusa: tratta Bicocca-Targia» ammonta a 81 milioni di euro. Il Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Unione europea (Fesr) contribuisce per un importo pari a 55 233 900 euro attraverso il programma operativo «Reti e mobilità» per il periodo di programmazione 2007-2013 nell’ambito dell’asse prioritario «Miglioramento dei collegamenti tra i sistemi locali e la rete principale». I lavori produrranno un effetto positivo sul corridoio TEN-T (reti transeuropee di trasporti) che corre da Helsinki a La Valletta, agevolando i collegamenti tra le due città siciliane e, come risultato diretto, saranno creati 60 nuovi posti di lavoro. Ti potrebbero interessare: Tratta ferroviaria Catania Palermo: cronoprogramma del potenziamento La rete ferroviaria siciliana: dopo l’abbandono si confida nell’ammodernamento          

Leggi tutto    Commenti 0