Proposta
06 mag 2016

Nuove palme per il lungomare: nell’Asse dei Servizi circa 600 piante disponibili

di Amedeo Paladino

Negli ultimi mesi l'attenzione dell'opinione pubblica sul lungomare di Catania è aumentata grazie all'iniziativa Lungomare Liberato e alla recente costruzione della pista ciclabile Rimangono irrisolti i problemi di decoro degli spazi pubblici che insistono su viale Ruggero di Lauria: le aree del Monumento ai Caduti, di piazza Nettuno e del borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti necessitano di nuovo arredo urbano e di una riqualificazione profonda; anche piazza Sciascia antistante piazza Europa, nonostante sia stata inaugurata da pochi anni porta i segni del vandalismo e dell'incuria. Tutti interventi costosi che pertanto necessitano di risorse che le casse comunali da sole non possono al momento sostenere. La proposta seguente inerisce al verde pubblico delle aiuole che delimitano la carreggiata stradale, dove attualmente trovano collocazione degli arbusti di medie dimensioni. Con lo scopo di rendere più gradevole viale Ruggero di Lauria si potrebbero piantumare le palme collocate lungo i margini della carreggiata dell’Asse dei servizi di Catania. Si tratta di circa 600 palme della specie “Washingtonia robusta”, per le quali alcuni anni fa l'ex Provincia Regionale di Catania ha pubblicato un avviso per la cessione a titolo gratuito. L'espianto dall'Asse dei Servizi e la piantumazione sul lungomare di Catania potrebbe essere eseguita ad opera dei manutentori del Comune e della Multiservizi senza aggravio di risorse, come avvenuto la scorsa estate per la messa in opera in piazza Stesicoro delle 25 palme della specie Trachycarpus fortunei donate dalla Ferrovia Circumetnea.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
06 lug 2015

FOTO | Piazza Stesicoro, ritornano le palme

di Amedeo Paladino

Il punteruolo rosso, un parassita delle palme, in questi anni ha provocato la morte di centinaia di piante in città: l'ultimo tragico caso lo scorso autunno quando una delle palme di piazza Cutelli, indebolita dal coleottero che ne ha provocato il collasso, ha causato la morte di una donna cadendo sulla panchina su cui era seduta. Le palme di Catania sono state progressivamente infestate dal parassita e molte strade e piazze in cui la caratteristica pianta si stagliava sono state sostituite da arbusti immuni a questo tipo di infestazione, come ad esempio in piazza Mario Cutelli dove sono state sostituite da alberi di leccio o al lungomare. Lo scorso autunno l'Assessorato all'Ecosistema Urbano e la Direzione Ecologia e Ambiente in convenzione con il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell'Università di Catania hanno monitorato le palme  del tipo Phoenix dactylifera come quella crollata in piazza Cutelli. Le palme di piazza Stesicoro hanno subito la stessa sorte, quelle del lato dell'anfiteatro romano negli anni si sono ammalate e sono morte, mentre quelle posizionate nell'ala est della piazza dove è collocata la statua commemorativa dedicata a Vincenzo Bellini, godono di buona salute grazie al costante monitoraggio, nonostante la presenza di alcune falle nelle aiuole. Lo scorso sabato la Direzione Ecologia e Ambiente coordinata dall'Ingegnere Salvo Cocina con il supporto del personale del Comune e della Multiservizi ha messo a dimora nel lato ovest di piazza Stesicoro nuove palme della specie Trachycarpus fortunei meno vulnerabile all'infestazione del punteruolo rosso. I lavori di messa a dimora sono proseguiti anche stamattina. Le 25 palme sono state donate dalla Ferrovia Circumetnea, che ha regalato alla città anche 400 piantine che saranno posizionate nello spartitraffico di Corso Sicilia, che a partire dall'anno prossimo sarà uno dei nodi nevralgici della nuova metro catanese.  

Leggi tutto    Commenti 0