Articolo
23 dic 2016

Tratta ferroviaria Catania-Siracusa, aperto un nuovo cavalcaferrovia

di Mobilita Catania

Aperto al traffico stradale, nel territorio comunale di Catania, un nuovo cavalcaferrovia realizzato e finanziato da Rete Ferroviaria Italiana Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti, per il Comune di Catania, Biagio Bisignani, Direttore Urbanistica e Gestione Territorio – Decoro Urbano e Maurizio Trainiti, Direttore Patrimonio; per RFI Carmelo Rogolino, Direttore Territoriale Produzione Palermo. La nuova viabilità scavalca i binari della linea Catania-Siracusa consentendo di eliminare il passaggio a livello sulla Strada Comunale Passo Cavaliere, chiuso definitivamente. Ciò non solo innalza gli standard di sicurezza della circolazione stradale e ferroviaria, ma contribuisce a snellire il traffico automobilistico, migliorare la regolarità della circolazione dei treni e la qualità dell’aria grazie alla riduzione dei gas di scarico delle auto non più ferme in attesa della riapertura delle barriere del passaggio a livello. L’opera è costituita da rampe realizzate in cosiddetto “rilevato” e da due impalcati a sostegno di una struttura con travi di cemento armato precompresso. La nuova viabilità si sviluppa per circa 1,1 km su due corsie delimitate da guardrail, con una piattaforma stradale larga 9 metri che consente un agevole passaggio dei veicoli in entrambi i sensi di marcia; investimento economico complessivo è stato di circa 3 milioni di euro.   Ti potrebbe interessare: Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2016

Autostrada Catania-Siracusa, gallerie ancora al buio per il furto dei cavi di alluminio

di Roberto Lentini

Un nuovo furto dei cavi, questa volta di alluminio, ha riportato le gallerie dell'autostrada Catania-Siracusa nuovamente al buio. L'Anas nei mesi scorsi aveva avviato un intervento di manutenzione per ripristinare gli impianti con un investimento complessivo pari a 1 milione e 300 mila euro; attualmente delle 16 gallerie presenti nelle due direzioni solo 6, le più corte, risultano illuminate, le altre invece rimangono al buio. Si credeva che l’utilizzo dell’alluminio, come conduttore, avrebbe evitato i continui furti che si verificano nelle nostre strade ma così non è stato. Il buio delle gallerie è pericoloso soprattutto nelle ore diurne in quanto i nostri occhi non riescono ad abituarsi al passaggio repentino dalla luce al buio mettendo in pericolo l' incolumità degli automobilisti. Speriamo che la proposta di legge approvata in questi giorni alla Camera che introduce nel codice penale la fattispecie di «Furto in danno di infrastrutture energetiche e di comunicazione», con pene inasprite rispetto alle attuali sia un deterrente per i ladri di cavi.

Leggi tutto    Commenti 1

Ultimi commenti