Articolo
27 mar 2019

La lotta al cambiamento climatico comincia dalle città: l’appello di Legambiente Catania

di Amedeo Paladino

Il ciclone "Greta" ci ha colpiti. Ha colpito i nostri cuori e le nostre coscienze, facendoci capire con forza e violenza che dobbiamo agire subito perché non abbiamo molto tempo per salvare la vita sul nostro pianeta terra. Legambiente Catania condivide totalmente l'idea che anche nel nostro piccolo possiamo creare un cambiamento; per questo intende portare avanti azioni concrete che possano contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici nel breve e medio periodo. Il circolo Legambiente Catania ha redatto un programma che suddivide le problematiche ambientali in otto tematiche da affrontare: l'uso sostenibile del suolo, l'economia circolare, l'adattamento ai cambiamenti climatici, la transazione verso energie rinnovabili, la qualità dell'aria, la qualità delle acque, gli ecosistemi e il verde urbano, la mobilità sostenibile. A livello Nazionale Legambiente ha richiesto al Governo Italiano 10 azioni per combattere i cambiamenti climatici. Forse in tanti non sanno che nel 2017 la città di Catania ha sottoscritto, insieme ad altre città metropolitane, la "Carta per le città metropolitane sostenibili" e con ciò si è impegnata a portare avanti "la Costituzione delle Città metropolitane". Ancor prima la legge n. 56 del 2014 ( di cui la Carta è una attuazione) aveva modificato profondamente il precedente assetto istituzionale fornendo alle citta' metropolitane l'indirizzo dello sviluppo economico e sociale, la pianificazione strategica e territoriale, il coordinamento dell'azione complessiva di governo del loro territorio. Le Città metropolitane devono adoperarsi affinché non solo le istituzioni, ma tutte le organizzazioni della società civile e i cittadini, diventino consapevoli dell'importanza degli obiettivi dell'Agenda Onu 2030 e siano coinvolti direttamente per il loro conseguimento. Legambiente si propone di coinvolgere tutte le scuole di ogni ordine e grado presenti nell'area metropolitana di Catania, nonché altre associazioni e movimenti presenti nel territorio, con una raccolta firme nella quale si chiederà all'amministrazione di attivare le azioni richieste nell'istanza in tempi brevissimi affinché si realizzi concretamente, e non solo a parole, un cambiamento radicale per contrastare i cambiamenti climatici. Inoltre a ottobre organizzerà una conferenza su i cambiamenti climatici durante la quale si affronteranno vari aspetti del problema e saranno analizzate le azioni già attuate o programmabili nell'area metropolitana della città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 mar 2017

Clima: Catania aderisce a “Ora della Terra”

di Roberto Lentini

Sabato prossimo, 25 marzo, il Comune di Catania aderirà alla manifestazione "Ora della Terra", la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico. È la dimostrazione che insieme si può fare una grande differenza. Dalla prima edizione del 2007, che ha coinvolto la sola città di Sidney, la grande ola di buio si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta, lasciando al buio piazze, strade e monumenti simbolo come il Colosseo, Piazza Navona, il Cristo Redentore di Rio, la Torre Eiffel, Il Ponte sul Bosforo e tanti altri luoghi simbolo, per manifestare insieme contro i cambiamenti climatici. Il cambiamento climatico evolve molto rapidamente e gli impatti sono sempre più seri e preoccupanti. Finora le azioni dei Governi a livello nazionale e globale sono state troppo lente e poco incisive, non al passo con un rischio che mette a repentaglio il Pianeta come lo conosciamo e dunque la stessa civilizzazione umana. Nella COP21 di Parigi, nel dicembre del 2015, si è però raggiunto un accordo storico che può segnare una inversione di tendenza, a patto che si acceleri la decarbonizzazione, cioè l’abbandono dei combustibili fossili e il passaggio all’energia rinnovabile e a modelli di efficienza e risparmio energetico. Catania ha scelto il Teatro Massimo Bellini. Verrà lasciata al buio sia la piazza, che al sabato sera è frequentatissima, sia il magnifico prospetto disegnato da Carlo Sada. Lo spegnimento non avverrà alle 20.30, ma alle 21, per permettere l'uscita dal Massimo del pubblico della pomeridiana. La mattina del sabato, in piazza Stesicoro, in un gazebo del Wwf verranno illustrati alla cittadinanza i contenuti della mobilitazione globale contro i cambiamenti climatici.  

Leggi tutto    Commenti 0