29 apr 2020

Fase 2 a Catania, riapertura dei parchi cittadini e niente pagamento strisce blu fino al 18 maggio


La riapertura controllata dei più grandi parchi comunali di Catania, già da lunedì, segna anche simbolicamente una ripresa delle attività in una città che non può stare ancora ferma per via di provvedimenti nazionali che non tengono conto degli indici di contagio prossimi allo zero che si registrano in Sicilia”.

Lo ha detto il sindaco Salvo Pogliese annunciando la decisione di aprire, già lunedì 4 maggio, i cancelli del Giardino Bellini, del parco Gioeni, del parco Gemmellaro e della Villa Pacini.

Per essere pronti all’appuntamento l’assessore Fabio Cantarella, già dai giorni scorsi, ha fatto avviare intensi lavori di ripulitura, scerbamento e sanificazione dei più grandi polmoni verdi della Città che dunque potranno essere nuovamente frequentati, da cittadini e runner, seppure vigilati per evitare assembramenti, che volessero riprendere a godere dei più ampi spazi verde attrezzati della Città.

Con il coordinamento del capo di gabinetto Giuseppe Ferraro e della responsabile del verde pubblico Marina Galeazzi, decine di addetti della Multiservizi, della Dusty e del Comune, stanno liberando i parchi dalle sterpaglie e dai rifiuti di ogni genere lasciati da incivili. In particolare, diversi quintali di materiale vario, tra cui sedie e tavoli rotti ma anche pericolosi inerti edili e ferrosi, sono stati rimossi da Villa Pacini, che da lunedì si ripresenterà con un look adeguato a uno degli ingressi maggiormente frequentati per il centro storico cittadino.

L’attività di ripulitura e scerbamento, che interesserà tutte le zone cittadine, sta riguardando anche lo spazio verde di piazza Aldo Moro (Vulcania), Parco Falcone e lo scerbamento del sagrato della Cattedrale con la rimozione di pericolosi rami, che si stavano per staccare del grande arbusto secolare attiguo a piazza Duomo.

Dalla prossima settimana, dopo le attività di bonifica e sanificazione, verranno gradualmente riaperti anche tutti gli altri parchi cittadini.

Inoltre il sindaco Salvo Pogliese, d’intesa con il Cda di Sostare presieduto da Luca Blasi e composto da Santa Garilli e Giuseppe Petino, ha stabilito di prorogare la sospensione del pagamento della sosta delle auto sulle strisce blu fino al prossimo 18 Maggio.

L’iniziativa del primo cittadino è stato presa nonostante il nuovo DPCM faccia rientrare l’attività dell’azienda Sostare tra quelle possibili di ripresa dal 4 maggio, al fine di sostenere l’azione di ripartenza, in questa nuova fase, per famiglie e lavoratori, che per due settimane ancora, potranno continuare a non pagare il ticket per la sosta delle automobili.

Nei giorni scorsi il sindaco Salvo Pogliese aveva dato disposizioni al Consiglio di Amministrazione della partecipata comunale, affinché venisse fatto recuperare il servizio non corrisposto agli utenti residenti che hanno pagato un abbonamento a tariffa agevolata per la sosta sulle strisce blu e che non ne hanno goduto, a causa della sospensione generalizzata del pagamento della sosta tariffata.


cataniacoronavirusfase 2mobilita cataniaparchistrisce blu


Lascia un Commento