01 giu 2018

Librino, al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare


Al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare nel quartiere di Librino.


I lavori della Spina Verde ammontano a tre milioni e 600 mila euro, prevedono la realizzazione di un’area a verde tra le maggiori d’Italia, ricca di alberi e arbusti con piante di aciacia, aloe, agave, araucaria, e poi ficus, cipressi, limoni, carrubi, pini, palme, yucca, jacaranda, e ancora glicine, gelsomino, bignonia, bouganvillea e ampi prati con essenze. Un’area che, come spiegato da Sabina Zappalà, che con l’altro architetto Emilia Rejina firma il progetto, ha la funzione di ricucire tutti gli spazi urbani destinati alle passeggiate a piedi e in bicicletta, ai giochi e all’attività sportiva, organizzati in luoghi protetti per la socializzazione e collegati, senza incrociare altre strade, con tutte le infrastrutture di servizio: scuole, teatro, chiesa eccetera.

La Spina verde insomma, farà da raccordo, con collegamenti pedonali e ciclabili tra le residenze del quartiere. Per dar vita all’opera saranno realizzate infrastrutture per la raccolta e lo smaltimento delle acque di superficie (rete fognatura nera), saranno completate la rete idrica e quella irrigua e realizzate le reti telefonica, del gas, elettrica di media tensione, l’illuminazione pubblica a led, l’impianto antincendio. Il progetto prevede anche opere di finitura dei percorsi pedonali e ciclabili compreso l’arredo per i giochi e altre attività ludiche e ricreative.

Nella Spina verde confluisce un tratto della pista ciclabile che, grazie al Patto per Catania, comincia a essere realizzata a Librino. Il primo tratto nel parco prevede una pista ciclabile bidirezionale in conglomerato bituminoso colorato con una larghezza complessiva di tre metri e lunga quasi un chilometro dotata di un sistema di smaltimento delle acque meteoriche e di un impianto di illuminazione a led. Il progetto comprende inoltre un marciapiede pedonale della larghezza di 1,50 metri affiancato da un muretto basso di circa 50 centimetri sagomato a forma di sedile. Per evitare che la pista venga utilizzata da autoveicoli, saranno poste nella carreggiata dei paletti dissuasori. L’area interessata dall’intervento è di circa diecimila metri quadrati e il costo complessivo dell’opera è di due milioni di euro.

Un anno dureranno infine – e costeranno un milione e mezzo di euro – i lavori per la realizzazione di 24 alloggi che – con altri cento appartamenti in fase di sistemazione nella zona della Torre Giacomo Leone.

I lavori sono finanziati dal programma di edilizia sperimentale sovvenzionata (legge 457/78) e grazie a un accordo di programma tra il Comune di Catania, la Regione Siciliana e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Sul viale Moncada sorgerà un edificio a tre piani con due corpi scala che servono quattro appartamenti per piano ciascuno – da 63,02 o da 71,15 metri quadrati – , più un piano garage, con rimesse per ciascun appartamento. La tipologia complessiva è stata studiata per compattare al massimo l’organismo edilizio eliminando le pareti con maggiore dispersione termica. Gli alloggi di sono divisi in zona giorno, composto da un grande vano con terrazzo e cucinino e zona notte, ben disimpegnata con due vani letto e bagno completo di vasca. Davanti all’edificio è prevista un’ampia zona di parcheggio alberato e una zona pedonale per attività ludiche e ricreative.

 


cataniaedilizia popolareLibrinomobilita cataniaparco urbanopista ciclabilequartierespina verde


Lascia un Commento

Ultimi commenti