04 lug 2016

Con la tua auto puoi andare dappertutto e fare ciò che vuoi: a proposito dello spot Audi girato sull’Etna


Ciò che in realtà il titolo anticipa e contiene è il messaggio che molte aziende automobilistiche ci hanno sempre trasmesso attraverso le varie campagne pubblicitarie, condizionando le scelte di noi consumatori e modificandone soprattutto i comportamenti orientati più all’arroganza che al rispetto delle regole. 

L’unica regola è che non ci sono regole” recitava una vecchia campagna pubblicitaria della Hyundai Italia del 2011 che ai tempi suscitò numerose polemiche e alla fine venne rimossa.

2012-05-18-100513_716x160_scrot

Purtroppo, temi e contenuti della campagna della Hyundai non sono un’eccezione. L’incitamento al non rispetto delle regole è cosa assai frequente nelle case automobilistiche soprattutto nelle campagne destinate all’Italia dove sembra che prevalgano le ragioni degli istinti piu’ bassi, dove esiste un diverso concetto di mobilità basato solo sull’auto e dove i controlli hanno livelli molto più bassi di altri paesi.

2012-05-18-100851_775x345_scrot

L’ultimo caso riguarda un video girato proprio sulla nostra Etna, per presentare la nuova auto Audi A4,  in un’area che non dovrebbe essere accessibile nemmeno alle persone, se non studiosi o sportivi per discipline non invasive.

Ecco cosa recita lo spot: La vettura perfetta per affrontare ogni tipo di percorso, anche per raggiungere la vetta del vulcano attivo più alto d’Europa: la nuova Audi A4 allroad quattro dà il meglio di sé sull’insidioso pendio lavico dell’Etna, grazie alla maggiore potenza e alla trazione integrale permanente”.

Ecco cosa prescrive il regolamento del parco dell’Etna nella zona A:

Nella zona è vietato: a) realizzare nuove costruzioni od operare qualsiasi altra trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, ivi compresa l’apertura di nuove strade o piste e la realizzazione di elettrodotti; b) modificare il regime delle acque, salvo che per le opere necessarie al ripristino degli alvei dei torrenti ricoperti dalla lava, al fine di salvaguardare i centri abitati da rischi alluvionali e vulcanici; c) prelevare terra, sabbia o altri materiali; d) raccogliere o manomettere rocce o mineralie) introdurre armi da caccia, esplosivi e qualsiasi mezzo distruttivo o di cattura; esercitare la caccia o l’uccellagione; g) danneggiare, disturbare o catturare animali, compresi quelli appartenenti alla fauna minore, raccogliere o distruggere nidi e uova; h) asportare o danneggiare piante o parti di esse; i) abbandonare rifiuti o predisporre posti di raccolta degli stessi; l) introdurre veicoli motorizzati, ad eccezione di quelli utilizzati per motivi di servizio o di sorveglianza vulcanica; m) praticare il campeggio; n) accendere fuochi all’aperto; o) impiegare mezzi che alterino i cicli bio-geochimici; p) introdurre specie animali o vegetali estranee alla fauna e alla flora tipi che della zona.

Eppure questo non sembra turbare l’animo di noi cittadini, anzi viene visto come un mezzo  per dare maggiore visibilità al nostro vulcano. Di seguito alcuni dei commenti sul post che abbiamo pubblicato nella nostra fanpage Facebook.

….”se qualche strappo alle regole porta benefici…perché no ? Hanno solo alzato un po’di polvere in una zona desertica dove non ci sono piante ed animali”… 

 

…”Stiamo parlando di uno spot girato “una tantum”, che potrebbe dare un po’ di visibilità al nostro meraviglioso (e purtroppo a volte dimenticato) vulcano. Non stanno aprendo la valle dell’Etna per fare rally amatoriali… Un po’ di contestualizzazione, su! “…

 

…”Questo no, quello no….ma basta! Fate sempre i bacchettoni, questo video sarà visualizzato in tutto il mondo…quando però dovete pubblicizzare la circumetnea che è il treno più inutile della storia siete bravi!
Se fosse per me io organizzerei anche un Rally dell’Etna ma non con quei morti di fame della chronoscalata, parlo di una tappa del mondiale di Rally (sapete quanti introiti economici e pubblicitari porterebbe) ma chissà quanti bacchettoni ci sarebbero a dire no!”…

Ecco cosa ha affermato Aurelio Angelini  direttore dell’Unesco Sicilia intervistato dalla redazione di MeridioNews, che per prima si è interessata alla vicenda  «…Ma la zona A di un parco è una riserva integrale, non può passare nemmeno un umano… a prescindere dalle autorizzazioni. Le leggi si applicano sempre, Sicilia inclusa».

Concludiamo con queste due foto, la prima raffigurante una pubblicità degli anni ’50 della FIAT 600 in riva ad un lago, la seconda raffigurante la spiaggia delle Pergole a Realmonte (AG) . Notate differenze?


autoaziende automobilistichecataniaEtnamobilita cataniaspotspot audi etna


Lascia un Commento