14 mag 2015

Isole di traffico in Corso delle Province, dopo le polemiche il nuovo assetto convince


Tanto trambusto aveva causato il nuovo assetto proposto dall’amministrazione comunale già nella seconda metà del 2014 circa la viabilità nel triangolo compreso tra Corso delle Province, Via Vittorio Emanuele Orlando e Via Gabriele D’Annunzio.

I commercianti della zona, infatti, sostenevano che non migliorava la viabilità e che sottraeva preziosi posti auto per i loro clienti. L’amministrazione ribatteva che lo scopo principale era eliminare la pericolosa intersezione di flussi tra Corso delle Province e via Vittorio Emanuele Orlando, effettivamente teatro di numerosi incidenti, e che non c’era alcun peggioramento nel traffico. Il provvedimento fu sospeso, in una sorta di tregua, in occasione delle festività natalizie per poi essere riadottato quest’anno e, ormai, in maniera definitiva: da diverse settimane, infatti, le strutture provvisorie delle tre isole di traffico sono state sostituite da aiuole spartitraffico permanenti. La nuova viabilità consiste in una circolazione rotatoria, in senso antiorario, nel triangolo compreso tra corso delle Province, via Vittorio Emanuele Orlando e via Gabriele d’Annunzio.

È corretto dire che i posti d’auto “legali” perduti sono effettivamente poche unità, ovvero quelli lungo la banchina est del tratto di via Vittorio Emanuele Orlando. Gli altri, infatti, erano illeciti, poiché in corrispondenza della fermata bus di via Gabriele d’Annunzio e  sul lato ovest di via V.E.Orlando, dove vigeva e vige il divieto di sosta. In corso delle Province tutti gli stalli di sosta preesistenti sono stati mantenuti. Di certo, col nuovo assetto, si è notevolmente ridotta la possibilità di parcheggiare (illecitamente) in doppia fila e questo, probabilmente, ha fatto storcere il naso ad alcuni esercenti.

A distanza di tempo, ormai, e con l’assetto ormai consolidato e digerito da automobilisti e commercianti, si può affermare che il nuovo assetto regge all’impatto con il traffico caotico della zona. Inoltre, e non lo consideriamo un elemento marginale, ha portato un po’ di decoro urbano grazie alla presenza delle aiuole, fiorite in questo momento dell’anno, dotate di impianto di irrigazione e di illuminazione artistica notturna.

Non va dimenticato che la zona è ottimamente servita dalla metropolitana (alla quale si può accedere anche in bici), essendo compresa tra le fermate “Giuffrida” (la più vicina, da nord) e “Italia” (da sud), un particolare non di poco conto soprattutto nell’ottica dell’estensione della linea metro prevista per l’anno prossimo.

IMG-20150507-WA0013

L’isola di traffico posta all’incrocio tra via Gabriele d’Annunzio e corso delle Province (foto: Salvatore Rosa)

A conferma della bontà dell’intervento basta consultare una tabella inserita all’interno del PGTU (Piano generale del traffico urbano) del 2012, riportante un’analisi dei nodi critici della città, ovvero i luoghi dove è più alto il numero di incidenti: in questa tabella, gli incroci tra via Gabriele D’Annunzio e il corso delle Province e quello tra via D’Annunzio e via Vittorio Emanuele Orlando spiccavano, tra gli altri, per l’elevato numero di incidenti. Ebbene, dopo le modifiche viabilistiche apportate, non se ne sono più verificati.

analisi-incidentalità

Come si può osservare confrontando le foto anteriori e successive all’intervento, le nuove isole di traffico hanno reso il transito dei pedoni e delle auto molto più sicuro, poiché il nuovo percorso delle corsie costringe i veicoli a moderare la velocità ed evita, inoltre, intersezioni tra flussi di traffico perpendicolari tra loro.


cataniacorso delle provincedecoro urbanometropolitanamobilita cataniaviabilità

2 commenti per “Isole di traffico in Corso delle Province, dopo le polemiche il nuovo assetto convince
  • Giulio Di Chiara 4
    14 mag 2015 alle 11:16

    Ridurre al minimo gli spazi non necessari ai mezzi. Solo così i cittadini maleducati imparerebbero a rispettare una fila o una corsia di preselezione.

  • Andrea Tartaglia 670
    14 mag 2015 alle 12:11

    ^^

    Esattamente. La tendenza, ormai, è dimensionare con molta attenzione carreggiate e marciapiedi, in modo da rendere sempre più difficile manovre o soste improprie.
    Le strade catanesi avrebbero bisogno di un bell’aggiornamento!


Lascia un Commento

Ultimi commenti