03 ott 2016

Metro, stazione Borgo: tra scale mobili… immobili e infiltrazioni d’acqua


Mentre sono in dirittura di arrivo le nuove, fondamentali estensioni della metropolitana di Catania, il tratto già in esercizio nella tratta Borgo-Porto comincia a mostrare i segni del tempo dovuti a quasi 20 anni di esercizio. Di seguito sono evidenziati alcuni aspetti che ne sono testimonianza presso la stazione “Borgo”, ossia l’attuale capolinea nord della linea metro (dall’anno prossimo, invece, sarà Nesima).

Tra i problemi maggiormente ricorrenti spicca il mancato funzionamento delle scale mobili, il che costringe a ripiegare sulle scale fisse tradizionali: un disagio non di poco conto, soprattutto per le persone più anziane ma anche per chi è carico di bagagli o buste della spesa, che può generare disaffezione nell’utenza. Tra l’altro lo stesso problema si presenta spesso anche presso altre due stazioni della linea: Giuffrida e Italia.

La questione è ancora più grave alla luce dell’eclatante evidenza che dal 1999 ad oggi gli ascensori non sono mai entrati in funzione. Ciò, oltretutto, ha di fatto sempre impedito ai disabili di poter usufruire del servizio metropolitano gestito dalla Ferrovia Circumetnea. Quest’ultima, per fortuna, pare abbia intenzione di porre rimedio a questa grave mancanza attraverso un nuovo, imminente bando.

Ma tra le problematiche che affliggono la stazione Borgo emerge anche la questione di copiose infiltrazioni d’acqua, presenti in banchina al livello dei binari sia in direzione Porto che in direzione Nesima, come si evince dalla foto:

(Banchina direzione Nesima)

Banchina direzione Nesima

image

Banchina direzione Porto

infiltrazioni-borgo

infiltrazioni-borgo-2

A questi problemi se ne aggiunge anche un altro, stavolta causato dall’inciviltà di qualcuno: il cancelletto di sicurezza posto accanto ai varchi, che dovrebbe aprirsi solo in caso di emergenza, appare invece spalancato a seguito di un’evidente forzatura e permette a chiunque, in pratica, l’accesso al piano banchina senza obliterare il biglietto.

Con qualche controllo in più la situazione sicuramente potrebbe migliorare: l’area è videosorvegliata, per cui frequenti verifiche e maggiore attenzione da parte della Fce, in questo caso, consentirebbero all’azienda di mantenere più alto il livello di sicurezza ma anche di combattere il fenomeno dell’accesso senza titolo di viaggio, cosa che corrisponde, evidentemente, a mancati introiti.

varco-borgo-aperto

Cancelletto forzato e aperto

 


 

Ti potrebbe interessare…

Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera

 


borgocataniacircumetneafcemetropolitanamobilita catania


Lascia un Commento

Ultimi commenti
Post Correlati