02 apr 2019

Una cura urgente per il centro di Catania: pedonalizzare le piazze Mazzini e San Francesco d’Assisi


Camminare non è solo un bene per la tua salute fisica e mentale ma è anche un bene per l’economia.
Oltre ai risparmi per il sistema sanitario pubblico, gli urbanisti e gli analisti economici sostengono che quanto più è “percorribile a piedi ” la città, tanto più è economicamente redditizia.

Legambiente Catania sostiene questo principio confermato dai numerosi esempi che ormai sono una realtà a tutte le latitudini della terra.


Secondo alcuni studi, camminare per 30 minuti al giorno riduce il rischio di malattie cardiache di circa il 35% e determina enormi risparmi in relazione a decessi, ai ricoveri ospedalieri e a costose procedure mediche, oltre a mantenere le persone sane e produttive nelle loro comunità.

Nelle città si crea una differenza tra luoghi percorribili a piedi e luoghi percorribili esclusivamente con l’automobile, questa differenza è data dalla differenza tra persone sane e persone non sane.

La malattia cronica è prevalente negli ambienti dominati dalle auto rispetto agli ambienti pedonali, che rappresentano spazi sociali condivisi e che incoraggiano le persone a camminare, parlare e a essere parte della comunità. Camminare riduce anche il rischio di cancro e diabete, migliorando anche la salute mentale. E’ stato dimostrato che pedonalizzare l’ambiente urbano è un fattore positivo non solo per la salute dei cittadini ma anche per l’economia, per l’ambiente e anche per la politica sociale.

Inoltre è abbastanza evidente che il design della città e la pedonabilità in realtà produce risultati salutari a lungo termine. La città di Catania deve procedere verso il futuro guardando in questa prospettiva perchè oggi è indispensabile mettersi al passo con le più moderne e attuali strategie per combattere l’inquinamento dell’aria, la disparità sociale e i fenomeni sempre più catastrofici determinati dai cambiamenti climatici.

È necessaria una cura urgente per il centro storico di Catania ed i suoi abitanti, per questo Legambiente propone l’espansione dell’area pedonale esistente, oggi costituita solamente da piazza Duomo, piazza Università e la parte meridionale di via Etnea, peraltro troppo spesso non rispettata.

Eppure è proprio in centro che dovrebbero essere estese le pedonalizzazioni, non solo per la salute dei cittadini ma anche per la fruizione di zone della città ricche di monumenti importanti e rappresentativi del patrimonio artistico di Catania. La proposta di espansione della pedonalizzazione coinvolgerebbe le piazze Mazzini e San Francesco d’Assisi e la conseguente chiusura a traffico dei tratti di via Vittorio Emanuele, via Garibaldi e via Teatro Greco rafforzando la già esistente area pedonale di via Crociferi, piazza Duomo e via Cardinale Dusmet.

La pedonalizzazione di questa area comporterebbe anche la chiusura del tratto di via Manzoni in cui è ubicata la Questura di Catania, ciò garantirebbe la sicurezza dei cittadini richiesta nel 2018 al Sindaco Pogliese dal sindacato Siap della polizia che ha evidenziato gravi criticità causate dal traffico veicolare che insiste nell’area.

Legambiente chiede all’amministrazione di far rispettare le aree pedonali esistenti e di crearne nuove in modo da migliorare la fruizione del nostro centro sia dal punto di vista turistico che commerciale, incentivando l’utilizzo della bicicletta e dell’efficiente rete metropolitana.


Ti potrebbero interessare:


cataniacentrolegambientemobilita cataniapedonalizzazionepiazza mazzini


Lascia un Commento

Ultimi commenti
Post Correlati