Segnalazione
05 apr 2017

La stazione San Nullo della metropolitana inaccessibile dai pedoni: marciapiedi assenti e attraversamenti pericolosi

di Mobilita Catania

La messa in esercizio della nuova tratta Borgo-Nesima, comprendente le stazioni intermedie di Milo, Cibali e San Nullo riveste un importante chiave di volta per la mobilità catanese, perché costituisce un miglioramento dell’offerta di trasporto pubblico, invogliando molti cittadini-utenti a preferire il mezzo pubblico all'auto privata. Un elemento spesso sottaciuto è invece l’accessibilità al trasporto pubblico: il miglioramento dei percorsi pedonali di accesso ai nodi del trasporto pubblico ha l’effetto di aumentare la distanza che un utente è disposto a percorrere per raggiungere la fermata e dunque ha l’effetto di aumentare il bacino di copertura o area di influenza di ogni fermata. Dalla messa in esercizio della nuova tratta gli utenti si sono dovuti confrontare con le difficoltà nel raggiungere la nuova stazione San Nullo. La stazione che trae il nome dal quartiere in cui sorge: è ubicata lungo la circonvallazione, in particolare in viale Antoniotto Usodimare, ossia nel tratto compreso tra via Sebastiano Catania e via San Nullo. Gli utenti provenienti da nord e da sud devono percorrere via Sebastiano Catania, una strada a doppio senso priva di marciapiedi; raggiunta la circonvallazione il marciapiede si interrompe bruscamente, lasciando spazio alla vegetazione incolta. Anche l'attraversamento pedonale non è privo di pericoli: la velocità dei veicoli in transito e la segnaletica orizzontale ormai sbiadita rendono l'attraversamento pericoloso. Il successo della metropolitana dipenderà dagli interventi che il Comune di Catania vorrà implementare: sarà necessario rivedere la viabilità della zona e mettere in opera dei percorsi pedonali sicuri nel più breve tempo possibile. A corredo della nostra segnalazione due video che mostrano le difficoltà e i pericoli che corrono i pedoni giungendo da sud e da nord. Via Sebastiano Catania sud (video tratto da Lungomare Liberato) Via Sebastiano Catania nord (video di Davide D'Amico) Potete inviarci segnalazioni, proposte e articoli accedendo a questo link ⏩http://catania.mobilita.org/scrivi-un-post/

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 2
Segnalazione
27 mar 2017

Nuovi stalli per moto e scooter in via Vittorio Emanuele: in attesa della segnaletica orizzontale le auto sostano in divieto

di Mobilita Catania

In via Vittorio Emanuele nel tratto antistante Palazzo Pedagaggi, sede del dipartimento di Scienze Politiche e Sociali su richiesta dell'Associazione Universitaria Controcampus sono stati messi in opera nuovi stalli per ciclomotori. Tuttavia, in attesa che l'azienda Multiservizi allestisca la segnaletica orizzontale, molti veicoli sostano sugli stalli. Di seguito riportiamo il comunicato di Federico Scalisi vicepresidente dell'associazione universitaria Controcampus. A seguito di una richiesta da parte dell’Associazione Universitaria Controcampus all’Ufficio Traffico Urbano del Comune di Catania, grazie alla collaborazione del Consigliere Comunale Ludovico Balsamo, di un aumento degli stalli riservati ai ciclomotori e motocicli nei pressi del Dipartimento di  scienze politiche e sociali dell’Università degli Studi di Catania, è stata collocata la segnaletica verticale e cancellata la segnaletica orizzontale “blu” della sosta a pagamento, dal civico 43 di Via Vittorio Emanuele all’incrocio con via Calì. Dal Comune informano che a breve sarà predisposta la segnaletica orizzontale per la delimitazione degli stalli, ma la sosta riservata ai ciclomotori e motocicli è già stata istituita, con eventuale sanzione e rimozione delle auto in sosta. Soddisfazione per il risultato raggiunto è stata espressa dal Senatore Accademico Alessandro Lipera, dal Consigliere del Dipartimento di Scienze Politiche Livio Montemagno e dal Consigliere del Corso di Laurea in Sociologia Paola Rizza.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
07 giu 2016

L’appello di un cittadino per il decoro della II circoscrizione, tra prostitute e mancanza cronica di pulizia

di Emanuele Rizzo

Raccogliamo la segnalazione di un lettore in merito alle condizioni indecorose della zona di via Umberto più prossima al viale Africa. Ecco l'appello rivolto ai dirigenti e alle Istituzioni competenti Potete inviarci articoli, segnalazioni e proposte al nostro sito tramite l’apposita sezione apposita sezione Gentile Assessore, Gentile Direttore, Vi scrivo in merito alle condizioni in cui versano alcune strade della II Circoscrizione, in particolare le vie Gorizia, Calatafimi e Salemi. Da circa due settimane le strade versano in condizioni inumane, sommerse dai rifiuti e da odori nauseabondi, in quanto la pulizia ordinaria è stata interrotta e non si conoscono le ragioni. Via Salemi, inoltre, è da anni covo di prostitute che, sfruttando la strada senza sbocco e la poca illuminazione, si appartano nelle auto dei clienti davanti alla scuola Nino Martoglio, lasciando per terra carte e preservativi usati. La situazione è stata più volte denunciata (sia alle forze di polizia che all’ASL), ma adesso – complice la mancanza di pulizia – è giunta a livelli indecenti e non più tollerabili. Nei mesi scorsi il Vs.Ufficio ha inviato, a seguito di un’analoga segnalazione, la spazzatrice stradale meccanica, pulendo “a secco” la sola via Salemi ed in modo parziale ed approssimativo, in base alla ripartizione territoriale tra Oikos e Comune di Catania, che comunque non può giustificare il mancato intervento nel resto delle strade. Si richiede una pulizia straordinaria delle tre strade citate, con l’utilizzo di autobotti, spazzole ed opere di diserbamento dove occorre; ciò in tempi rapidi, in quanto la situazione è giunta ben oltre i limiti di tutela della salute. Si chiede, inoltre, di prendere (o comunicare agli uffici preposti) adeguati provvedimenti per riqualificare la zona, quali: · riverniciatura facciata uffici comunali di via Gorizia e pareti perimetrali scuola Martoglio; · ripristino della segnaletica orizzontale nella zona e potenziamento illuminazione pubblica; · controllo notturno di via Salemi, anche con eventuale installazione di telecamere; · pulizia mensile con mezzi meccanici. A tali richieste si allega una galleria fotografica risalente al 4 giugno 2016, che rende solo parzialmente l’idea della gravità della situazione Emanuele Rizzo

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
03 set 2015

Imboccare via Santangelo Fulci da piazza Corsica: possibile solo contromano

di Andrea Tartaglia

  Via Antonio Santangelo Fulci è una strada molto trafficata che collega la zona di via Giacomo Leopardi - via Martino Cilestri al quartiere di Picanello, giungendo fino all'incrocio con via Duca degli Abruzzi. Al suo principio, però, esattamente all'angolo con via Giacomo Leopardi all'altezza di piazza Corsica, l'imbocco da parte delle auto che provengono da via Martino Cilestri è piuttosto pericoloso: bisogna, infatti, attraversare via Giacomo Leopardi ma l'assenza di un'apposita segnaletica orizzontale, insieme con la sosta selvaggia, costringe i mezzi a percorrere alcuni metri addirittura contromano per poter svoltare in via Santangelo Fulci. Per ovviare a questa situazione sarebbe opportuno che venisse tracciata una segnaletica orizzontale completa: a partire del lato sud-est di piazza Corsica (passaggio obbligatorio per chi proviene da via Martino Cilestri) va disegnata la corsia in asse con via Santangelo Fulci e apposite isole di traffico direzionali -meglio se rialzate - che invitino le auto a non parcheggiare in corrispondenza dell'imbocco, come oggi spesso accade. Le immagini testimoniano la situazione e la rendono chiara. Giriamo questa segnalazione all'Assessorato competente del Comune di Catania affinché vengano presi appositi provvedimenti.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
22 lug 2015

FOTO | Vigili del Fuoco in emergenza bloccati dalle auto in sosta vietata

di Mobilita Catania

Via Caltanissetta, ore 11.10 del 22 luglio 2015: un camion dei pompieri in emergenza non riesce a entrare nella via dove si era sviluppato un incendio a causa di alcune automobili in sosta irregolare all’angolo con via Umberto: l’articolo 158 del Codice della Strada dispone  il divieto di sosta e di fermata sulla corrispondenza delle aree di intersezione e in prossimità delle stesse a meno di 5 m dal prolungamento del bordo più vicino della carreggiata trasversale, salvo diversa segnalazione. Questa norma è puntualmente disattesa dagli automobilisti catanesi e non sanzionata dalla Polizia Municipale, nonostante metta in grave pericolo i cittadini in casi d’emergenza come questo. Come segnalatoci da un nostro lettore i pompieri, non riuscendo a transitare con il camion, sono dovuti intervenire con gli estintori portatili per bloccare le fiamme sviluppatesi dal quadro elettrico di uno stabile di via Caltanissetta

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0

Ultimi commenti