04 feb 2019

Metropolitana di Catania, entro febbraio risposte sui fondi per la tratta fino a Fontanarossa


Oggi si è tenuto l’atteso incontro tra il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Marco Falcone, il Direttore Generale della Ferrovia Circumetnea,  l’ingegnere Salvatore Fiore, e Nicolas Gibert-Morin dell’unità Italia-Malta della Dg Regio European Commission. 

Gibert-Morin ha potuto toccare con mano le straordinarie potenzialità della metropolitana etnea e dei progetti futuri che le permetteranno di arrivare fino all’aeroporto di Catania.

«La città ha tutte le carte in regola per avere il finanziamento che serve per costruire la tratta Stesicoro-Fontanarossa- ha affermato l’assessore Marco Falcone nella sua pagina Facebook- entro questo mese avremo notizie dall’Unione Europea sui fondi». 

Come è noto, infatti, si è ormai da molto tempo in attesa dell’erogazione dei fondi dall’Unione Europea per il completamento della metropolitana di Catania da Stesicoro all’Aeroporto di Fontanarossa. Attualmente è finanziata solo il lotto Stesicoro-Palestro le cui risorse economiche coprono solamente la realizzazione del tunnel e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento.

Con i fondi dell’Unione Europea si potrà finanziare l’intera tratta funzionale e quindi bandire e aggiudicare la relativa gara d’appalto.


Ti potrebbero interessare:


cataniafinanziamentometromobilita cataniastesicoro aeroportotrattaunione europea

Un commento per “Metropolitana di Catania, entro febbraio risposte sui fondi per la tratta fino a Fontanarossa
  • rossoazzurro095 24
    07 feb 2019 alle 12:46

    SI alla tratta Stesicoro-Aeroporto, NO alla tratta Misterbianco-Paternò. Sono soldi UE, ma i soldi UE sono sempre soldi nostri e dei cittadini degli altri Stati membri, quindi non vanno spesi e buttati in opere inutili come lo è sicuramente la tratta Misterbianco-Paternò.

    Far arrivare la metropolitana a Paternò non è affatto necessario, e direi piuttosto che bisognerebbe elaborare il progetto di una seconda linea metropolitana, di un’ipotetica tratta che conduca da Piazza Verga fino al Cimitero di Via Acquicella, che attraversi zone come il Viale Mario Rapisardi, il Corso Indipendenza e la Piazza Risorgimento, aree densamente popolate e con una mole di traffico veicolare spaventosa, da ridurre necessariamente, e la costruzione di una linea metropolitana può favorire questo obiettivo.


Lascia un Commento