15 feb 2018

Al via otto cantieri per un importo di 11 milioni di euro: il dettaglio dei lavori


Sono otto gli interventi finanziati  dal ‘Patto per Catania’ che sono stati formalizzati oggi al Palazzo degli Elefanti alla presenza del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dal sindaco Enzo Bianco con i responsabili delle ditte aggiudicatarie dei lavori, per un importo complessivo di 11 milioni di euro.


Gli interventi riguardano le infrastrutture stradali relative alle vie di fuga Rotolo-Ognina, la caserma dei Carabinieri nella zona Asi, la riqualificazione del piazzale delle Carrozze del Giardino Bellini, la realizzazione delle piste ciclabili nel Parco urbano di Librino. Nell’ambito del progetto Cta Mover, inoltre, siglata la consegna dei lavori per la messa in sicurezza e innovazione delle strade della zona industriale commerciale, del Lungomare, di via Dusmet, di viale Mario Rapisardi.

Nell’area della zona industriale di Catania al via i lavori di ristrutturazione dell’edificio denominato ‘Centro Culturale Aldo Moro’ per la realizzazione di una Caserma dei Carabinieri da adibire ad “Area Operativa” con annessa area esterna come parcheggio per i visitatori. L’appalto è stato affidato alla ditta  Damiga srl di Alcamo per un importo complessivo di 1.249.685 euro.

I fondi del Patto per Catania finanziano anche i lavori del cosiddetto Cta-Mover, per la messa in sicurezza e l’innovazione e che prevede il rifacimento dell’intero manto stradale delle arterie stradali principali della città: gli interventi i cui contratti sono stati firmati oggi riguardano gli interventi delle strade 8 e 15 della Zona Industriale, viale Mario Rapisardi e Lungomare.

Pronti a partire anche i lavori delle piste ciclabili nel quartiere di Librino: i percorsi saranno lunghi 8 chilometri e rientrano nell’ambito del Parco urbano del quartiere, suddiviso in due lotti, il secondo dei quali è in corso di progettazione con un costo finale previsto di 4 milioni di euro.

Al via i lavori della rampa di collegamento alla viabilità esistente nonché la via di fuga Rotolo-Ognina. Questa parte dei lavori avrà un costo totale finale di 8 milioni di euro; il secondo blocco che riguarderà un’ulteriore via di fuga Europa- Rotolo, è in corso di progettazione e prevede una spesa finale di 16 milioni di euro.

Gli interventi di riqualificazione del Giardino Bellini riguarderanno il Piazzale delle Carrozze: i lavori per un importo di 370 mila euro consisteranno nell’eliminazione dell’attuale pavimentazione in sabbia e ghiaia e scarificazione, poi si passerà alla realizzazione di una struttura drenante composta da rami laterali che confluiscono in un collettore centrale. Sarà poi realizzata, utilizzando le ultime tecnologie a disposizione, una pavimentazione naturale drenante. L’intervento prevede anche la manutenzione delle parti meccaniche ed elettriche del sistema antincendio dell’intero Giardino attraverso la sostituzione delle pompe non funzionanti e del quadro elettrico.

Per il “Cantiere Catania”  l’investimento totale, tra pubblico e privato, è di 2 miliardi e 448 milioni di euro. Il complesso dell’ammontare degli investimenti è di € 1.362.000.000 che derivano da:

  • Patto per il Sud (€ 289.000.000),
  • Patto per lo Sviluppo della Citta di Catania (€ 654.000.000),
  • Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 (€ 92.000.000),
  • PON METRO 2014-2020 (€ 25.000.000),
  • Programma Operativo Regionale FESR 2014-2020 (Agenda Regionale) (€ 42.000.000),
  • Programma Sport e Periferie (€ 4.000.000),
  • Programma Straordinario Interventi Periferie (€ 16.000.000),
  • Piano di recupero di Corso Martiri della Libertà (€ 240.000.000).

Vanno aggiunte le risorse per la realizzazione della metropolitana: 60 milioni per la tratta Nesima-Monte Po e 90 milioni per quella Stesicoro-Palestro (cantieri già aperti), 124 per Monte Po-Misterbianco e 402 da Stesicoro-Palestro verso l’aeroporto, passando da Librino.

 


cantiericaserma carabiniericataniacta moverlavoriLibrinomobilita cataniapatto per cataniuapiazzale delle carrozzepiste ciclabilirotolo ogninazona industriale


Lascia un Commento