13 gen 2018

“Patto per Catania”, il punto sul cronoprogramma delle opere da realizzare


Si è svolto ieri al Palazzo degli Elefanti il terzo incontro, dopo quelli del 23 giugno e del 25 luglio, della “Cabina di regia” per fare il punto sul cronoprogramma delle opere da realizzare all’interno del piano “Patto per Catania”.


Erano presenti insieme al sindaco di Catania, Enzo Bianco, i rappresentanti di tutte le maggiori forze sindacali, degli ordini professionali, dell’Università di Catania, di Confindustria, Confcommercio, Cna ed altri ancora, oltre alla Segretaria Generale del Comune Antonella Liotta, il Capo di Gabinetto Gianluca Emmi, il consulente del sindaco per i rapporti istituzionali Francesco Marano, il responsabile tecnico del Patto Fabio Finocchiaro.

I prossimi interventi. Si comincia dai lavori per le piste ciclabili di 8 chilometri, costo 2 milioni di euro, che partiranno il 10 febbraio a Librino, e che rientrano nell’ambito del Parco urbano del quartiere di Librino, suddiviso in due lotti, il secondo dei quali è in corso di progettazione con un costo finale previsto di 4 milioni di euro. Sempre a Librino sono anche in corso d’opera i lavori per l’ospedale San Marco che comincerà ad aprire alcuni padiglioni da fine marzo.

La tabella di marcia vede per metà febbraio l’inizio dei lavori della rampa di collegamento alla viabilità esistente nonché la via di fuga Rotolo-Ognina. Questa parte dei lavori avrà un costo totale finale di 8 milioni di euro; il secondo blocco che riguarderà un’ulteriore via di fuga Europa- Rotolo, che è in corso di progettazione e prevede una spesa finale di 16 milioni di euro.

Una novità sono i lavori di rifacimento stradale nella zona Asi (Area di sviluppo industriale) che grazie al progetto CTA Mover permetteranno di iniziare già a marzo gli interventi, per una tranche di un milione e mezzo di euro, aggiungendosi agli importi previsti dal Patto di due milioni e 300 mila euro e ai lavori in programma per gli altri lotti.

Un’attenzione particolare è stata riservata anche al trasporto pubblico per incrementare la flotta circolante di autobus: arriveranno, a partire da aprile, 42 nuove vetture  e a queste se ne aggiungeranno altre 45 frutto dei risparmi realizzati. Previsti inoltre, grazie ad un bando regionale, autobus elettrici che circoleranno nel centro storico; miniautobus dedicati arriveranno, sempre con il Patto, per le periferie a nord di San Giovanni Galermo e Trappeto.

Già conclusi numerosi interventi di messa in sicurezza che riguardano le scuole della città. In particolare le scuole: De Amicis (via Merlino), Pizzigoni (via Siena), Verga (via Leopardi), Nazario Sauro, Verga (viale De Gasperi), Malerba (piazza Pergolesi, via Pidatella, via Messina), Manzoni (via Plebiscito), Deledda (piazza Montessori), Santo Di Guardo (via Vita), Montessori (via Di Gregorio, via IV Novembre), Malerba (via Anfuso), D’Annunzio (via Brindisi). Il secondo blocco di interventi riguardanti le scuole inizieranno tra aprile e maggio prossimi. Si tratta degli istituti Musco, Brancati, Caronda, Tempesta, Montessori, Pestalozzi, Petrarca, Vittorino da Feltre.

Nel 2018 partiranno pure le infrastrutture dedicate all’inclusione sociale con la realizzazione e il recupero di alloggi previsti sia dal Patto di Catania sia dal Pon per importi rispettivamente di 8 milioni e 500 mila e 9 milioni e 500 mila euro.

L’investimento totale, tra pubblico e privato, è di 2 miliardi e 448 milioni di euro. Il complesso dell’ammontare degli investimenti è di € 1.362.000.000 che derivano da:

  • Patto per il Sud (€ 289.000.000),
  • Patto per lo Sviluppo della Citta di Catania (€ 654.000.000),
  • Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 (€ 92.000.000),
  • PON METRO 2014-2020 (€ 25.000.000),
  • Programma Operativo Regionale FESR 2014-2020 (Agenda Regionale) (€ 42.000.000),
  • Programma Sport e Periferie (€ 4.000.000),
  • Programma Straordinario Interventi Periferie (€ 16.000.000),
  • Piano di recupero di Corso dei Martiri (€ 240.000.000)

Vanno aggiunte le risorse per la realizzazione della Metropolitana: 60 milioni per la tratta Nesima-Monte Po e 90 milioni per quella Stesicoro-Palestro (cantieri già aperti), 124 per Monte Po-Misterbianco e 402 da Palestro-Librino verso l’aeroporto (tratte già finanziate).


Ti potrebbe interessare:

 


asse rotolo ogninacabina di regiacantiericataniacronoprogrammalavoriLibrinomobilita cataniapatto per cataniapon metrospine verditrasporto pubblico

Un commento per ““Patto per Catania”, il punto sul cronoprogramma delle opere da realizzare
  • Turi Marletta 1
    13 gen 2018 alle 16:04

    NON VEDO CITATE LE SOMME PER L’INTERRAMENTO DELLA FERROVIA E L’ALLUNGAMENTO DELLA PISTA DELL’AEROPORTO, CHE FINE HANNO FATTO ?


Lascia un Commento

Ultimi commenti