10 nov 2016

Porto aperto a metà: transito vietato ai ciclisti nella zona commerciale


Martedì scorso, decine di ciclisti, durante la loro consueta passeggiata serale, sono stati bloccati al porto e rispediti indietro per ben due volte lungo la banchina di ponente.

Con quest’episodio (qui il video) abbiamo quindi appurato che questa parte del porto è stata resa inaccessibile proprio dopo la sua “apertura” di qualche giorno fa.

Dopo l’abbattimento di alcuni metri di muro sul piazzale nord, di fronte la Capitaneria di Porto, è stata quindi contestualmente chiusa, con un nuovo sbarramento, tutta l’area del porto che si sviluppa lungo il lato ovest, un’area del bacino portuale lunga circa un chilometro.

In verità, la chiusura ai mezzi privati era stata già annunciata. Ma adesso risulta vietato l’accesso alle biciclette anche se portate a mano, come accaduto l’altro ieri sera ai ciclisti che volevano raggiungere la ciclabile della Plaia evitando la pericolosa via Domenico Tempio già teatro di incidenti anche mortali.

Ciclisti bloccati al porto

Alcuni dei ciclisti bloccati ieri sul nuovo varco del porto

Si ricorda, inoltre, che la scorsa primavera si sarebbe dovuto realizzare la ciclabile per collegare l’ingresso sud del porto con la pista della Plaia permettendo ai ciclisti di raggiungere in totale sicurezza il litorale sabbioso, ma ad oggi, purtroppo, non solo non sono mai iniziati i lavori, ma addirittura viene vietato il passaggio delle biciclette, ossia l’opposto di quello che ci si sarebbe aspettati ed in totale controtendenza verso una città più sicura per i ciclisti e che si batte per la mobilità sostenibile. In tale caso, è giusto rammentarlo, molte scelte sono in capo alla gestione portuale per cui il comune non può agire in autonomia.

Anche il Librino Express, la linea speciale dell’Amt, è vittima di questo provvedimento, poiché non transita più dal porto ma è costretto a impelagarsi nel traffico di via Domenico Tempio: di conseguenza, diventa decisamente poco “express”. Solo l’Alibus continua a poter circolare all’interno dello scalo portuale, fortunatamente.

Mobilita Catania auspica che venga concesso il transito alle biciclette o quantomeno si trovi una soluzione più idonea al transito in via Domenico Tempio, che al momento rappresenta l’unica e, come detto, pericolosa alternativa.

Rimane necessaria, inoltre, la realizzazione nel più breve tempo possibile di un collegamento ciclopedonale  sicuro tra porto e Plaia.


catanialungomaremobilita cataniamobilità ciclabilepiste ciclabiliporto di catania


Lascia un Commento