12 ott 2016

Ministro Delrio, un’analisi sul futuro del trasporto ferroviario in Sicilia


Sulla sua pagina Facebook il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Delrio  fa un’analisi sul futuro del trasporto ferroviario e lo fa parlando pure della Sicilia.

L’obiettivo principale, afferma Delrio è spostare il 30% delle merci dalla gomma al ferro nei prossimi tre anni. Per questo sono stati tolti gli incentivi alla gomma e messi sul trasporto ferro e via mare e finanziato completamente (1,2 mld) l’ammodernamento dei corridoi merci italiani.

A questo indirizzo si rifà anche il nuovo piano industriale di FS che investirà 1,5 mld nella parte merci e logistica dopo anni di stallo che hanno portato il trasporto merci su ferro in Italia sotto il 6%. Per questo si deve utilizzare la linea AV entro il 2018 anche per trasporto merci, rendendo pienamente utile l’investimento sull’alta capacità. E per questo è stato approvato un nuovo piano di logistica integrata. La cura del ferro: parte prima.

Altro obiettivo del ministro Delrio è di cambiare rotta anche sul trasporto pendolari e passeggeri regionali.
Sono stati stanziati 1,5 mld per il potenziamento dei corridoi regionali nell’ultimo contratto 2016 a favore di Rfi. Per i prossimi 10 anni vi saranno 32 mld per lo sviluppo della rete storica non Alta Velocità. Quindi più risorse che per l’AV. Significa concretamente il ripristino della linea Palermo-Trapani interrotta da tempo e la velocizzazione della Palermo-Agrigento.

Dal 2014 sono stati immessi il 20% di nuovi treni e saranno investiti 4,5 mld nei prossimi 5 anni per completare l’acquisto di 450 nuovi mezzi.

Ci saranno inoltre nuovi treni con spazi per le bici mentre le stazioni saranno riqualificate prevedendo anche il depositi bici.  La cura del ferro: parte seconda.

Una priorità importante per Delrio è ridare al Mezzogiorno d’Italia una rete di connessioni di livello europeo.
Oggi in treno sono necessarie 10 ore e mezza per raggiungere Palermo da Roma. E ce ne vogliono solo 3 per raggiungere Milano da Roma. Non ci deve essere un Paese spezzato in due. La scelta va nella direzione di potenziare i corridoi ferroviari europei che attraversano l’Italia. Sono opere utili a tenerci dentro allo sviluppo. Le città attraversate dalla rete Alta Velocità migliorano economicamente e hanno più opportunità di sviluppo. Pensiamo anche a città medie come Siviglia e Lione. Il ministero spagnolo valuta in 11 mld l’impatto della rete AV sul Pil delle città.

L’AV Napoli Palermo e’ un progetto di valenza non solo trasportistica ma sociale ed economica.

Nei programmi del ministro per il sud sono previste 4 principali direttrici ferroviarie:  La dorsale adriatica, la Napoli Bari, la dorsale tirrenica e l’Alta Velocità in Sicilia.

Per l’Alta Velocità in Sicilia sono già iniziati i cantieri nel nodo di Catania e di Palermo. Complessivamente si avranno 3,6 mld disponibili e a regime si potrà percorrere il tratto fra Messina e Catania in 45 min e il tratto da Catania a Palermo in meno di un’ora e 45.

Se vuole sviluppare l’economia di tutto il Paese ed offrire opportunità alle imprese ed ai giovani si deve procedere spediti con maggiori connessioni ferroviarie nel Mezzogiorno. Con progetti non faraonici ma rispettosi dei territori rivisitando schemi di trent’anni fa quando la tecnologia nei trasporti era ai primi passi.


Ti potrebbero interessare…


cataniainfrastruttureinvestimentiministro delriomobilita cataniasiciliatrasporto ferroviario


Lascia un Commento