13 set 2016

Parcheggi, 23 milioni per Catania: probabile ripresa del progetto Sanzio


Nei prossimi giorni verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana un bando che prevede l’attribuzione di 100 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi di interscambio.

In realtà i bandi sono due, uno per le tre città metropolitane Palermo, Catania e Messina e l’altro per i 33 comuni con popolazione superiore ai 30 mila abitanti o sede di porti strategici. A Catania sono stati assegnati 23,2 milioni di euro e serviranno per la costruzione di parcheggi a raso, in elevazione o sotterranei.

I comuni avranno 180 giorni di tempo, dalla pubblicazione sulla GURS, per presentare le istanze, a condizione che essi siano dotati di un PGTU e che dispongano di progetti definitivi dotati di tutte le autorizzazioni e pareri, corredati anche da un piano di gestione. Altra condizione indispensabile è che non devono sorgere all’interno del centro storico, questo per favorirne il decongestionamento.

Un parcheggio che potrebbe beneficiare di questo finanziamento è il “Sanzio“, gia previsto nel PGTU redatto dalla precedente amministrazione.

Il parcheggio Sanzio risulta di vitale importanza visto che con l’apertura delle nuove tratte della metropolitana diventerà centro nodale, insieme al parcheggio Nesima, dei bus della Circumetnea. Inoltre a pochi metri si trova la stazione della Metropolitana, intercetta parte del traffico privato in entrata proveniente da via V. Giuffrida e V. Vittorio Veneto ed è dotato di un importante nodo AMT in cui fa capolinea il 2-5 che serve tutto il centro città.

parcheggio sanzio

Su quest’area esisteva già un precedente progetto, previsto nella lista dei 21 punti di sosta pensati dall’ex sindaco Umberto Scapagnini che prevedeva un parcheggio su tre livelli, per 1080 auto, 40 bus e una parte commerciale  da realizzarsi in project financing per un costo complessivo di 39 milioni di euro. Nell’aprile del 2015 il progetto fu bocciato dall’amministrazione Bianco per un eccesso di potere nell’affidamento dei lavori da parte del Responsabile unico del procedimento il quale aveva privilegiato la Catania parcheggi spa a cui fu aggiudicato l’appalto a danno di altri concorrenti e per le condizioni contrattuali inaccettabili per la città.

La Catania Parcheggi impugnò la delibera comunale di annullamento rivendicando un risarcimento di 14 milioni di euro per il mancato guadagno e un danno all’immagine. 

Solo nel luglio del 2016 si è posto fine alla vicenda con la sentenza del Tar che rigettò  il ricorso della Catania parcheggi spa contro Palazzo degli elefanti. 

La chiusura della vicenda giudiziaria ha dunque rimesso in moto il progetto e l’attuale amministrazione sembra orientata a realizzare, nella stessa area, un parcheggio sotterraneo senza spazi commerciali destinando la parte in superficie a verde.

Speriamo che questo bando possa essere l’occasione per realizzare un’opera strategica importante per la mobilità catanese e che l’attuale amministrazione non si faccia trovare impreparata.


bando di garacataniafinanziamentimobilita cataniaparcheggiparcheggi scambiatoriparcheggioSanzio


Lascia un Commento

Ultimi commenti