28 dic 2015

Smog, nonostante i divieti continuano i pericoli per la salute


La qualità dell’aria delle città italiane è l’argomento più dibattuto delle ultime settimane, complice l’eccezionalità delle condizioni meteorologiche e l’aumento del traffico nel periodo natalizio.

Le Amministrazioni sono corse ai ripari per limitare l’inquinamento atmosferico, adottando misure di restrizione della circolazione dei veicoli e di limitazione del riscaldamento degli edifici, provvedimenti dettati dall’allarme contingente.

Il clima catanese particolarmente variabile con brezze marine e  regime di ventilazione tali da  consentire  la  dispersione  degli  inquinanti  per  quasi  tutti  i  giorni  dell’anno impedisce al PM10 di superare, se non episodicamente, i livelli d’allarme per la salute.

A destare preoccupazione a Catania sono i livelli di biossido d’azoto: il valore di 40 μgr/m3 (media annuale) previsto come limite dalla normativa, è superato in misura considerevole nelle stazioni che monitorano il  traffico; dati particolarmente allarmanti sono quelli registrati dalla stazione di rilevamento posta tra il viale Vittorio Veneto e il corso Italia, in cui la concentrazione di biossido di azoto nell’anno 2014 è stata di 54  µg/m3 (microgrammi per metro cubo) .

Lo sforamento dei limiti di legge ha obbligato l’Amministrazione comunale ad adottare a partire dal mese di luglio una misura di restrizione della circolazione in una vasta aerea di Catania -delimitata dalla circonvallazione a nord, a est dal lungomare, a sud da via Dusmet e a ovest da via Palermo- per i veicoli diesel euro 0 ed euro 1, che rappresentano il 20% del parco auto della città, interessando così circa 40 mila veicoli. In mancanza di un report del Comando di Polizia Municipale non è possibile sapere se il provvedimento abbia avuto attuazione o sia rimasto inapplicato.

[Smog, scatta lo stop ai veicoli più inquinanti: l’area interessata]

I dati provenienti dalle centraline di controllo della qualità dell’aria non sono confortanti: a titolo solamente esemplificativo abbiamo monitorato i dati del mese di dicembre pubblicati sul sito del Comune di Catania.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il provvedimento di restrizione della circolazioni imposto a luglio sembra inefficace per ridurre i livelli di concentrazione del biossido d’azoto, conseguentemente i pericoli per la salute dei cittadini catanesi rimangono consistenti. Lo stesso dottore Carmelo Oliveri, responsabile del Comune di Catania della rete di monotoraggio ambientale, intevistato dal quotidiano “la Sicilia” conferma che anche nel 2015 i limiti verranno superati.

La situazione ha destato preoccupazione anche nel gruppo locale di Legambiente che in una nota indirizzata al Sindaco Enzo Bianco chiede chiarezza sui provvedimenti che si vorranno adottare: “considerato che gli interessi in gioco non sono di poco conto coinvolgendo un bene primario quale la salute dei cittadini e soprattutto quello delle fasce più deboli ossia bambini, anziani e malati, chiediamo che il sindaco come garante della salute dei cittadini li informi della situazione dell’inquinamento a Catania e dei provvedimenti che intenda adottare al riguardo.”

Noi di Mobilita Catania avevamo raccolto l‘opinione del prof. Giuseppe Inturri, docente di trasporti e mobilità presso il dipartimento di Ingegneria e Architettura Università di Catania, in merito agli interventi che l’Amministrazione dovrebbe mettere in opera nel medio e nel lungo periodo per migliorare la mobilità catanese, inefficiente in termini di tempo necessario per gli spostamenti, di salute e di costi che ricadono su tutti i cittadini.

 


cataniacentraline inquinamentodieseleuro 0euro 1inquinamento dell'ariamobilita cataniaqualità dell'ariarestrizionesmog


Lascia un Commento

Ultimi commenti