03 ago 2016

AMT, una lettera dei lavoratori che si scusano con i cittadini


I lavoratori dell’AMT ci hanno recapitato questa lettera in cui si scusano con l’intera città metropolitana per i continui disagi che il trasporto pubblico cittadino causa a tutti i suoi utenti per i numerosi disservizi.

“Cittadini di Catania credevamo di uscire dalle vergognose vicende del passato e invece stiamo sprofondando negli abissi.

L’attuale Amministrazione Comunale con a capo il Sindaco Enzo Bianco nonché il Presidente Dott.Carlo Lungaro e il Direttore Ing. Antonio Barbarino hanno e stanno seriamente contribuendo al fallimento del trasporto pubblico locale.

E’ impossibile pensare che in tempi di crisi economica aziendale l’Amministrazione A.M.T. S.p.A. ha dato senza giustificato motivo ad alcuni Dirigenti nel settore amministrativo un aumento di livello “aumento di stipendio”, tagliando dall’altra parte i servizi.

Oggi è comprensibile come in una Città Metropolitana quale è Catania i tempi di attesa alle fermate mediamente superano i 45/60 minuti creandovi disagi ed incomprensione con i conducenti i quali sono vittime di questa Amministrazione fallimentare con a capo il Sindaco Enzo Bianco, unico responsabile della pessima qualità del servizio.

Da parte nostra abbiamo fatto diversi scioperi e manifestazione contro questa Amministrazione e contro il Sindaco Bianco senza ottenere la minima attenzione.

I lavoratori A.M.T si scusano con la cittadinanza per i comuni disservizi creati dall’Azienda di Trasporto Pubblico cittadino ma ci tengono a ribadire a gran voce che tutto questo nasce da una pessima gestione da parte della dirigenza A.M.T. e dell’Amministrazione Comunale.

Infatti colui che dovrebbe essere il garante dei cittadini e dei lavoratori (il Sindaco) non riesce o non vuole far nulla per risolvere definitivamente la grave crisi del Trasporto Pubblico locale catanese”.

FIRMATO
I LAVORATORI A.M.T.


amtcataniacrisi amtdisagi amtlavoratori amtmobilita catania

Segnalazione successiva


Lascia un Commento

Post Correlati