Segnalazione
27 gen 2017

Pericoli in corso Sicilia: semaforo e percorribilità pedonale da ripristinare

di Alessio Marchetti

Da oltre 2 anni, i due semafori pedonali all'incrocio di corso Sicilia con via Giacomo Puccini sono stati rimossi. Questo comporta numerosi pericoli per i pedoni che non sanno quando è il momento di attraversare. Inoltre, da fine dicembre, proprio all'altezza di quell'incrocio, è in esercizio la nuova stazione della metropolitana Stesicoro: sono migliaia le persone che ogni giorno attraversano quell'incrocio e saranno ancora di più quando, tra qualche mese, verrà finalmente attivata la metropolitana fino a Nesima. A causa delle auto in sosta vietata proprio in quell'incrocio la visibilità è anche limitata ed il rischio incidenti molto elevato.  Per questo è necessario l'immediato ripristino del semaforo pedonale per evitare pericolosi incidenti. L'augurio è che tutta quella zona sia più attenzionata dal Comando di Polizia Municipale per garantire un regolare transito in sicurezza dei pedoni. Qui alcune foto del semaforo pedonale che era presente nel 2012 ma che oggi non è più presente. Qui un nostro video sulle difficoltà che incontrano i pedoni per attraversare Corso Sicilia: Ti potrebbe interessare: Abbiamo fatto la metro, facciamo i catanesi. Corso Sicilia inaccessibile, le difficoltà dei pedoni    

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
22 ott 2016

Autostrada Catania-Palermo chiusa nei due sensi di marcia

di Mobilita Catania

Autostrada Catania Palermo chiusa nei due sensi di marcia, forse per un problema ad una galleria. Le auto provenienti da Catania vengono deviate per l'uscita di Enna mentre le auto provenienti da Palermo vengono deviate per l'uscita di Caltanissetta. IN AGGIORNAMENTO: ORE 13:30. Il traffico è interdetto nel tratto compreso tra Caltanissetta-Imera (Km. 103,5) e Enna (Km. 119,4) in entrambe le direzioni al Km 104 in Galleria Fortolese ORE 14:00. Autostrada riaperta nei due sensi di marcia. Ancora non è chiaro il motivo della temporanea chiusura. Qui un video di un nostro lettore  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
03 ott 2016

Metro, stazione Borgo: tra scale mobili… immobili e infiltrazioni d’acqua

di Sevy Vallarelli

Mentre sono in dirittura di arrivo le nuove, fondamentali estensioni della metropolitana di Catania, il tratto già in esercizio nella tratta Borgo-Porto comincia a mostrare i segni del tempo dovuti a quasi 20 anni di esercizio. Di seguito sono evidenziati alcuni aspetti che ne sono testimonianza presso la stazione "Borgo", ossia l'attuale capolinea nord della linea metro (dall'anno prossimo, invece, sarà Nesima). Tra i problemi maggiormente ricorrenti spicca il mancato funzionamento delle scale mobili, il che costringe a ripiegare sulle scale fisse tradizionali: un disagio non di poco conto, soprattutto per le persone più anziane ma anche per chi è carico di bagagli o buste della spesa, che può generare disaffezione nell'utenza. Tra l'altro lo stesso problema si presenta spesso anche presso altre due stazioni della linea: Giuffrida e Italia. La questione è ancora più grave alla luce dell'eclatante evidenza che dal 1999 ad oggi gli ascensori non sono mai entrati in funzione. Ciò, oltretutto, ha di fatto sempre impedito ai disabili di poter usufruire del servizio metropolitano gestito dalla Ferrovia Circumetnea. Quest'ultima, per fortuna, pare abbia intenzione di porre rimedio a questa grave mancanza attraverso un nuovo, imminente bando. Ma tra le problematiche che affliggono la stazione Borgo emerge anche la questione di copiose infiltrazioni d'acqua, presenti in banchina al livello dei binari sia in direzione Porto che in direzione Nesima, come si evince dalla foto: A questi problemi se ne aggiunge anche un altro, stavolta causato dall'inciviltà di qualcuno: il cancelletto di sicurezza posto accanto ai varchi, che dovrebbe aprirsi solo in caso di emergenza, appare invece spalancato a seguito di un'evidente forzatura e permette a chiunque, in pratica, l'accesso al piano banchina senza obliterare il biglietto. Con qualche controllo in più la situazione sicuramente potrebbe migliorare: l'area è videosorvegliata, per cui frequenti verifiche e maggiore attenzione da parte della Fce, in questo caso, consentirebbero all'azienda di mantenere più alto il livello di sicurezza ma anche di combattere il fenomeno dell'accesso senza titolo di viaggio, cosa che corrisponde, evidentemente, a mancati introiti.     Ti potrebbe interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
03 ott 2016

VIDEO | Asse dei servizi: il nuovo stop non viene rispettato

di Mobilita Catania

Un nostro lettore ci segnala con un video una situazione di pericolo che giornalmente si verifica nell'Asse dei Servizi in seguito alla nuova ordinanza del sindaco metropolitano Enzo Bianco del 29 luglio scorso. Per arginare il problema degli incolonnamenti che si verificano giornalmente nello svincolo della tangenziale per l'asse dei servizi  era stata disposta una nuova viabilità all’uscita della tangenziale direzione asse dei servizi. Gli automobilisti provenienti  dall’Asse dei Servizi e diretti alla tangenziale, direzione Siracusa, o mercato agroalimentare dovrebbero fermarsi allo stop e dare la precedenza ai veicoli provenienti dalla Tangenziale. Il condizionale è d'obbigo visto che il segnale non viene rispettato creando altresi una situazione di grave pericolo.  La soluzione adottata dal sindaco Metropolitano è certamente una soluzione temporanea in attesa di una sistemazione  definitiva visto che in fase di progettazione non si è tenuto conto dell’importanza che poteva avere questo svincolo. Ricordiamo che al momento esistono due progetti risolutivi, uno realizzato dalla ex Provincia che prevede una grande rotatoria e uno realizzato dell’Anas che prevede delle bretelle di collegamento. https://youtu.be/4ypFqIvZ2b4

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
01 lug 2016

Via Nizzeti chiude per una settimana: la viabilità alternativa

di Mobilita Catania

Dal 4 al 9 luglio in via Nizzeti, nel tratto compreso da via del Canalicchio alla rotatoria con  le vie Sgroppillo e Nuovaluce,  divieto di transito per tutti i veicoli, a eccezione di quelli degli addetti ai lavori, dei residenti e dei mezzi di soccorso Lo comunica la sezione Sottosuolo della direzione Polizia locale e Utu, precisando che il provvedimento  consentirà al dipartimento della Protezione civile di Catania l’esecuzione di lavori  di scavo utili a collegare la condotta fognaria da via Nizzeti all’incrocio con la via Sgroppillo (all’altezza della rotatoria di via Sgroppillo – Nuovaluce). Il traffico sarà deviato su percorsi alternativi. In particolare, i  veicoli provenienti dalle vie Sgroppillo,  XX Settembre e Nuovaluce, e diretti a Catania su via Nizzeti, potranno percorrere via Nuovaluce fino alla prima rotatoria e imboccare via Diodoro Siculo e via del Canalicchio, per poi raggiungere via Nizzeti in direzione Catania. I veicoli provenienti dalla Circonvallazione e da via Nizzeti e diretti in via Nuovaluce,  percorreranno via Nuovalucello (strada parallela alla Circonvallazione) per raggiungere via Nuovaluce attraverso viale Mediterraneo (A18 Dir). Gli interventi saranno indicati dalla relativa segnaletica per l’intera durata dei lavori, pattuglie della Polizia locale saranno presenti al fine di limitare i disagi alla viabilità e assicurare fluidità al traffico veicolare.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0