03 gen 2017

Microdiscariche e incendi: in via Umberto un altro episodio


Il rapporto tra i catanesi e i rifiuti urbani rimane difficile. La raccolta differenziata avviata nell’autunno del 2015 è ormai giunta al sesto step, interessando tutta l’area in cui la gestione è di competenza diretta degli operatori comunali e non dell’azienda Ipi-Oikos.

Le modalità di implementazione della raccolta differenziata porta a porta solo a una porzione della città sta comportando molte criticità: sono i frequenti i casi in cui nello stesso isolato convive il nuovo sistema di conferimento e ritiro e i vecchi cassonetti.

È la situazione di via Umberto nel tratto compreso tra piazza Principessa Iolanda e il viale Africa in cui una parte dei cittadini è passata al nuovo sistema, mentre la restante conferisce i rifiuti nel cassonetto. Nel mese di novembre, proprio in coincidenza con il sesto step della differenziata, i cassonetti di via Umberto all’incrocio con via Calatafimi sono stati presi d’assalto dai domiciliati nella zona del conferimento porta a porta, comportando un esubero di rifiuti nei cassonetti. La notte del 16 novembre dei vandali hanno dato alle fiamme i cassonetti, provocando un incendio che data l’enorme quantità di rifiuti ha raggiunto il primo e bruciato le saracinesche degli uffici della Prefettura.

Il Comune ha quindi eliminato i cassonetti in via Umberto, aumentandone il numero in via Pietro Mascagni, ad appena 100 metri. Purtroppo l’inciviltà di alcuni catanesi ha avuto la meglio, trasformando il marciapiede dove erano collocati precedentemente i cassonetti in una discarica abusiva che pochi giorni fa è stata nuovamente incendiata.


Le responsabilità sono in primis degli stessi cittadini che non hanno adempiuto alle regole del nuovo sistema di raccolta e per di più hanno trasformato il marciapiede in una microdiscarica abusiva, e a nulla sono valsi gli avvisi, che invitano a non gettare i rifiuti, affissi da altri catanesi più rispettosi delle regole della convivenza civile. Le inefficienze sono causate anche dalle modalità d’implementazione del nuovo sistema di raccolta che ha creato queste “zone spartiacque”: un problema che si risolverà solo con il passaggio al porta a porta su tutto il territorio comunale.


Ti potrebbe interessare:

Raccolta differenziata: lunedi altro step | INFO E DETTAGLI

 


cataniaincendio cassonettimobilita cataniaraccolta differenziatarifiuti


Lascia un Commento