Segnalazione
13 dic 2015

Stazione Centrale di Catania, binari invasi dalla sporcizia

di Mobilita Catania

Riceviamo e pubblichiamo le foto inviateci da Andrea Patanè, che testimoniano l'indecoroso stato di pulizia in cui versa la sede dei binari del principale scalo ferroviario etneo. Un livello di sporcizia talmente alto che, aldilà dell'inciviltà ingiustificabile di chi l'ha causato, lascia intendere che non si provvede a effettuare una pulizia di questi luoghi da molto tempo. Non certo una visione invitante per l'utenza, per di più alla vigilia di nuovi servizi ferroviari offerti con l'entrata in funzione della stazione di Cannizzaro.  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
16 ott 2015

Metropolitana, la futura stazione San Nullo inaccessibile ai pedoni: un problema annunciato

di Davide D'Amico

Riceviamo la segnalazione di un lettore residente della zona in merito ai previsti disagi per gli abitanti del quartiere nell'accedere alla stazione San Nullo, i cui lavori di completamento sono prossimi alla conclusione. FOTO | Metropolitana, stazione di San Nullo quasi completa In pochi a San Nullo sembrano essere venuti a conoscenza dell'apertura prevista per giugno 2016 della stazione metropolitana a servizio dell'omonimo quartiere ad ovest della città [puoi consultare il cronoprogramma ufficiale dei lavori della metropolitana, ndr]. Criticità stazione di San Nullo: l'ingresso alla stazione è previsto sulla circonvallazione, in viale Antoniotto Usodimare, all'incrocio con via Sebastiano Catania. C'è da chiedersi come faranno gli abitanti del quartiere a raggiungere a piedi la stazione, dato che non v'è traccia di marciapiedi in via Sebastiano Catania ed in via San Nullo. Il quartiere: un tessuto urbano quello della IV circoscrizione, tipico del modus costruendi catanese, privo cioè di servizi pubblici, sterile di vita sociale e di funzionalità, nato e sviluppatosi tra gli anni '80 e '90 del XX secolo, in regime di Variante al P.R.G. per favorire l'insediamento di edilizia convenzionata agevolata. Vengono così costituite cooperative edilizie che attratte dal basso costo dei lotti, costruiscono disordinatamente residence, case a schiera e ville, infischiandosene degli oneri di urbanizzazione. Possibili soluzioni: i problemi di accesso alla stazione sono ben noti all'Amministrazione comunale ed attendono soltanto una risposta concreta. La soluzione possibile sarebbe quella di istituire il senso unico di marcia in via Sebastiano Catania realizzando un apposito marciapiede su uno dei lati della stretta arteria. Si dovrebbe intervenire anche in via San Nullo anch'essa sprovvista di marciapiedi. Infine, la difficoltà di reperire i biglietti per la carenza di esercizi commerciali può essere ovviata installando appositi distributori automatici all'interno della stazione. Bisognerà attendere invece per la dismissione del passaggio a livello della littorina in prossimità della stazione metropolitana. Ipotizzo in tal senso la riconversione della linea ferrata in pista ciclabile.     Per maggiori dettagli sull'argomento puoi consultare questi articoli: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera; Cronoprogramma ufficiale dei lavori della metropolitana    

Leggi tutto    Commenti 5    Proposte 0
Segnalazione
15 ott 2015

Integrazione AMT-FCE, ma non per gli abbonati: una disparità ingiusta

di Clelia Gialli

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di una nostra lettrice in merito alla cessazione di validità dell'abbonamento AMT per usufruire della metropolitana gestita da FCE: dal mese di giugno l'integrazione AMT-FCE è possibile solo mediante biglietti e non più con gli abbonamenti (qui le informazioni riguardo l'integrazione).   Vorrei porre all'attenzione un problema che riguarda il trasporto pubblico a Catania, ma che sembra esser passato in sordina. Sono una delle tante persone (o forse no, visto che non ho sentito molte persone lamentarsene) a muoversi in città a piedi e con i mezzi; frequento l'Università e mi capita spesso di dovermi spostare in varie sedi, tutte dislocate al centro di Catania ed alla Cittadella Universitaria. Da quando è nata la linea rapida BRT, ed è stata promossa l'integrazione del biglietto bus-metro,  valida anche per gli abbonamenti, ho pensato che finalmente la nostra città fosse ad un punto di svolta. Eppure, da giugno (strategicamente, mi viene anche da pensare) l'FCE ha rinnovato i suoi biglietti e abbonamenti, e anche le obliteratrici, attivando i biglietti con la banda magnetica. Hanno creato il biglietto integrato, per bus e metro (di fatto le nuove obliteratrici della metropolitana accettano biglietti diversi da quelli delle obliteratrici degli autobus), con una maggiorazione di 20 centesimi... e va bene si può anche fare per chi prende bus e metro una volta tanto. Ma gli abbonati? Tutti i pendolari che prendono la metro per arrivare alla stazione e tornare a casa, o per recarsi al posto di lavoro? Gli studenti? Io che pago il mio abbonamento AMT, perché non posso usufruire della metro così come fa chi compra il biglietto integrato?  A me sembra una disparità ingiusta, e soprattutto una mancanza verso chi dà fiducia all'azienda di trasporti comprando ogni mese l'abbonamento piuttosto che salendo sulle vetture senza biglietto (e vi posso garantire che sono tanti, anche se ora con le guardie giurate stanno cercando di arginare questo problema, finalmente direi). Se viene pubblicizzata l'integrazione, e comunque l'obiettivo della mobilità sostenibile è anche questo, perché non estendere l'integrazione a chi compra l'abbonamento? Io non so cosa ci sia dietro questa scelta, perché mi risulta difficile pensare che non possano creare un pass per la metro, idoneo alle nuove obliteratrici (come avveniva fino a quando non hanno cambiato i biglietti) per chi ha l'abbonamento Amt. Sono anche disposta a pagare un po' di più, se è questo il problema. Ma qui vi chiedo, come mai non ci ha pensato nessuno? La metro è così poco frequentata? Io l'ho vista più di una volta quasi piena!Cosa possiamo fare per portare alla luce questo problema e sbloccare questa situazione? 

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Segnalazione
25 set 2015

FOTO | Metropolitana: scale mobili non funzionanti e accesso facile agli evasori

di Luigi Sciarrone

È sorto di recente qualche problema presso la metropolitana di Catania e in particolare nelle stazioni Italia e Giuffrida: nella prima i vetri  accanto alle obliteratrici, che impediscono l'accesso ai treni, risultano semiaperti- fatto che si era presentato qualche giorno fa anche alla stazione Giuffrida e  a cui si è rimediato- permettendo il passaggio degli evasori privi di biglietto; nella seconda stazione le scale mobili non sono funzionanti. Ecco le foto dei disservizi:

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Segnalazione
14 mag 2015

BRT “bloccato” in piazza Stesicoro. Servono soluzioni

di Mobilita Catania

Ecco una scena che si ripete tutti i giorni. Il BRT ovvero Bus Rapid Transit, resta incolonnato per diversi minuti ingolfato dal traffico automobilistico presente nella centralissima piazza Stesicoro. L' autobus che dovrebbe viaggiare sempre in corsia protetta o in ZTL impiega anche più di un minuto per compiere il giro di pochi metri della piazza creando problemi al servizio. Qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=TrKQVkhXlQk Una soluzione potrebbe essere quella creare una ZTL in quel perimetro in modo da velocizzare il BRT e rendere nuovamente la piazza sicura e vivibile mentre adesso gli incidenti sono frequenti. Grazie ad una ZTL finalmente si tornerebbe a respirare e vivere nel cuore della città a beneficio di chi usa tutti i giorni gli autobus e le bici Se volete fare anche voi la vostra proposta per risolvere il problema cliccate nel menù in alto su partecipa e poi su proponi una soluzione. Il contributo di tutti è molto importante.

Leggi tutto    Commenti 5    Proposte 0
Segnalazione
02 mag 2015

Fermate dell’autobus: classico parcheggio incivile

di Mobilita Catania

Ci troviamo in via Etnea, poco sopra l'incrocio con il viale XX settembre: le auto in sosta occupano la fermata degli autobus Amt e Ast, costringendo gli utenti del trasporto pubblico a scendere in strada per poter salire sul bus. Ciò si verifica quotidianamente, provocando disservizi al trasporto pubblico e ingorghi causati dai veicoli  costretti  ad aspettare gli autobus in fermata.    

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 1

Ultimi commenti