Articolo
13 mar 2018

Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi

di Amedeo Paladino

Archiviato il 2017 come l’anno-record di Fontanarossa con oltre 9 milioni di passeggeri giunti in Sicilia atterrando o decollando ai piedi dell’Etna, la SAC continua a lavorare per dar seguito alla crescita dello scalo etneo. A breve cominceranno i lavori di conversione del centro polifunzionale agroalimentare e turistico “Norma” in Terminal che sarà dedicato alle partenze. La novità recente è la pubblicazione del bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei “Lavori di caratterizzazione, demolizione e smaltimento a rifiuto materiali esistenti nel terminal B (ex Morandi)" per un importo complessivo di € 1.700.000,00. L’intervento previsto riguarda i lavori di demolizione e smaltimento di arredi, finiture, divisori, infissi ed impianti presenti all'interno del terminale Morandi in disuso dal 2007. I lavori sono finalizzati alla successiva ristrutturazione dell’involucro edilizio che sarà destinato ad ampliamento della struttura aeroportuale in esercizio e diverrà il Terminal B, conforme alla nuova normativa antisismica, con una nuova conformazione architettonica integrata con il l'attuale aerostazione, che diverrà a sua volta il Terminal A. L'aerostazione Morandi, intitolata all'illustre metereologo catanese Filippo Eredia, fu inaugurata il 5 agosto 1981, con una capacità di circa 800.000 passeggeri annui. Il terminal, nel giro di pochi anni, si rivelò sottodimensionato (al pari dell'attuale...), tant'è che negli anni 2000 venne ampliato con una nuova struttura prefabbricata -la stessa che a breve sarà oggetto di riqualificazione-, per poi essere definitivamente chiuso l’8 maggio del 2007, contestualmente all'apertura della nuova aerostazione. Da allora è in stato di abbandono.   Si delinea, quindi, la futura configurazione land-side dell'aeroporto di Fontanarossa: al terminal A, entro pochi anni, si affiancheranno i due nuovi terminal B e C, che miglioreranno i servizi offerti ai passeggeri in transito dallo scalo etneo e naturalmente permetteranno la gestione dei crescenti flussi presso l'aeroporto.   Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Quale futuro per l’aeroporto di Catania dopo il traguardo dei 9 milioni di passeggeri nel 2017 Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mar 2017

RENDERING| Aeroporto Fontanarossa, il nuovo terminal C entro l’estate

di Roberto Lentini

Presto l'aeroporto "Vincenzo Bellini" di Catania si arricchirà di nuovi spazi per le operazioni aeroportuali. Verrà infatti rimodulata la destinazione del padiglione "Norma" (terminal arrivi sino al 2007): non sarà più salone delle eccellenze gastronomiche ma terminal aggiuntivo per le partenze. Il progetto esecutivo del nuovo terminale, che si chiamerà Terminal C, si trova già negli uffici dell'Enac per essere approvato. Il padiglione Norma venne realizzato accanto al vecchio terminal Morandi (anch'esso oggetto di futura ristrutturazione e conversione in Terminal B) e utilizzato come terminal arrivi, vista l’inadeguatezza del precedente impianto, progettato negli anni settanta per accogliere un traffico massimo di circa un milione di passeggeri annui. Con l'apertura del Terminal Bellini (futuro Terminal A), questo spazio venne chiuso insieme con la vecchia aerostazione "Filippo Eredia" e tenuto in disuso sino al 26 luglio 2015, quando, dopo alcuni lavori di ristrutturazione, il terminal fu trasformato nel padiglione "Norma" adibito a officina delle eccellenze della cultura culinaria siciliana. Circostanza legata all’Expo di Milano dello stesso anno e che richiese un investimento di 2,7 milioni per i lavori e di oltre un milione per arredi e servizi vari. La spesa prevista per il nuovo Terminal C è invece di circa 800mila euro. Su una superficie di circa 3800 mq troveranno posto quattro postazioni check-in, quattro varchi di sicurezza, la zona sterile, composta da quattro gate e da sale d'aspetto per i passeggeri. Sono inoltre previsti due bar, uno nei pressi dell'ingresso e uno all'interno della zona sterile, e due aree commerciali. Potrà ospitare un flusso di circa 350 passeggeri l'ora e la Sac stima di far transitare 40 mila passeggeri al mese. Il nuovo Terminal sarà utilizzato per le partenze di voli Schengen da compagnie aere Low cost, come Volotea, Euro Wings e German Wings. La realizzazione del nuovo Terminal C risulta indispensabile soprattutto per l'incremento di voli della summer 2017, durante la quale sono previsti più di 48 voli internazionali giornalieri a cui bisogna aggiungere tutti i voli nazionali. Oltre ai lavori del terminal C, sono partite anche le procedure per adeguare il vecchio terminal Morandi alla nuova normativa antisismica e conferirgli una nuova conformazione architettonica integrata con l’esistente. Esiste già un progetto preliminare da 28 milioni, con copertura finanziaria: il terminal B potrebbe aprire nel 2019.   Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania | Storia e sviluppi futuri Il 2017 dell’aeroporto di Catania: scenari e sviluppi

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti