Articolo
01 giu 2017

Catania meta preferita per l’estate 2017: non è tutto ora quello che luccica

di Amedeo Paladino

Catania come destinazione preferita dagli italiani per le vacanze estive, superando città come Londra e Barcellona o mete di di mare come Ibiza: è questo il quadro che emerge dalla classifica stilata da eDreams, uno dei più noti siti di prenotazioni online. La piattaforma online per l'organizzazione dei viaggi come ogni anno ha voluto analizzare le tendenze di viaggio dei suoi clienti per conoscere le destinazioni prescelte per le vacanze estive: grazie a un’analisi delle prenotazioni effettuate per voli andata /ritorno in partenza dall'Italia tra giugno e settembre 2017, è stata stilata la classifica delle 10 città dove voleranno gli italiani . Anche l'assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo si mostra soddisfatto: “Tra gennaio e aprile la Sicilia ha registrato quasi 2 milioni di presenze turistiche, con un aumento del 4,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Gli arrivi invece sono stati poco meno di 865mila arrivi, a +1,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E adesso, anche grazie a importanti riconoscimenti che arrivano alle nostre strutture ricettive e spiagge, gli addetti ai lavori prevedono un incremento del 30% delle prenotazioni”. Ad aggiungersi a questo quadro positivo anche il dato pubblicato da un altra piattaforma di prenotazioni online, Skyscanner, che rileva le 5 mete preferite per la Festa della Repubblica del 2 giugno: Catania si attesta al quinto posto dopo Londra, Amsterdam, Barcellona e Parigi. Ma è tutto oro quello che luccica? Quasi sicuramente il recente vertice del G7 gioverà all'appeal turistico del nostro territorio, ma è difficile pensare che i benefici positivi possano registrarsi nel brevissimo periodo: quindi qual è la verità che si cela dietro i dati pubblicati da due delle piattaforme online di prenotazione? L'analisi dei due portali da noi citati si basano su dati aggregati che non discriminano la tipologia del viaggiatore, se si tratta, cioè, di flussi turistici, oppure di movimenti di fuorisede di ritorno per il periodo estivo. Per avere contezza del fenomeno turistico occorre quindi far riferimento ai dati ISTAT: nell'ultimo report riferito all'anno 2015, la Sicilia, con 14 milioni di turisti, si attesta solo all'ottavo posto tra le regioni italiane; molto lontano dal Veneto che mantiene il primato con oltre 63 milioni di presenze turistiche. Nel report dell'Istituto Nazionale di Statistica, Catania registra circa 2 milioni di turisti, Palermo quasi 3. Solo i nuovi dati sulle presenze turistiche potranno dimostrare in modo incontrovertibile se l'incremento dei flussi turistici si sia registrato o meno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mag 2017

Catania destinazione preferita dagli italiani per l’estate 2017 secondo eDreams; seguita da Palermo e Ibiza

di Amedeo Paladino

Anche quest’anno eDreams, uno dei più noti siti di prenotazioni online, ha voluto analizzare le tendenze di viaggio dei suoi clienti per conoscere le destinazioni prescelte per le vacanze estive. Grazie a un’analisi delle prenotazioni effettuate è stata stilata la classifica delle 10 città dove voleranno gli italiani. Tra le città più prenotate ci sono ben 7 destinazioni nazionali e prevalentemente di mare e le 3 restanti europee. Sarà la Sicilia la metà preferita dagli italiani: Catania e Palermo si attestano ai primi posti, seguite da Ibiza. Tra le new-entry Lampedusa, che risale la classifica fino all'8° posto, Lamezia Terme al 9° e Brindisi al 10°; oltreconfine ci sono destinazioni “emergenti”, che stanno ricevendo particolare interesse da parte degli italiani: come Atene che ha ricevuto l’83% in più di prenotazioni rispetto al 2016, seguita da Santorini (+56%), Palma di Maiorca (+40%) e New York (+30%). Rispetto allo stesso periodo del 2016 per gli italiani si registra un incremento dei viaggi del 39 per cento, con una spesa media di 215 euro. Dalle analisi di eDreams si evince che il 30% degli italiani viaggerà per un periodo di 8-14 giorni, il 22% solo per una settimana e il 33% per meno di sette giorni, solo il 2% dei nostri connazionali potrà godere di ferie più lunghe di 22 giorni. foto di copertina: sicily.co.uk  

Leggi tutto    Commenti 0