Articolo
29 nov 2016

Museo Egizio, ufficiale l’apertura a Catania nel 2017

di Andrea Tartaglia

È ufficiale: nel 2017 aprirà a Catania una sede distaccata del prestigioso Museo Egizio di Torino. La notizia era nell'aria da tempo ed è la felice conclusione dell'idea nata mesi addietro da un'intuizione del sindaco del capoluogo etneo, Enzo Bianco, e che ha trovato, con la firma dell'accordo da parte del Ministro dei Beni e Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, concreta attuazione. I reperti saranno ospitati in un'area di circa seicento metri quadri in un'ala del restaurato ex Convento dei Crociferi di Catania, sito nell'omonima via, nel cuore del centro storico che ospita numerosi siti riconosciuti Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'Unesco. Non si tratta solo di un sito espositivo ma di un progetto scientifico di ampio respiro per lo studio e la conoscenza storica della Sicilia nel Mediterraneo, in cui risulterà fondamentale anche l’apporto degli istituti di ricerca, collegati con la sede centrale, che cercheranno di mostrare la relazione tra Torino e Catania come un esempio di collaborazione nazionale tra due città poste a latitudini opposte dell’Italia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 feb 2016

Museo Egizio, proseguono gli incontri per portarlo a Catania

di Roberto Lentini

Proseguono gli incontri preliminari per determinare gli aspetti organizzativi, scientifici e finanziari affinché il progetto di portare una filiale del museo egizio torinese a Catania possa presto divenire realtà. Oggi infatti il sindaco di Catania Enzo Bianco, accompagnato dall'Assessore Orazio Licandro, ha incontrato, presso il Collegio Romano, il Ministro Dario Franceschini, la Presidente del Museo Egizio  ed il Direttore Christian Greco. Il Ministro ha espresso pieno apprezzamento per il progetto di aprire una sezione staccato del Museo Egizio di Torino a Catania, nel Convento dei Crociferi il cui restauro sta per essere completato. Nelle prossime settimane una delegazione tecnica del Museo farà un sopralluogo a ‪Catania‬ per partire con il progetto operativo. I pezzi esposti potrebbero essere attinti dai ricchi magazzini del museo torinese non esposti al pubblico. "L'idea di fondo è di creare una vetrina, un raccordo siciliano della collezione torinese  - ha ribadito Evelina Christellin - che però garantista il brand dell'Egizio, sia dal punto di vista della gestione, sia dello stile". Ti potrebbe interessare: Una sede del museo Egizio a Catania: il convento dei Crociferi probabile spazio

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 feb 2016

Una sede del museo Egizio a Catania: il convento dei Crociferi probabile spazio

di Roberto Lentini

Una nuova sede per il Museo Egizio di Torino, il più importante al mondo dopo quello de Il Cairo: è la proposta avanzata dal Sindaco Bianco, ma allo stato attuale si tratta solo di incontri preliminari. Lo spazio idoneo potrebbe essere il convento dei Crociferi, attualmente in fase di restauro. Il sindaco di Catania Enzo Bianco, insieme all’Assessore alla Cultura Orazio Licandro, in visita al museo Egizio di Torino, ha fatto sapere tramite la sua pagina facebook, di aver incontrato il Presidente e Direttore del Museo dichiarandosi pronti ad ospitare una sede distaccata del museo Egizio a Catania visto che quello torinese ha circa 17.000 reperti e non ha gli spazi per esporli. La proposta è stata accolta con soddisfazione dalla dirigenza torinese tanto da essere informato pure il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini. La sede scelta dal sindaco Bianco per ospitare l’eventuale sede del museo è il convento dei Crociferi, in passato fu sede di sindacato, scuola e uffici e attualmente è interessato da un intervento di restauro che dovrebbe concludersi a breve. Il Museo egizio di Torino, è considerato, per il valore dei reperti, il più importante del mondo dopo quello del Cairo ed è il più antico museo egizio del mondo. Il museo è stato, nel 2014, l'ottavo tra i siti statali italiani più visitati, con 567.688 visitatori e un incasso totale di 1.896.303 Euro. Una simile iniziativa potrebbe quindi essere il volano per rilanciare l'economia, l’arte e la cultura nella nostra città.  “ La nostra Città ha tutti i requisiti per vivere di turismo - ha affermato Il vicesindaco Marco Consoli- Vinceremo anche questa battaglia!”

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti