Articolo
30 nov 2015

Vulcano, il nuovo treno della Circumetnea è in viaggio per Catania

di Andrea Tartaglia

Come già segnalato da Mobilita Catania nelle scorse settimane, è atteso a Catania il primo esemplare di "Vulcano", il nuovo treno della Ferrovia Circumetnea. Il primo dei 4 convogli a due casse ha già lasciato la fabbrica della Newag, in Polonia, ed è in viaggio per il capoluogo etneo, dov'è atteso per i prossimi giorni. Ecco alcune foto del treno, diviso in due casse, partito dalla Polonia alla volta di Catania (foto tratte da RK): Nel corso delle prime settimane di dicembre verrà sottoposto ai consueti collaudi sui binari della gloriosa Circumetnea, per poi essere presentato alla città e ai cittadini entro Natale. [Foto di copertina di Massimo Cornacchia per duegieditrice.it]   Per ulteriori dettagli e foto consulta i seguenti articoli: FOTO | Prima immagine di “Vulcano”, il nuovo treno della Circumetnea FOTO | I nuovi treni della Ferrovia Circumetnea

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 nov 2015

Metropolitana, da lunedì ingresso con abbonamento solo attraverso titoli elettronici

di Andrea Tartaglia

La metropolitana di Catania, per la quale il conto alla rovescia per l'apertura delle estensioni è già cominciato, si adegua alle nuove esigenze tecnologiche anche nel vecchio tracciato già operativo (linea Borgo-Porto, 3,8 km con sei stazioni). Nel 2016, infatti, è prevista l'apertura delle tratte Borgo-Nesima e Galatea-Stesicoro che saranno dotate, com'è prevedibile, di impiantistica tecnologica di ultima generazione. Pertanto sta venendo via via sostituita e integrata buona parte degli apparati tecnologici del tracciato in esercizio dal 1999: si tratta, nella fattispecie, dei varchi di accesso e di monitor lcd per le informazioni all'utenza. I nuovi varchi, già collocati presso le stazioni Porto, Stazione FS e Borgo (in foto), sono dotati di un apparecchio integrato di riconoscimento e validazione del titolo di viaggio elettronico. A tal proposito, la Ferrovia Circumetnea, che gestisce la metropolitana di Catania, comunica quanto segue: Dal 23/11/2015 i Signori viaggiatori in possesso di abbonamento ferroviario di tipo cartaceo potranno accedere in metropolitana solo con abbonamenti di tipo elettronico (smart card). Si invitano pertanto i Signori viaggiatori che intendono accedere con abbonamenti ferroviari in metropolitana a dotarsi dei nuovi abbonamenti elettronici presso la stazione ferroviaria di Catania Borgo o presso le altre stazioni abilitate.      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ott 2015

FOTO | Prima immagine di “Vulcano”, il nuovo treno della Circumetnea

di Andrea Tartaglia

L'immagine che vi proponiamo a seguire è la prima, dopo i render che vi abbiamo già proposto, che svela "dal vivo" il nuovo treno denominato Vulcano costruito in Polonia per la Ferrovia Circumetnea. L'immagine è tratta da un fermo immagine di una tv locale polacca. Entro quest'anno è atteso a Catania il primo dei quattro treni a due casse commissionati dalla Circumetnea. Per approfondire l'argomento (clicca per accedere all'articolo) : FOTO | I nuovi treni della Ferrovia Circumetnea    

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
09 set 2015

FOTO | Metropolitana, stazione Stesicoro: passi avanti per i lavori di completamento

di Andrea Tartaglia

Segnali di vita dai cantieri della metropolitana. Mentre nella tratta Borgo-Nesima i cantieri procedono a pieno ritmo, in particolar modo al viale Lorenzo Bolano, ultimamente apparivano a rilento quelli relativi alla tratta Galatea-Stesicoro. E se a giorni è prevista la ripresa dei lavori nel cantiere della stazione Giovanni XXIII, nel frattempo segnali di ripresa appaiono presso la stazione Stesicoro di Corso Sicilia che, insieme con la stazione Milo (qui FOTO e VIDEO) di Viale Alexander Fleming, è quella che, tra tutte, si presenta allo stadio più avanzato di realizzazione. Le foto che vi mostriamo, infatti, mostrano per la prima volta uno degli accessi in superficie (quello sud-est, ad angolo con via Luigi Rizzo), ormai quasi pronto, con la pavimentazione completa e il rivestimento delle pareti quasi ultimato. Spicca la scelta cromatica: piastrelle bianche, che danno un senso di luce e spaziosità (particolare che si apprezzerà specialmente all'interno della stazione). Segnaliamo anche che ieri mattina, in viale Africa, lungo la banchina del controviale ovest, è stato rimosso da operai incaricati l'ultimo residuo di cantiere del "nodo Fastweb", ormai definitivamente sciolto e superato. La conclusione dei lavori è prevista entro l'inizio dell'anno prossimo nell'ottica dell'apertura al pubblico nell'estate 2016, così come previsto nel cronoprogramma dei lavori della metropolitana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ago 2015

RENDER | Come sarà piazza Giovanni XXIII con il completamento della stazione metropolitana

di Roberto Lentini

Lo spazio urbano di piazza Papa Giovanni XXIII, soprastante la stazione della metropolitana in costruzione, è stato progettato dall'architetto Loredana Cucinotta; la riqualificazione dell'area fa parte dei lavori di completamento che cominceranno dopo Ferragosto. L'idea di base è quella di un sistema naturale ondulato ed ha come  evidente riferimento il paesaggio della costa ionica antistante la piazza. L’idea nasce, quindi, da un elemento naturale riconoscibile: il mare. L’architettura, con una morfologia chiara, ben definita ed identificabile, diventa un’architettura “morbida” e viva, suscettibile di cambiamenti al mutare della luce naturale. Il progetto architettonico è improntato a creare delle strutture che siano perfettamente inserite nel contesto ambientale. Le uscite della stazione metropolitana, sottostante la piazza (uscita A) e l’ascensore, verranno realizzate per garantire la massima trasparenza dall’esterno, attraverso una struttura semplice in acciaio verniciato bianco e vetro stratificato temperato, ma allo stesso tempo non saranno disadorne: tutto intorno sorgeranno giardini e aree di pertinenza in cui troveranno dimora piante, fiori e giochi d’acqua. La natura che circonda le strutture all’esterno penetrerà all’interno di esse, altre volte  le sovrasterà, perché piante, fiori e farfalle forano l’architettura e attraverso la luce proiettano ombre tutto intorno, diventando elemento identificativo e catturando lo sguardo verso una realizzazione dedicata ad un sistema trasportistico collettivo. Così sono stati pensati i due elementi di coperture per la luce naturale. Una copertura sovrasta l’ascensore della stazione ed una l'accesso principale, attraverso scale, della stazione metropolitana. I due elementi di ombreggiamento richiamano, nella forma, le linee del mare e sono realizzati con strutture in acciaio verniciato bianco con l'innesto di pannelli in lamiera di acciaio bianco decorato e microforato con motivi floreali. L’obiettivo estetico  è quello di personalizzare la struttura come se fosse un corpo fisico, un oggetto di esperienza emotiva che simbolicamente vuole rappresentare la congiunzione tra terra e mare. Piazza Papa Giovanni XXIII è così intesa come luogo di congiunzione tra centro urbano e lungomare, cuore identitario della città. Il progetto intende preservare l’identità della piazza come luogo d’incontro e di svago, di comunicazione e di pausa riflessiva, riscattandosi da quella attuale di luogo di transito e passaggio per il traffico veicolare. Per la pavimentazione, il cui disegno individua una serie di “spicchi” separati da aiuole, si è pensato di ricorrere a due tipi di materiale: il travertino per la pavimentazione generale e la pietra lavica a doghe per la delimitazione degli spicchi. Le aiuole, i cui bordi serviranno da sedute, saranno caratterizzate da forme sinuose. Al loro interno prenderà vita vegetazione di macchia mediterranea (mirto, lavanda, tamerice, ginestra, rosmarino, caprifoglio), con distinzioni per fasce cromatiche e  odori diversi. Le aiuole saranno rivestite in travertino e le sedute in doghe di teak. L’illuminazione, costituita da una serie di lampioni realizzati  in tubolare di acciaio corten con lampada a led colore blu sulla sommità, disposti con inclinazioni diverse, è poi integrata da corpi illuminanti posti al di sotto delle sedute. Nella parte centrale è prevista una serie di faretti a terra in corrispondenza dei  due percorsi al di sotto delle pensiline. Inoltre, la struttura perimetrale e verticale del totem verrà illuminata da faretti posti alla base e in sommità. Il sistema di illuminazione diffusa consente di usufruire della piazza come centro di aggregazione anche nelle ore notturne. Sono stati pensati dei giochi d’acqua attraverso degli ugelli posti a filo pavimento ad altezza varia e regolabile e con illuminazione a led RGB. L’uscita B della stazione metropolitana, sulla piazza,  è caratterizzata da una struttura totem con frangisole  in acciaio verniciato bianco e tubolari di altezza pari a m. 10,00 in acciaio verniciato bianco. Inoltre si prevedono, per le uscite C e D disposte sulla banchina est di viale Africa, ringhiere con pannelli di lamiera in acciaio verniciato bianco decorato microforato con motivi floreali.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mag 2015

FOTO | Stazione metro Milo, avanzano i lavori

di Andrea Tartaglia

Avanzano i lavori della metropolitana lungo la tratta Nesima-Borgo che, nelle intenzioni della Ferrovia Circumetnea, aprirà al pubblico nell'estate del 2016. Nelle foto di frusciante86, datate 11 maggio, vi mostriamo lo stato di avanzamento dei lavori in superficie della stazione Milo, compresa tra via Milo/Viale Alexander Fleming, via Bronte e via Costanza d'Aragona.   Questa stazione sarà particolarmente importante, in quanto utile per raggiungere il vicino presidio ospedaliero Arnas Garibaldi, la Cittadella Universitaria e la Caserma Sommaruga. Costituirà, inoltre, una valida alternativa alla stazione di Cibali per raggiungere lo stadio Angelo Massimino (in particolare la Tribuna B e la Curva Sud). In superficie è previsto anche un parcheggio che potrà fungere da interscambio tra mezzo privato e pubblico (metro e bus): sulla carreggiata est di viale Alexander Fleming, infatti, all'altezza della stazione della metropolitana, è presente anche una fermata del BRT1 in direzione Due Obelischi. Senza dimenticare, in un prossimo futuro, l'ulteriore collegamento (si parla al momento di funivia aerea) allo studio da parte di amministrazione comunale e Università degli Studi di Catania per collegare la stazione Milo al parcheggio scambiatore di via Santa Sofia, passando per la Cittadella Universitaria ed il Policlinico Vittorio Emanuele.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti