Articolo
20 mag 2017

Aeroporto di Catania, entro l’anno il nuovo terminal: pubblicato il bando per i lavori

di Roberto Lentini

Passo avanti per il nuovo terminal C ex Norma. Sulla Gazzetta Ufficiale è stato infatti pubblicato il bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei “Lavori di conversione del centro polifunzionale agroalimentare e turistico in Terminal C Partenze". L’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania ha registrato nel primo quadrimestre  2017, ben 2.346.201 transiti  riprendendosi la sesta posizione italiana persa nel primo trimestre a danno dell’aeroporto di Bologna, quest’ultimo nel primo quadrimestre ha registrato 2.239.366 transiti con una crescita del 6,9%. È ormai evidente che il Terminal A “Bellini” non riesca più a sopportare la mole sempre crescente di passeggeri e l’apertura del terminal C “Norma” previsto per la fine dell’estate  diventa ormai prioritario. Il nuovo Terminal potrà ospitare un flusso di circa 350 passeggeri l’ora e la Sac stima di far transitare 40 mila passeggeri al mese; sarà utilizzato per le partenze di voli Schengen da compagnie aeree low-cost. La struttura dell’ ex centro polifunzionale era stata edificata agli inizi degli anni 2000 come Terminal arrivi per sopperire all'esigenza di reperire spazi in sostituzione di quelli impegnati dal cantiere dei lavori di ristrutturazione e di ampliamento dell’aerostazione. Con la messa in esercizio del nuovo terminal la struttura, oggetto dell’intervento, e il terminal denominato Morandi, vennero chiusi al pubblico. Nel 2014, con un intervento significativo di ristrutturazione, il terminal è stato adibito a “centro polifunzionale agroalimentare e turistico”. Il progetto per la riconversione a Terminal C  prevede quattro postazioni check-in, tre varchi di sicurezza, la zona sterile, composta da quattro gate e da sale d’aspetto per i passeggeri. Sono inoltre previsti due bar, uno nei pressi dell’ingresso e uno all’interno della zona sterile, e due aree commerciali. Il nuovo terminal prevede solo check in convenzionali, il passeggero che deve effettuare il check-in, può raggiungere i controlli attraverso un percorso, alla sinistra dei banchi e di fronte gli stessi. Una volta effettuato il check in, i passeggeri già dotati di carte di imbarco, raggiungeranno direttamente l’area dei controlli attraverso un sistema di porte di accesso con lettore delle carte. Ecco come saranno distribuiti gli spazi: AREA CONTROLLI DI SICUREZZA L’area destinata ai controlli di sicurezza è stata localizzata ad est del fabbricato e si accede all’interno di essa solo se in possesso della carta di imbarco, grazie all’installazione di tornelli. Tale area prevede i seguenti elementi: la zona di preparazione e l’accodamento; la zona di controlli del passeggero; l’area in cui il passeggero a seguito dei controlli si riordina; l’uscita spazio tra le corsie (per i passeggeri in movimento) larghezza delle corsie; area destinata al controllo dei bagagli a mano; area atta a contenere le attrezzature per lo screening del passeggero. AREA GATES Nella Zona gates è previsto un food & beverage e retail e le sedute per i passeggeri in attesa dell'imbargo sull'aeromobile Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mag 2016

FOTO | Aeroporto Fontanarossa: pochi giorni all’apertura della nuova area partenze

di Amedeo Paladino

Dopo quasi un anno  dall'aggiudicazione definitiva della gara inerente alla procedura aperta avente per oggetto “Lavori di ampliamento dell’area partenze con copertura canyon della nuova aerostazione in Aeroporto Fontanarossa Catania” alla ditta Italica Srl Unipersonale di Catania e dopo 7 mesi dall'inizio dei lavori, il cantiere si avvia alla conclusione Mancano pochi giorni alla conclusione dei lavori di ampliamento dell'area partenza presso lo scalo etneo, intervento resosi necessario per sopperire al cronico affollamento e ai conseguenti disservizi. L’allargamento della zona partenze permetterà di dare maggiore spazio nell’area partenze e rendere più efficienti i controlli di sicurezza accrescendo conseguentemente la capacità aeroportuale. L’intervento, effettuato tramite la copertura dell’area antistante l’uscita dagli arrivi con una struttura in acciaio e vetro, prolungherà di 6 metri e mezzo l’impalcato esistente verso la facciata a vetri del fronte Nord, per un’estensione nella direzione longitudinale di 55 metri lungo l’orlo dell’impalcato e di 50 lungo la facciata. L’intervento consentirà di disporre di una superficie aggiuntiva di circa 340 metri quadrati che permetterà di ottimizzare le strutture a servizio dei controlli di sicurezza. Ecco le foto pubblicate sul fanpage ufficiale dell'aeroporto di Catania (la foto di copertina dell'articolo mostra la situazione precedente i lavori) L'ampliamento dell'area partenze sarà sicuramente utile per migliorare il transito dell’utenza nell’area arrivi. Dimostra ancora una volta, però, come il nuovo terminal si riveli sottodimensionato: urge il ripristino del vecchio terminal Morandi, in attesa del definitivo nuovo terminal. Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e scenari futuri; L’aeroporto di Catania si rifà il look: monitor, bagni e area partenze Fontanarossa, entro il 2017 terminal Morandi riaperto  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 apr 2016

Ancora caos in aeroporto, carenze infrastrutturali e di personale

di Roberto Lentini

Nonostante le proteste dei giorni scorsi continuano i disagi all'Aeroporto di Catania. Oggi solo 6 varchi su 11 erano aperti con tempi di attesa di circa 45 minuti per superare i controlli di sicurezza Alle ore 14 risultavano chiusi i varchi C, D, I, L , M, mentre rimanevano aperti soli i varchi prioritari  A, B e altri 4 varchi normali. Le cause di questi disagi sono probabilmente di ordine strutturale e di personale sottodimensionato. È ormai evidente che l'aeroporto di Catania non riesce più a sopportare  la mole sempre crescente di passeggeri e la ristrutturazione del Terminal Morandi risulta ormai prioritaria. Per la ristrutturazione del nuovo terminal Morandi si dovrebbero utilizzare i fondi ottenuti dalla Cassa Deposito e Prestiti, circa 80 milioni di euro, che dovrebbero consentire all'aeroporto di Catania di sopportare una mole di traffico di 11 milioni di passeggeri annui, contro i 7 milioni attuali. Contemporaneamente bisognerebbe aumentare il personale addetto alla sicurezza: non si capisce infatti come mai l'Aeroporto dispone di 11 varchi e al massimo ne vengono utilizzati 7. Nel passato le categorie sindacali CGIL Cisl ed Uil  avevano sollecitato la Sac Service ad  una riorganizzazione del lavoro chiedendo un incremento del personale in security e prm, a partire dalla stabilizzazione del precariato e della trasformazione dei contratti part-time in full-time, ed eventualmente, al ricorso a nuove assunzioni per i periodi di picco. Ormai appare chiaro che l'aeroporto di Catania non può reggere questa situazione e con l'arrivo della stagione estiva i disagi per i passeggeri aumenteranno ancora di più. [fonte foto in evidenza F.G. gruppo Facebook Aeroporto di Catania] Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania | Scheda dell’opera L’aeroporto di Catania si rifà il look: monitor, bagni e area partenze

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
01 apr 2016

Aeroporto Fontanarossa, molti passeggeri rimasti a terra: ma le disposizioni di sicurezza non c’entrano

di Mobilita Catania

E' successo stamattina, ed era successo pure nei giorni scorsi: alcuni passeggeri non sono riusciti a partire a causa delle lunghe file ai varchi di sicurezza. Capita spesso che si creano file lunghissime che vanno al di là dei corridoi guidati e trovarsi poi molti varchi chiusi "Nonostante fossimo arrivati in tempo e nell'orario previsto - ricostruisce uno di loro, che ha trovato il gate per Milano già chiuso - abbiamo dovuto fare una lunga coda per tutti i controlli. C'erano almeno un migliaio di persone e tre varchi erano chiusi...". La causa non è certamente da addebitare alle misure straordinarie adottate per i fatti di Bruxelles, visto che questi disagi si sono verificati pure nel passato,  ma alla mancanza di personale. Mercoledi sono rimasti a terra circa 18 passeggeri per il volo per Treviso, oggi circa 20 per il volo di Bologna e circa 10 per il volo per Milano. Attualmente si stanno completando i lavori di ampliamento del piazzale partenze ma non sarà quest'intervento a risolvere il problema, è piuttosto la mancanza di personale a causare questi disservizi. Consigliamo di recarsi in aeroporto almeno tre ore prima della partenza.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0

Ultimi commenti