Articolo
08 feb 2018

Lo sviluppo di Fontanarossa al centro di una riunione operativa a Palazzo degli Elefanti

di Amedeo Paladino

Riunione operativa a Palazzo degli Elefanti per risolvere alcune criticità dello scalo etneo. In particolare: aumentare il numero dei movimenti aerei, il miglioramento dei servizi e le risposte alla crescente domanda di mobilità da/per la Sicilia, di cui l'aeroporto di Catania è principale porta d'accesso. Il sindaco Enzo Bianco ha incontrato questa mattina a Palazzo degli Elefanti il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, generale Enzo Vecciarelli, nel corso di una riunione operativa alla quale hanno partecipato il Capo dell'Ufficio Generale del Capo di SMA, generale Francesco Presicce, il comandante del 41° Stormo Antisom di stanza a Sigonella, il colonnello Francesco Frare, il portavoce del Ministro della Difesa, Andrea Armaro, il Direttore Aeroportuale Enac (Ente Nazionale Aviazione Civile) della Sicilia Orientale, Vincenzo Fusco, la presidente della Sac Daniela Baglieri con l'amministratore delegato Nico Torrisi, il Capo di Gabinetto del Comune Gian Luca Emmi e il consulente del Sindaco per i rapporti istituzionali Francesco Marano. "L'aeroporto di Catania, ha detto il sindaco Bianco, oltre ad essere uno dei più importanti d'Italia, è la principale porta di accesso alla Sicilia: per questo motivo il nostro obiettivo è eliminare qualsiasi criticità che ne impedisca crescita e sviluppo; è una realtà in forte crescita e che possiede ampi margini di sviluppo. Si trova inoltre in una posizione logistica e infrastrutturale unica, avendo nei pressi tre importanti autostrade con un quarta che presto sarà realizzata. Per raggiungere questo obiettivo bisogna rimuovere alcune criticità avendo, come sempre, la capacità di fare squadra". Il Primo cittadino ha quindi promosso la costituzione di un tavolo tecnico di lavoro con tutti gli attori della presenti alla riunione, oltre all'Enav, per affrontare e risolvere i seguenti punti: la separazione delle procedure tra Catania e Comiso, la maggiore flessibilità degli orari, una corretta pianificazione. In particolare, si è parlato di aumentare il numero dei movimenti aerei: attualmente lo spazio aereo di Catania e Comiso ha un limite di 20 movimenti orari che impedisce l'aumento di collegamenti giornalieri e, di conseguenza, il miglioramento dei servizi e la risposta alla crescente domanda di mobilità da/per la Sicilia, di cui l'aeroporto di Catania è principale porta d'accesso. Per fare un esempio, nei due aeroporti in totale possono atterrare dieci aerei e decollarne altri dieci ogni ora, oppure ne possono atterrare diciotto e decollare due, sempre nel giro di sessanta minuti. A lanciare l'allarme circa il futuro prossimo del sistema aeroportuale di Catania e Comiso era stato l'amministratore delegato di Sac, Nico Torrisi, a seguito della paventata riduzione del numero dei voli in virtù del sistema di controllo del traffico aereo che, nella Sicilia orientale, viene gestito in sinergia tra la torre di controllo dell’ENAV di Fontanarossa e l’Aeronautica Militare di Sigonella. Per poter mantenere il crescente traffico dei due aeroporti, sarà necessario che l'Aeronautica Militare abbia la possibilità di impiegare nuovo personale di controllo voli sull’aeroporto di Sigonella, tale da consentire, nel breve termine, un numero di almeno trenta movimenti orari per i due aeroporti di Fontanarossa e di Comiso. Positiva la risposta del generale Vecciarelli che si è detto non solo disponibile alla collaborazione ma ha anche comunicato di "avere già identificato alcune soluzioni per quel che riguarda lo spazio aereo di Fontanarossa" ed ha ribadito l'importanza di "un dialogo costante per risolvere i problemi". Parole confermate da Fusco che ha sottolineato come Aeronautica e Enac "hanno da tempo iniziato un percorso condiviso per attivare tutto ciò che è necessario anche per consentire l'arrivo a Catania di nuove compagnie aeree". Oltre a ciò, il colonnello Frare ha precisato che "stiamo attuando un approccio multidisciplinare e stiamo investendo tutte le nostre risorse e energie per raggiungere risultati pratici e tangibili". "Esprimiamo piena soddisfazione - hanno dichiarato in maniera congiunta Daniela Baglieri e Nico Torrisi - per i risultati ottenuti. Ringraziamo il sindaco Bianco per la sua azione, che apprezziamo, e il generale Vecciarelli per l'operatività dimostrata". Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti