07 ago 2015

Passante ferroviario


Ciao, vorrei avere delucidazioni sul passante ferroviario.
Dal progetto della metropolitana, si vede chiaramente come tutta la parte verso nord di catania, rimanga esclusa dal transito della metro.
Leggendo i vari articoli pubblicati, mi pare di aver capito che è previsto però, una qualche sorta di collegamento tra ferrovia e metropolitana attraverso le stazioni di Europa, Picanello, Ognina e via dicendo.
Questo significa che ad esempio se compro il biglietto della metro e scenderò (ad apertura) nella stazione di picanello, potrò agevolmente arrivare all’aeroporto (a completamento della rete metropolitana) ? Da questo passante, quindi, transiteranno i treni di trenitalia e anche la metro fce?
 
grazie

1 risposta

La metropolitana gestita dalla Ferrovia Circumetnea (attuale linea Borgo-Porto, prossimamente Nesima-Stesicoro con diramazione per Porto) e il Passante Ferroviario ad uso metropolitano gestito dalle Ferrovie dello Stato (linea “costiera” con le nuove stazioni di Ognina, Picanello ed Europa) sono due infrastrutture a sé stanti.
Pertanto, precisamente, con metropolitana ci si riferisce alla linea gestita della Circumetnea, che tecnicamente è una metropolitana “pesante” nata specificamente con questo scopo, mentre alla linea (per il momento solo futura) gestita dalle Ferrovie dello Stato ci si riferisce come passante urbano, in quanto è una linea ferroviaria statale che, letteralmente, passa per il centro urbano. Proprio per questa sua ultima caratteristica si è pensato, così come avviene in molte altre grandi città, di realizzare più fermate in città per poter mettere in esercizio un servizio ferroviario di tipo metropolitano, ovvero con caratteristiche simili a quella di una metropolitana tradizionale, fatta salva l’esigenza di far correre sugli stessi binari anche i treni regionali e nazionali oltre che, evidentemente, quelli merci. In virtù di tale servizio, il passante ferroviario viene talvolta impropriamente chiamato metropolitana, visto che svolge un servizio assolutamente simile (come avviene, ad esempio, a Palermo). Onde evitare confusione, chiameremo qui metropolitana la linea gestita dalla Circumetnea e Passante Ferroviario quella gestita dalle Ferrovie dello Stato.
Poiché le due linee seguono tracciati differenti, eccetto per un breve tratto in cui corrono in parallelo lungo il viale Africa, è logico ipotizzare il loro impiego da parte dell’utenza in modo integrato.
Ciò potrà avvenire in due modi: il primo di tipo fisico, ovvero data la notevole vicinanza o corrispondenza delle relative stazioni. Nella fattispecie, la stazione Europa del Passante sorge a pochi metri dalla stazione Galatea della metropolitana, pertanto -pur in assenza di un collegamento dedicato diretto- queste due stazioni possono essere impiegate come punto di scambio tra le due linee. Più evidente è l’interscambio presso la Stazione Centrale FS, dove le due infrastrutture condividono lo stesso sito. Nel prossimo futuro, anche la stazione della metropolitana Giovanni XXIII potrà essere considerata luogo di scambio tra le due infrastrutture.
Il secondo modo di utilizzo delle linee in modo integrato è relativo ai servizi di biglietti e tariffe in comune. In sostanza, si ipotizza un servizio analogo a quello già messo in atto tra Azienda Metropolitana Trasporti e Ferrovia Circumetnea, per cui con lo stesso titolo di viaggio è possibile usufruire dei differenti tipi di trasporto pubblico nell’arco di tempo previsto.
Attualmente non è previsto, sul passante, il transito dei treni FCE della metropolitana. L’aeroporto, tuttavia, è una fermata strategica prevista sia dal passante ferroviario FS che dalla metro FCE. Nel caso del passante, la stazione sorgerà ad alcune centinaia di metri dal terminal principale dell’aeroporto, mentre nel caso della metropolitana la stazione è prevista proprio di fronte l’aerostazione. Per raggiungere l’aeroporto con un servizio metropolitano, dunque, resta da vedere quale tra Ferrovia Circumetnea e Rete Ferroviaria Italiana (che realizza le opere del passante) arriverà temporalmente per prima all’aeroporto. L’una, in ogni caso, non esclude l’altra, poiché i tracciati di avvicinamento all’aeroporto sono diversi. 
Attualmente è ipotizzabile che l’aeroporto sia servito per primo dal passante, poiché i binari esistono già e si tratta solo di realizzare la fermata. Per la metropolitana, invece, occorre attendere il finanziamento del tratto Palestro-Aeroporto.
Nel medio termine, dunque, è ipotizzabile prendere il passante a Picanello, ad esempio, e scendere alla futura stazione dell’Aeroporto senza dover cambiar mezzo, superando le fermate (nell’ordine) Europa, Stazione Centrale, Acquicella. Chiaramente, nel lungo termine, sarà possibile arrivare anche con la metropolitana FCE, dopo aver (eventualmente, a seconda del percorso), scambiato con il passante. Poiché, però, ad oggi è più verosimile ipotizzare più vicina nel tempo la realizzazione della fermata presso l’aeroporto del passante, chi utilizzerà quest’ultimo non avrà motivo di dovere scambiare con la metropolitana.
 

#1

This question is now closed

Domanda successiva